Le trapunte preservano la storia di un popolo

Autrice
Loretta Graceffo


Il quilting è una forma d’arte che crea collettività: le trapunte preservano la storia di un popolo

Le trapunte preservano la storia di un popolo
La AIDS Memorial Quilt in mostra a Washington, D.C. (Flickr/Adam Fagen)

Più di 600.000 persone negli Stati Uniti sono morte di coronavirus dall’inizio della pandemia, un numero che è incomprensibile. Poche persone comprendono l’entità di questa perdita più di quanto faccia la quattordicenne Madeleine Fugate. Dall’aprile 2020, la studentessa californiana di terza media ha passato i fine settimana a costruire il Covid Memorial Quilt, un tributo alle vittime del virus.

“È importante per me documentare le persone che hanno perso la vita perché erano più di un numero”, ha detto Fugate, che ha iniziato la trapunta come un progetto scolastico. “Devono essere ricordati come persone con diversi vissuti, amici e famiglia – persone che amavano le cose.”

Madeleine Fugate regge un pannello del Covid Memorial Quilt, che sarà esposto in musei, ospedali, chiese, scuole e mostre itineranti. (WNV/Lisa Smith)

Da quando il progetto è iniziato, Fugate ha ricevuto centinaia di trapunte provenienti da tutto il paese. Ogni pacco contiene una lettera in cui chi ha perso una persona amata a causa del Covid, racconta di lei. Un sacerdote polacco che amava gli animali e i Phillies (una squadra di baseball del Filadelfia). Un’artista che era sempre disposta a raccontare della sua sedia a rotelle. Una zia che ha insegnato a sua nipote come avvolgere i tamales (involtini tipici dell’America Latina).

Fugate incoraggia le persone che non sanno cucire a inviare foto, patch, poesie o vecchie magliette che gli ricordano la persona che hanno perso. Dopodiché, utilizza questi ricordi per imbandire delle piazze commemorative – spesso con l’aiuto di sua madre, Katherine, che cita come sua fonte di ispirazione.

Più di trent’anni prima, Katherine era una studentessa universitaria che passava il venerdì sera a cucire per l’AIDS Memorial Quilt, la più grande opera collettiva d’arte popolare al mondo. Come sua figlia, era mossa dal desiderio di onorare coloro che il governo considerava sacrificabili. “Durante la crisi dell’AIDS, i miei amici stavano morendo e il governo non faceva nulla, quindi la trapunta è il risultato di una combinazione di attivismo e rabbia”, ha detto Katherine. “Volevamo dire: guardaci. Riconoscici. Sono degni di un nome.”

Anche se l’AIDS Memorial Quilt è l’esempio più famoso, le trapunte sono state utilizzate anche come mezzo di protesta e narrazione, al fine di preservare per secoli la storia popolare. Poiché le strisce di tessuto possono essere raccolte e assemblate in seguito, il quilting è una forma d’arte unica e comune.Ed è particolarmente indicata per costruire collettivi e riunire le persone. 

“Le trapunte sono una cosa molto americana e documentano la storia come fossero degli arazzi”, ha detto Katherine. “Sono resistenti e si possono facilmente spostare da un posto all’altro. Il bello è che vengono create con le mani di qualcuno – un gesto di vero amore.”

Tessere la “storia di un popolo”

Un detto dice che “la storia è scritta dai vincitori”, ma le trapunte sono create da chi è lontano dai centri di potere, molto spesso donne e persone di colore. Per questo motivo, offrono un’occasione unica per respingere le narrazioni ufficiali e riunire le lotte per la giustizia e la dignità umana.

Un esempio risale al 1893, quando gli Stati Uniti organizzarono un colpo di Stato nel Regno delle Hawaii per promuovere gli interessi commerciali americani. Dopo il rovesciamento, la regina Lili’uokalani, legittima monarca del regno, fu condannata per tradimento e reclusa in una camera al piano superiore del suo palazzo per quasi otto mesi.


Cucito nel quadrato centrale del Queen’s Quilt, Lili’uokalani ha scritto le parole “Imprigionata a Iolani Palace … Abbiamo iniziato la trapunta qui”. (Palazzo Iolani)

Durante quel periodo, creò quella che oggi è conosciuta come la “Queen’s Quilt“, un’appassionata dichiarazione politica che documenta le tradizioni e la cultura delle isole. Nel primo pannello della trapunta è cucito un messaggio: “Imprigionata a Palazzo Iolani … qui inizia la trapunta.” Nelle varie toppe, Lili’uokalani ha raccontato il colpo di stato imperiale e la conquista della sua terra. Il suo è un atto di resistenza particolarmente struggente siccome il governo degli Stati Uniti ha fatto tutto il possibile per censurare la vera storia dell’isola.

Lili’uokalani non è l’unica persona ad aver voluto preservare la storia del suo popolo attraverso il tessuto. Nel 1934, il leader della comunità e educatore Ruth Clement Bond iniziò un “progetto di abbellimento domestico” per le donne nere in Tennessee. L’obiettivo del progetto era duplice: migliorare la qualità della vita delle donne nere insegnando loro la bellezza dell’autonomia e dell’artigianalità, e celebrare il ruolo dei popoli neri nella trasformazione del Sud.

All’epoca, il governo federale aveva appena istituito la Tennessee Valley Authority, un programma di lavoro e sviluppo del New Deal che sfruttava l’energia dei fiumi americani per creare energia elettrica a basso costo nella regione. Al centro di questa rivoluzione elettrica c’erano i lavoratori neri, alcuni dei quali in passato erano stati mezzadri.

La trapunta “Black Power” di Ruth Clement Bond. (Museo delle Arti e del Design)

Mentre i loro mariti lavoravano alla costruzione della diga di Wheeler, le donne coinvolte nel progetto di abbellimento domestico cucirono una serie di trapunte, una forma d’arte tramandata loro dagli antenati schiavi. Anche se ogni trapunta aveva una propria risonanza spirituale e culturale, ce n’è una che spicca. Raffigura un pugno nero che sfonda il suolo, stringendo un fulmine rosso. Il disegno raffigurava l’energia elettrica che gli uomini neri fornivano a una delle aree più povere del sud rurale  ma per molti lavoratori neri in Tennessee, il pugno rappresentava qualcosa di molto più grande.

La chiamavano la trapunta “Black Power”. Trent’anni prima dell’alba del movimento Black Power, questo divenne un simbolo dell’unità e della forza dei popoli neri, un segno che il processo di liberazione era iniziato. “Stavamo superando gli ostacoli, le obiezioni”, ha detto Clement Bond. “Stavamo uscendo dalla Depressione e volevamo vivere una vita migliore attraverso i nostri sforzi. L’opposizione non ci avrebbe fermati.”

Provvedere alla comunità

Oltre a preservare la storia di un popolo, le trapunte hanno anche uno scopo più pratico: la raccolta fondi per i movimenti sociali e di aiuto reciproco. In passato, le trapunte sono state messe all’asta per sostenere varie cause, dall’abolizione alla ricostruzione di un ospedale in Vietnam che era stato bombardato dalla US Air Force.

Nel 1966, un gruppo di artigiani neri fondò la Freedom Quilting Bee Cooperative, un collettivo di quilting a conduzione femminile di Rehoboth, in Alabama. Poiché i quilters erano attivi nel movimento per i diritti civili, molti di loro hanno affrontato lo sfratto, la preclusione del prestito e la prigione. La cooperativa divenne presto un mezzo per distribuire aiuti reciproci e raccogliere fondi per il movimento.

Attraverso aste d’arte, partnership commerciali e mostre museali, le trapunte hanno raggiunto un pubblico nazionale, consentendo a molte artigiane di mandare i propri figli all’università e di installare impianti idraulici ed elettrici nelle loro case. Le loro trapunte più popolari presentavano jeans in denim strappato che erano stati indossati dai membri della famiglia che lavoravano nei campi di cotone.

I collettivi di quilting a conduzione femminile divennero anche un mezzo per generare reddito in Cile durante gli anni ’70 e ’80, quando il governo degli Stati Uniti istigò un colpo di Stato militare che portò al potere il dittatore di destra Augusto Pinochet. Durante il suo regime, vari gruppi della Chiesa cattolica organizzarono workshop clandestini di cucito per le donne cilene, molte delle quali erano state colpite dalla disoccupazione diffusa e dalle sparizioni forzate di figli e mariti.



Riunite in scantinati illuminati solo da lume di candela, le donne protestavano contro Pinochet cucendo arpilleras, patchwork colorati in opposizione agli abusi del regime.Questi rappresentavano scene di ossa, sacchi per cadaveri e persone imprigionate e interrogate dalla polizia militare. Le donne includevano anche i loro familiari che erano stati rapiti o uccisi.

Le trapunte furono merce di contrabbando dentro e fuori le carceri come gesto di solidarietà nei confronti dei dissidenti imprigionati. Sono stati anche esportati fuori del Cile, sollevando l’opposizione internazionale contro la repressione politica in Cile e aiutando a generare reddito per le artigiane che li hanno creati. Anche se la maggior parte delle donne presenti ai workshop non era mai stata coinvolta in politica prima di allora, le conversazioni sull’esperienza condivisa di perdere i propri cari a causa del regime erano piuttosto radicali. Molte di loro decisero di frequentare lezioni di politica e in seguito furono galvanizzate per guidare marce e scioperi della fame.

La guarigione

Poiché creare trapunte è un processo deliberato, creativo e collaborativo, può diventare uno strumento di guarigione, soprattutto per coloro che si oppongono alla violenza di Stato.



Il quilting è stato utilizzato per onorare le vittime della violenza armata e della brutalità della polizia, nonché per mostrare solidarietà nei confronti di chi ha subito violenza domestica e sessuale. Un certo numero di programmi di cucito è stato avviato anche nelle carceri, dando alle persone l’opportunità di esprimersi e di dare qualcosa alla comunità. Spesso, le trapunte vengono donate agli ospedali o alle persone senza fissa dimora per alimentare questo ciclo di guarigione. In altri programmi, alle madri incarcerate – molte delle quali hanno sperimentato il trauma del parto in prigione – viene insegnato a cucire a meno le coperte per i loro bambini.

“È un mezzo potente, perché le trapunte sono viste come qualcosa di molto confortante”, ha detto Madeleine Fugate. “Avvolgersi in una calda trapunta ti fa sentire semplicemente al sicuro – quindi è un buon metodo per aiutare le persone a guarire.”

Madeleine e sua madre hanno intenzione di accettare proposte per il Covid Memorial Quilt affinché tutti coloro hanno perso la vita durante la pandemia siano ricordati. Da quando hanno iniziato a lavorare sulla trapunta hanno esposto i pannelli in una mostra sulla salute pubblica presso il California Science Center. Dal 20 agosto al 16 ottobre, i pannelli saranno presenti in un’altra esibizione, “Trying to Make Sense of It: 9/11, Loss and Memorial Quilts”, presso il Museo Internazionale della Trapunta in Nebraska.

“Cucire trapunte durante la crisi dell’AIDS sembrava quasi magico”, ha detto Katherine. “Era come il coniglio Velveteen – ha riportato in vita le persone.”

Quando Fugate ha iniziato il suo progetto, consultò l’attivista Cleve Jones, fondatore del Memorial Quilt per l’AIDS. Da lui, imparò a costruire pannelli resistenti e adatti a essere appesi ed esposti nelle mostre.

Jones le ha dato anche qualche consiglio: i pannelli della trapunta commemorativa per l’AIDS erano di un metro per due, come una tomba. Per assicurarsi che il Covid Memorial Quilt potesse essere conservato con maggiore facilità, le ha raccomandato di fare dei pannelli più piccoli questa volta. Madeleine ha optato per dei quadrati di 8 pollici (20 cm) per lato, “perché un otto capovolto diventa il simbolo dell’infinito, e dimostra che l’energia continua”.


Loretta Graceffo

Loretta Graceffo è una scrittrice, artista e attivista del New Jersey. Attualmente frequenta la Saint Peter’s University.


Fonte: Waging Nonviolence, 12 luglio 2021

Traduzione di Benedetta Pisani per il Centro Studi Sereno Regis


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.