Gli attivisti per il clima si uniscono

Gli attivisti per il clima si uniscono per fermare l’oleodotto dell’Africa orientale

Nick Engelfried

Mentre un movimento nato in Uganda e Tanzania arriva negli Stati Uniti, gli attivisti per il clima si uniscono per fermare l’oleodotto dell’Africa orientale e traggono forza dalle lezioni delle precedenti battaglie

Il mese scorso, in occasione della celebrazione annuale nota come Giornata dell’Africa, gli attivisti di Uganda, Kenya, Nigeria, Ghana e altri Paesi hanno organizzato manifestazioni contro il coinvolgimento del gigante petrolifero francese TotalEnergies nei progetti di estrazione di combustibili fossili in Africa. Al centro delle proteste c’è stato l’oleodotto East Africa Crude Oil Pipeline, o EACOP, proposto dalla Total, che trasporterebbe 200.000 barili di petrolio al giorno dall’Uganda occidentale ai terminali di esportazione a 1.445 chilometri di distanza, sulla costa della Tanzania.

Gli organizzatori di base in Uganda e Tanzania hanno parlato contro l’EACOP per anni, a volte con grande rischio per la propria sicurezza. Ma a testimonianza dell’importanza del progetto per la biodiversità e i diritti umani, la campagna per fermare l’oleodotto sta entrando in una nuova fase, sempre più globale.

L’EACOP minaccia di sfollare circa 100.000 persone le cui case si trovano sul percorso dell’oleodotto. Attraverserebbe oltre 200 fiumi e il bacino del Lago Vittoria, fonte di irrigazione e acqua potabile per 40 milioni di persone. Avrebbe inoltre un impatto negativo su numerose aree protette in Uganda e Tanzania, tra cui parchi nazionali e riserve naturali. Tuttavia, è il potenziale contributo dell’oleodotto alla crisi climatica – 34 milioni di tonnellate di carbonio emesse ogni anno nell’atmosfera – che ha reso il suo arresto una priorità per i gruppi di attivisti per il clima non solo in Africa, ma anche in Europa e negli Stati Uniti.

“L’EACOP è un enorme progetto aziendale che interesserà migliaia di persone”, ha dichiarato Baraka Lenga di Fridays for Future Tanzania, che ha guidato l’opposizione all’oleodotto nel suo Paese. Vogliamo passare dai combustibili fossili all’energia verde e la Total sta cercando di riportarci indietro nella direzione sbagliata”. Ecco perché nel Nord e nel Sud del mondo gli attivisti per il clima si uniscono contro questo oleodotto”.

Le proteste dell’Africa Day sono state un segno di come l’opposizione all’EACOP si sia diffusa in tutto il continente. Tuttavia, potrebbe essere solo un assaggio delle cose che verranno, dato che il movimento per fermare uno dei più grandi progetti di nuovi combustibili fossili proposti in Africa continua a crescere.

Gli attivisti per il clima si uniscono

Attivisti di #StopEACOP a Goma, Repubblica Democratica del Congo, protestano in occasione della Giornata dell’Africa. (Twitter/350Africa)

Le radici della resistenza all’EACOP

Le origini della lotta contro l’EACOP risalgono al 2006, quando la Tullow Oil, con sede nel Regno Unito, scoprì circa 1,7 miliardi di barili di riserve sotterranee recuperabili nella regione dell’Albertine Graben in Uganda. Negli anni successivi, con l’aumento dei prezzi della benzina in molte parti del mondo, i colossi petroliferi globali hanno iniziato a intensificare gli sforzi per estrarre petrolio in luoghi dove un tempo sembrava troppo costoso o impraticabile farlo, come le sabbie bituminose canadesi e più a nord nell’Artico. È in questo contesto che Total e altre compagnie petrolifere, che alla fine hanno rilevato la quota di Tullow nei giacimenti appena scoperti, hanno iniziato a pianificare l’apertura dell’Africa orientale a un’enorme espansione delle attività di trivellazione petrolifera, di cui l’EACOP è una parte fondamentale.

Per gli attivisti per il clima del Nord America, questa storia potrebbe suonare stranamente familiare. Infatti, l’EACOP e l’opposizione di base ad esso richiamano alla mente la lotta di alto profilo per l’oleodotto Keystone XL, che ha imperversato per anni negli Stati Uniti e in Canada. Come il Keystone XL, l’EACOP attraverserebbe due Paesi per trasportare il petrolio sul mercato internazionale. Entrambi gli oleodotti provocherebbero lo spostamento di proprietari terrieri lungo il loro percorso, comprese le comunità indigene i cui antenati hanno convissuto con il paesaggio per millenni. Come il Keystone XL, l’EACOP rappresenta un elemento cruciale di un piano più ampio di espansione massiccia dell’estrazione di combustibili fossili in una regione ecologicamente sensibile.

Gli attivisti per il clima si uniscono

Attivisti di Fridays for Future Uganda protestano contro l’East Africa Crude Oil Pipeline a Ggaba. (Twitter/EndPlasticsNow)

“In origine, la maggior parte delle persone si è unita alla campagna per fermare questo oleodotto perché rappresenta una minaccia per i diritti umani, la giustizia sociale e la biodiversità”, ha detto Lenga. “Ma alcuni di noi, che si preoccupano della giustizia climatica, sono stati coinvolti fin dall’inizio perché sapevano che questo progetto avrebbe amplificato la crisi climatica”.

Mentre l’impatto diretto della costruzione dell’EACOP si farebbe sentire soprattutto in Africa orientale, le compagnie che tentano di costruirlo hanno sede soprattutto in altre parti del mondo. La Total detiene la quota maggiore del progetto, mentre la China National Offshore Oil Corporation è il secondo investitore. Molte delle banche e delle assicurazioni che più probabilmente sottoscriveranno l’oleodotto hanno sede in Europa e negli Stati Uniti. Con la crescita dell’opposizione all’EACOP, è cresciuta anche l’attenzione del movimento per il clima nel portare la campagna di resistenza nei Paesi che detengono le chiavi delle finanze del progetto.

Un movimento internazionale prende il via

Il mese scorso, in occasione dell’assemblea annuale degli azionisti della Total a Parigi, quasi 300 attivisti di Greenpeace France e di altre organizzazioni hanno bloccato le porte e si sono radunati all’esterno, fino a costringere la società a chiudere l’incontro di persona in cui aveva cercato di impressionare gli investitori. L’obiettivo delle proteste era quello di fare pressione sulla Total affinché ponesse fine al suo coinvolgimento nei principali progetti sui combustibili fossili, tra cui l’EACOP, in solidarietà con le comunità di base dell’Africa orientale. È stato un segno di come l’opposizione dei gruppi per il clima all’oleodotto sia diventata globale.

“La campagna contro l’EACOP è cresciuta a macchia d’olio man mano che sempre più persone sono venute a conoscenza del progetto”, ha dichiarato Ryan Brightwell, attivista di BankTrack con sede nei Paesi Bassi. “Nel 2018, quando la nostra organizzazione è stata coinvolta per la prima volta, era frustrante che ci fosse poca attenzione internazionale sul gasdotto. La situazione è cambiata, soprattutto in Francia, dove ha sede Total”.

Una pietra miliare per la campagna è arrivata nel febbraio dello scorso anno, quando più di 250 organizzazioni di tutto il mondo hanno formalmente lanciato la coalizione internazionale #StopEACOP. Nelle lettere inviate agli amministratori delegati delle aziende che con maggiore probabilità finanzieranno l’oleodotto, la coalizione ha fatto pressione affinché non dessero il loro sostegno. Ad oggi, almeno 20 banche e otto assicurazioni – tra cui Barclays, Citi, Wells Fargo, JPMorgan Chase e Axa – hanno risposto impegnandosi a non finanziare direttamente l’EACOP. Anche per questo motivo, il gasdotto ha subito una serie apparentemente interminabile di ritardi.

Inizialmente la costruzione dell’EACOP doveva terminare nel 2020, ma la tempistica è stata posticipata perché il progetto sta lottando per assicurarsi i finanziamenti necessari. “Nel 2018 si pensava di finalizzare i finanziamenti entro la metà del 2019, in modo che la costruzione potesse iniziare subito dopo”, ha spiegato Brightwell. “Di recente, hanno detto che avrebbero concluso il prestito entro la fine di quest’anno. Questi ritardi danno alla nostra campagna il tempo di prendere slancio”. La Total sta lottando per finanziare l’EACOP, ma i prossimi mesi potrebbero essere cruciali. Non possiamo permetterci di dare nulla per scontato”.

Almeno un importante broker assicurativo, Marsh McLennan negli Stati Uniti, sta ancora lavorando con la Total per cercare di ottenere una copertura per l’oleodotto – ed è questo, più di ogni altra cosa, che ha fatto sì che il movimento Stop EACOP si diffondesse oltre l’Africa e l’Europa. A maggio, 350 Stati Uniti ha lanciato ufficialmente una campagna di pressione su Marsh McLennan affinché abbandonasse il progetto. È stato l’inizio di una nuova fase per il movimento, incentrata su un obiettivo aziendale con sede negli Stati Uniti.

Gli attivisti per il clima si uniscono

Attivisti di Fridays for Future a Grenoble, in Francia, mentre protestano davanti a una stazione di servizio Total a gennaio. (Twitter/350)

Attivisti statunitensi coinvolti

Il movimento Stop EACOP è ancora giovane negli Stati Uniti e finora i gruppi che si occupano di clima hanno sottolineato l’uso dell’attivismo online per fare pressione su Marsh McLennan e sulle altre società coinvolte nel gasdotto. “Ci sono molti modi per avere un impatto”, ha detto Brightwell. “Per esempio, molti fondi pensione negli Stati Uniti sono esposti alla Total. Chiunque investa in loro è esposto anche ai rischi di questo progetto e al suo contributo alla crisi climatica”.

Con l’intensificarsi del movimento, gli attivisti statunitensi per il clima avranno l’opportunità di trarre insegnamento da altre lotte contro gli oleodotti. Il successo della campagna per fermare il Keystone XL, che l’amministrazione Biden ha respinto l’anno scorso, può offrire insegnamenti particolarmente preziosi. La prima vera campagna internazionale di tale portata contro un oleodotto in Nord America, la lotta per il Keystone XL, ha avuto i suoi alti e bassi. Ha comportato molte dure lezioni sulle sfide da affrontare per sfruttare le risorse dei grandi gruppi per il clima, elevando allo stesso tempo la voce di coloro che sono maggiormente colpiti da un progetto di espansione dei combustibili fossili. Ma nei suoi momenti migliori e più efficaci, la campagna ha fornito agli attivisti statunitensi e canadesi un modello per il successo della contestazione di un oleodotto internazionale.

Le tattiche che hanno giocato un ruolo importante nella lotta contro il Keystone XL sono state le dimostrazioni di massa rivolte ai politici e ai finanziatori del progetto, l’azione diretta contro le compagnie coinvolte e l’invio di risorse ai gruppi guidati dagli indigeni in prima linea nell’opporsi all’estrazione delle sabbie bituminose. Da allora, gruppi climatici statunitensi e canadesi hanno applicato approcci simili per contrastare altri oleodotti. Sebbene alcuni di questi sforzi si siano rivelati più efficaci di altri, tutti hanno contribuito a creare lo slancio per un movimento veramente internazionale di sfida all’industria petrolifera. Resta da vedere come i gruppi ambientalisti statunitensi potrebbero sfruttare alcune delle stesse tattiche per sfidare l’EACOP – una lotta non solo internazionale, ma globale.

Ci sono già segnali che indicano che la solidarietà tra le organizzazioni di base in Africa orientale e le grandi organizzazioni internazionali si sta dimostrando efficace. I gruppi che si occupano di clima e di diritti umani sono riusciti a focalizzare l’attenzione globale sugli organizzatori in Uganda e Tanzania, che altrimenti avrebbero rischiato di essere presi di mira con la violenza per essersi opposti all’industria petrolifera. “In Tanzania, molte persone hanno paura di parlare contro questo progetto perché temono di essere arrestate”, ha detto Lenga. “Ma so che le organizzazioni internazionali saranno al mio fianco”.

Un nuovo fronte contro il colonialismo

La maggior parte dei Paesi non africani le cui società sono coinvolte nell’EACOP, sia come proprietari che come finanziatori, hanno una lunga storia di colonizzatori o sfruttatori di Paesi sovrani del continente africano. Per alcuni oppositori dell’EACOP, quindi, lottare contro questo oleodotto è una forma di resistenza al colonialismo sotto un’altra veste.

“Sono passati più di 60 anni da quando l’Uganda e la Tanzania hanno annunciato la loro indipendenza”, ha dichiarato Omar Elmawi, un organizzatore di 350.org con sede a Nairobi, in occasione di un evento online per la campagna Stop EACOP negli Stati Uniti. “Queste compagnie devono finalmente capire che questi sono Paesi liberi e non dovrebbero essere coinvolte nello sfruttamento delle loro risorse”.

L’opposizione delle comunità lungo il percorso dell’oleodotto continua a costituire il cuore del movimento Stop EACOP. Tuttavia, proprio come nel caso della campagna contro il Keystone XL, è necessaria una risposta internazionale degli attivisti, perché le multinazionali coinvolte non rispettano i confini nazionali. La differenza principale è che nel caso del Keystone XL, la maggior parte degli attori aziendali aveva sede negli Stati Uniti o in Canada. Nel caso dell’EACOP, sono sparsi in almeno quattro continenti: Africa, Europa, Asia e Nord America. La campagna per fermare l’EACOP rappresenta quindi un’opportunità quasi senza precedenti per costruire un movimento veramente mondiale incentrato sull’opposizione a un gigantesco oleodotto.

“È stato fantastico collaborare con persone in tutta l’Africa, in Europa e in tutto il mondo per questa campagna”, ha dichiarato Lenga. “Noi nei Paesi colpiti non chiediamo molto. Abbiamo solo bisogno di sostegno, perché finché resteremo uniti, sono sicuro che vinceremo questa battaglia”.


Fonte: Waging Nonviolence, 28 giugno 2022

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.