Giustizia per Assange è giustizia per tutti

Autore
John Pilger


Julian Assange è un narratore della verità che non ha commesso alcun crimine, ma ha rivelato crimini e bugie del governo su vasta scala e ha così svolto uno dei grandi servizi pubblici della mia vita: giustizia per Assange è giustizia per tutti

Giustizia per Assange
Assange legge un comunicato dal balcone dell’Ambasciata dell’Ecuador in Londra – 2012
| Foto Snapperjack from London, UK., CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

Quando ho visto per la prima volta Julian Assange nella prigione di Belmarsh, nel 2019, poco dopo che era stato trascinato via dal suo rifugio nell’ambasciata ecuadoregna, ha detto: “Penso che sto per perdere la testa”.

Era magro ed emaciato, gli occhi incavati e la magrezza delle sue braccia era sottolineata da un panno giallo identificativo legato intorno al braccio sinistro, un simbolo evocativo del controllo istituzionale.

Per tutte le due ore della mia visita, è stato confinato in una cella solitaria in un’ala conosciuta come “sanità”, un nome orwelliano. Nella cella accanto a lui un uomo profondamente disturbato urlava durante la notte. Un altro occupante soffriva di cancro terminale. Un altro era gravemente disabile.

“Un giorno ci fu permesso di giocare a Monopoli”, disse, “come terapia. Quella era la nostra assistenza sanitaria!”

“Questo è Un volo sul nido del cuculo”, ho detto.

“Sì, solo più folle”.

Il nero senso dell’umorismo di Julian lo ha spesso salvato, ma non più. Le insidiose torture che ha subito a Belmarsh hanno avuto effetti devastanti. Leggete i rapporti di Nils Melzer, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, e le opinioni cliniche di Michael Kopelman, professore emerito di neuropsichiatria al King’s College di Londra e del dottor Quentin Deeley, e riservate un disprezzo per il mercenario americano in tribunale, James Lewis QC, che ha liquidato il tutto come “malingering”.

Sono stato particolarmente commosso dalle parole esperte della dottoressa Kate Humphrey, una neuropsicologa clinica dell’Imperial College di Londra. L’anno scorso ha detto all’Old Bailey che l’intelletto di Julian era passato da “nella gamma superiore, o più probabilmente molto superiore” a “significativamente al di sotto” di questo livello ottimale, al punto che stava lottando per assorbire le informazioni e “eseguire nella gamma bassa o media”.

All’ennesima udienza di questo vergognoso dramma kafkiano, l’ho visto lottare per ricordare il suo nome quando il giudice gli ha chiesto di dichiararlo.

Per la maggior parte del suo primo anno a Belmarsh, è stato rinchiuso. Privato di un adeguato esercizio fisico, percorreva la lunghezza della sua piccola cella, avanti e indietro, avanti e indietro, per “la mia personale mezza maratona”, mi disse. Questo puzzava di disperazione. Una lama di rasoio è stata trovata nella sua cella. Ha scritto “lettere d’addio”. Telefonò ripetutamente ai samaritani.

All’inizio gli furono negati i suoi occhiali da lettura, abbandonati nella brutalità del suo rapimento dall’ambasciata. Quando finalmente gli occhiali arrivarono alla prigione, non gli furono consegnati per giorni. Il suo avvocato, Gareth Peirce, scrisse una lettera dopo l’altra al direttore della prigione per protestare contro il rifiuto dei documenti legali, l’accesso alla biblioteca della prigione, l’uso di un computer portatile di base con cui preparare il suo caso. La prigione impiegava settimane, anche mesi, per rispondere. (Il governatore, Rob Davis, è stato insignito dell’Ordine dell’Impero Britannico).

I libri che gli sono stati inviati da un amico, il giornalista Charles Glass, egli stesso sopravvissuto alla presa di ostaggi a Beirut, sono stati restituiti. Julian non ha potuto chiamare i suoi avvocati americani. Fin dall’inizio, è stato costantemente medicato. Una volta, quando gli ho chiesto cosa gli stavano dando, non ha saputo dirlo.

All’udienza dell’Alta Corte della scorsa settimana per decidere definitivamente se Julian sarebbe stato estradato in America, è apparso solo brevemente in collegamento video il primo giorno. Sembrava indisposto e instabile. Alla corte è stato detto che era stato “scusato” a causa delle sue “medicine”. Ma Julian aveva chiesto di partecipare all’udienza ed è stato rifiutato, ha detto la sua compagna Stella Morris. La presenza in un tribunale che ti giudica è sicuramente un diritto.

Quest’uomo intensamente orgoglioso esige anche il diritto di apparire forte e coerente in pubblico, come ha fatto all’Old Bailey l’anno scorso. Poi, si è consultato costantemente con i suoi avvocati attraverso la fessura della sua gabbia di vetro. Ha preso copiosi appunti. Si è alzato e ha protestato con rabbia eloquente contro le bugie e gli abusi del processo.

Il danno che gli è stato fatto nel suo decennio di incarcerazione e di incertezza, compresi più di due anni a Belmarsh (il cui regime brutale è celebrato nell’ultimo film di Bond) è fuori dubbio.

Ma anche il suo coraggio è fuori discussione, e una qualità di resistenza e resilienza che è eroismo. È questo che può vederlo attraverso l’attuale incubo kafkiano – se gli viene risparmiato l’inferno americano.

Conosco Julian da quando è arrivato in Gran Bretagna nel 2009. Nella nostra prima intervista, ha descritto l’imperativo morale dietro WikiLeaks. Cioè che il nostro diritto alla trasparenza dei governi e dei potenti era un diritto democratico fondamentale. L’ho visto aggrapparsi a questo principio quando a volte ha reso la sua vita ancora più precaria.

Quasi nessuno di questo lato notevole del carattere dell’uomo è stato riportato dalla cosiddetta “stampa libera” il cui futuro, si dice, è in pericolo se Julian viene estradato.

Certo, ma non c’è mai stata una “stampa libera”. Ci sono stati straordinari giornalisti che hanno occupato posizioni nel “mainstream” – spazi che ora hanno chiuso, costringendo il giornalismo indipendente su internet.

Lì, è diventato un “quinto potere”, un samizdat di lavoro dedicato, spesso non pagato da coloro che erano onorevoli eccezioni in un media ora ridotto a una catena di montaggio di luoghi comuni. Parole come “democrazia”, “riforma”, “diritti umani” sono spogliate del loro significato da dizionario e la censura è per omissione o esclusione.

La fatidica udienza della settimana scorsa all’Alta Corte è stata “scomparsa” nella “stampa libera”. La maggior parte della gente non saprebbe che un tribunale nel cuore di Londra si è seduto a giudicare il loro diritto di sapere: il loro diritto di domandare e dissentire.

Molti americani, se sanno qualcosa del caso Assange, credono alla fantasia che Julian sia un agente russo che ha fatto perdere le elezioni presidenziali del 2016 a Hillary Clinton e Donald Trump. Questo è sorprendentemente simile alla bugia che Saddam Hussein aveva armi di distruzione di massa, che ha giustificato l’invasione dell’Iraq e la morte di un milione o più di persone.

È improbabile che sappiano che il principale testimone dell’accusa alla base di una delle accuse inventate contro Julian ha recentemente ammesso di aver mentito e fabbricato le sue “prove”.

Né avranno sentito o letto della rivelazione che la CIA, sotto il suo ex direttore, il sosia di Hermann Goering Mike Pompeo, aveva pianificato di assassinare Julian.  E questo non era certo una novità. Da quando conosco Julian, è stato sotto minaccia di danni e peggio.

La sua prima notte nell’ambasciata ecuadoregna nel 2012, figure oscure brulicavano sulla facciata dell’ambasciata e battevano sulle finestre, cercando di entrare. Negli Stati Uniti, figure pubbliche – tra cui Hillary Clinton, fresca della sua distruzione della Libia – hanno a lungo chiesto l’assassinio di Julian. L’attuale presidente Biden lo ha condannato come “terrorista hi-tech”.

L’ex primo ministro dell’Australia, Julia Gillard, era così ansiosa di compiacere quelli che chiamava “i nostri migliori amici” a Washington che ha chiesto che il passaporto di Julian gli fosse tolto – finché non le è stato fatto notare che questo sarebbe stato contro la legge. L’attuale primo ministro, Scott Morrison, un uomo di PR, quando gli è stato chiesto di Assange, ha detto: “Dovrebbe affrontare la musica”.

È stata stagione aperta sul fondatore di WikiLeaks per più di un decennio. Nel 2011, The Guardian ha sfruttato il lavoro di Julian come se fosse il suo, ha raccolto premi giornalistici e accordi con Hollywood, poi si è rivoltato contro la sua fonte.

Sono seguiti anni di assalti vituperati contro l’uomo che ha rifiutato di unirsi al loro club. È stato accusato di non aver redatto i documenti con i nomi delle persone considerate a rischio. In un libro del Guardian di David Leigh e Luke Harding, Assange è citato per aver detto durante una cena in un ristorante di Londra che non gli importava se gli informatori nominati nelle fughe di notizie venivano danneggiati.

Né Harding né Leigh erano alla cena. John Goetz, un giornalista investigativo di Der Spiegel, era presente alla cena e ha testimoniato che Assange non ha detto nulla del genere.

Il grande whistleblower Daniel Ellsberg ha detto l’anno scorso all’Old Bailey che Assange aveva personalmente redatto 15.000 file. Il giornalista investigativo neozelandese Nicky Hager, che ha lavorato con Assange alle fughe di notizie sulla guerra in Afghanistan e in Iraq, ha descritto come Assange ha preso “precauzioni straordinarie nel redigere i nomi degli informatori”.

Nel 2013, ho chiesto al regista Mark Davis di questo. Rispettato emittente per la SBS Australia, Davis è stato un testimone oculare, accompagnando Assange durante la preparazione dei file trapelati per la pubblicazione sul Guardian e sul New York Times. Mi ha detto: “Assange è stato l’unico a lavorare giorno e notte per estrarre 10.000 nomi di persone che potevano essere prese di mira dalle rivelazioni nei registri”.

Tenendo una lezione a un gruppo di studenti della City University, David Leigh ha deriso l’idea stessa che “Julian Assange finirà in una tuta arancione”. Le sue paure erano un’esagerazione, ha sogghignato. Edward Snowden ha poi rivelato che Assange era su una “linea temporale di caccia all’uomo”.

Luke Harding, coautore con Leigh del libro del Guardian che ha rivelato la password di una raccolta di cablogrammi diplomatici che Julian aveva affidato al giornale, era fuori dall’ambasciata ecuadoregna la sera in cui Julian ha chiesto asilo. In piedi a fianco di una fila di poliziotti, ha gongolato sul suo blog: “Scotland Yard potrebbe anche avere l’ultima risata”.

La campagna è stata implacabile. Gli editorialisti del Guardian hanno raschiato il fondo. “È davvero il più enorme stronzo”, scrisse Suzanne Moore di un uomo che non aveva mai incontrato.

L’editore che ha presieduto a questo, Alan Rusbridger, si è recentemente unito al coro che “difendere Assange protegge la stampa libera”. Avendo pubblicato le rivelazioni iniziali di WikiLeaks, Rusbridger deve chiedersi se la successiva scomunica di Assange da parte del Guardian sarà sufficiente a proteggere la sua pelle dall’ira di Washington.

I giudici dell’Alta Corte annunceranno probabilmente la loro decisione sull’appello degli Stati Uniti nel nuovo anno. Ciò che decideranno determinerà se la magistratura britannica ha distrutto o meno le ultime vestigia della sua vantata reputazione; nella terra della Magna Carta questo caso vergognoso avrebbe dovuto essere sbattuto fuori dal tribunale molto tempo fa.

L’imperativo mancante non è l’impatto su una “stampa libera” collusa. È la giustizia per un uomo perseguitato e volontariamente negata.

Julian Assange è un narratore di verità che non ha commesso alcun crimine. Ma ha rivelato crimini e bugie del governo su vasta scala e ha svolto così uno dei grandi servizi pubblici della mia vita. Abbiamo bisogno che ci venga ricordato che la giustizia per uno è giustizia per tutti?


John Pilger

John Pilger è un giornalista pluripremiato. I suoi articoli appaiono in tutto il mondo su giornali come il Guardian, l’Independent, il New York Times, il Los Angeles Times, il Mail & Guardian (Sud Africa), Aftonbladet (Svezia), Il Manifesto (Italia).


Giustizia per Assange è giustizia per tutti, Fonte: MintPress News, 1 novembre 2021

Traduzione a cura della redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.