Abolire i brevetti sui vaccini COVID

Autore
Andy Bichlbaum


Sebbene l’appello degli attivisti a rinunciare a TRIPS sia un primo passo importante per aumentare le dosi, in realtà è necessario abolire i brevetti sui vaccini COVID

Abolire i brevetti sui vaccini COVID
Gli attivisti hanno protestato fuori dal consolato tedesco a Los Angeles per chiedere al cancelliere Merkel di smettere di ostacolare e ritardare la rinuncia ai TRIPS al WTO il 14 luglio. (Twitter/California Trade Justice Coalition)

All’inizio di maggio, dopo aver affrontato mesi di pressione popolare, l’amministrazione Biden ha annunciato che avrebbe sostenuto la rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID. Mentre quella decisione è stata celebrata come una significativa vittoria del movimento; ciò che è effettivamente necessario ora è la completa abolizione dei meccanismi di applicazione della proprietà intellettuale che hanno portato all’attuale scenario da incubo, dove solo i paesi ricchi hanno accesso ai farmaci salvavita.

L’ostacolo principale alla produzione di vaccini COVID in tutto il mondo si chiama Accordo sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale, o TRIPS. Questo accordo è entrato in vigore nell’ambito dell’Organizzazione Mondiale del Commercio nel 1995, dopo una forte pressione da parte della Pfizer. TRIPS era esattamente nel mirino degli attivisti che hanno chiuso il WTO nel 1999, ma poi è scomparso dalla vista fino a poco tempo fa. Quel movimento ha ispirato il gruppo che ho co-fondato, gli Yes Men.

Oggi, la Pfizer e altre compagnie di vaccini, protette dal TRIPS, hanno fatto immensi profitti dai brevetti; nove nuovi miliardari sono nati grazie al COVID. Allo stesso tempo, Pfizer e altri vaccini sono criticamente scarsi nei paesi che non possono permetterseli. Questo ha già portato a centinaia di migliaia di morti inutili.

Non è la promessa di un profitto massiccio che alimenta grandi scoperte come i vaccini mRNA: sono i finanziamenti dei contribuenti più la decenza umana.

Per quelli di noi che hanno partecipato all’anti-WTO e ad altri movimenti, così come per milioni di altri americani, è stato a lungo ovvio che il capitalismo all’americana è una questione immorale di vita e di morte. Alcuni prosperano, molti muoiono e non c’è nessun “meritevole”. I deserti alimentari, le scuole pubbliche impoverite e i senzatetto di massa nella nazione più ricca del mondo sono accuse verso un sistema in cui le grandi corporazioni dettano la politica. Per non parlare poi dell’assistenza sanitaria che è decente solo per coloro che pagano bene

Ma l’apartheid dei vaccini che si basa sui TRIPS è un altro livello di criminalità. Centinaia di migliaia di persone sono già morte nei paesi poveri. E non indirettamente, come con l’accesso ineguale al cibo, all’acqua, ai servizi igienici e agli alloggi, ma direttamente, perché non hanno accesso ai farmaci salvavita.

So come ci si sente a perdere un membro stretto della famiglia a causa di una COVID prevenibile. Mio padre, un sopravvissuto all’Olocausto, è morto l’8 gennaio di COVID-19 non diagnosticato e di polmonite; dopo mesi di inettitudine governativa nel tenere sotto controllo il virus e nel preparare gli ospedali per le prossime ondate. L’ospedale in cui ha preso il virus aveva una casistica di COVID travolgente e non poteva prevenire l’infezione incrociata; quando è tornato due settimane dopo, i medici, fortemente stressati, hanno sbagliato la diagnosi.

Conoscendo l’angoscia di un solo lutto inutile, è difficile immaginare che qualcuno possa giustificarne centinaia di migliaia nei paesi poveri, tutto in nome dei profitti aziendali. Eppure, difendendo i diritti di proprietà intellettuale, o IP, delle grandi aziende, questo è ciò che fa Big Pharma. “Se non si protegge la proprietà intellettuale, allora essenzialmente non c’è incentivo per nessuno a innovare”, ha detto il CEO di AstraZeneca Pascal Soriot.


Embed from Getty Images

Questa logica – la stessa usata per giustificare le sentenze TRIPS contro i farmaci generici contro l’HIV nel 1999 – non è solo inumana, è fondamentalmente sbagliata. Non è infatti la promessa di enormi profitti che alimenta grandi scoperte come i vaccini mRNA che ora frenano il COVID dove sono disponibili. Sono i finanziamenti dei contribuenti più la decenza umana. I profitti massicci possono essere l'”incentivo” dei vertici aziendali. Non lo sono per gli scienziati e gli ingegneri al centro degli sforzi per salvare la vita, come quelli del National Institute of Health.

Il NIH ha speso oltre 900 miliardi di dollari per la ricerca dagli anni ’30, e letteralmente ogni medicina approvata dalla FDA dal 2010-2016 ha coinvolto la scienza finanziata dai contribuenti del NIH. Anche la ricerca che ha portato al vaccino Moderna è stata quasi interamente finanziata dal governo degli Stati Uniti, e nessuno ha fatto miliardi sviluppandolo. Ma guidati dal Bayh-Dole Act dell’era Reagan, i NIH consegnano sistematicamente le loro scoperte alle corporazioni per “commercializzarle” – il che significa far pagare alla gente un braccio e una gamba per medicine che loro stessi hanno finanziato. E grazie al TRIPS, queste corporazioni traggono profitto a livello globale da queste scoperte finanziate pubblicamente, a un costo enorme per la salute pubblica ovunque. (Bayh-Dole fornisce al governo il diritto di sospendere i brevetti sulle invenzioni finanziate dal governo, ma il governo non lo ha mai usato).

Il successo dei movimenti nel forzare le scoperte mediche ci ricorda che poche migliaia di attivisti motivati possono opporsi a Big Pharma e alle agenzie governative complici.

Molti di coloro che hanno fatto grandi scoperte o invenzioni salvavita hanno reso chiaro che, lungi dal fornire un “incentivo”, i diritti di proprietà intellettuale delle aziende sono solo d’intralcio. Jonas Salk si rifiutò deliberatamente di brevettare il vaccino contro la polio o di guadagnarci sopra; la sua diffusione non ostacolata da brevetti, quel vaccino ha praticamente sradicato la polio in pochi anni. Anche il vaccino contro l’influenza, negli ultimi 50 anni, è stato prodotto da scienziati che collaboravano sotto l’Organizzazione Mondiale della Sanità, salvando innumerevoli vite senza alcuna considerazione di proprietà intellettuale. E Tim Berners-Lee, che con un modesto stipendio ha inventato il World-Wide Web – una tecnologia essenziale per contenere il COVID-19, e una grande ragione per cui non è stato così letale come l’influenza spagnola del 1918 – ha poi notato che brevettare il web sarebbe stato un disastro.

Biden ha cambiato la sua posizione sulla deroga TRIPS solo dopo aver affrontato mesi di proteste e una petizione alla Casa Bianca firmata da più di due milioni di persone. Mentre questo ha segnato un importante passo avanti, non è neanche lontanamente sufficiente. La settimana scorsa c’è stata una serie di proteste in tutto il paese presso aziende farmaceutiche e consolati tedeschi. Unione Europea, e la Germania in particolare, stanno ancora difendendo i brevetti sui vaccini.

Oltre a chiedere una deroga temporanea ai TRIPS, che è il minimo indispensabile, i movimenti di oggi dovrebbero considerare soluzioni a lungo termine. Dato che questa non sarà l’ultima pandemia che affronteremo, la proprietà intellettuale deve smettere di essere applicata alle medicine salvavita. Gli attivisti dovrebbero porsi l’obiettivo più in alto chiedendo la completa abolizione del TRIPS, così come l’abrogazione della legge Bayh-Dole. Questo consentirebbe al NIH di mantenere i brevetti per le medicine che sviluppa con denaro pubblico. Possono quindi essere usati per il bene pubblico, e tutti i ricavi che portano possono essere incanalati di nuovo nella ricerca critica. 

Questa non è un’idea nuova. In effetti, il concetto stesso di proprietà intellettuale è stato contrastato da quando ha alzato la sua brutta testa nel XIX secolo. E negli anni ’80, gruppi come Health Action International hanno chiesto di eliminare i brevetti per le medicine essenziali e di aumentare lo sviluppo di alternative generiche.

Gli sforzi dell’HAI hanno aiutato il Bangladesh a mantenere le protezioni per le medicine essenziali a basso prezzo e la produzione interna, di fronte alle enormi pressioni delle corporazioni farmaceutiche e di alcuni governi. E quando, nel 1997, il Sudafrica ha affrontato un’opposizione simile per una legge che permetteva la produzione di farmaci generici contro l’HIV, i movimenti sociali in Sudafrica, negli Stati Uniti e altrove hanno costretto i governi e alla fine Big Pharma a fare marcia indietro, il che significa che molte migliaia di persone hanno potuto avere accesso alle cure.

Il successo di HAI, ACT UP e altri movimenti nel forzare cambiamenti politici e persino scoperte mediche ci ricorda che poche migliaia di attivisti motivati possono opporsi a Big Pharma e ad agenzie governative complici. Se anche una piccola percentuale di coloro che sono stati colpiti da COVID si mobilitasse contro TRIPS e Bayh-Dole, ci ritroveremmo con un mondo più sicuro. E non solo per coloro che non possono permettersi i criminali prezzi aziendali, ma per tutti. Dopo tutto, il virus, come la decenza comune, non conosce confini.


Andy Bichlbaum

Abolire i brevetti sui vaccini COVID

Andy Bichlbaum è un co-fondatore degli Yes Men, un gruppo sempre più ampio e diversificato che, in questi giorni, collabora principalmente con gruppi di attivisti su tattiche creative per portare avanti le campagne. Gli Yes Men hanno realizzato tre lungometraggi sulle loro acrobazie, che danno ai giornalisti mainstream materiale umoristico per coprire questioni importanti.


Fonte: Waging Nonviolence, 21 luglio 2021
https://wagingnonviolence.org/2021/07/we-need-movement-abolish-covid-vaccine-patents/

Traduzione a cura della redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.