Propaganda russa

Propaganda russa significa solo disobbedienza

Caitlin Johnstone

Si può sempre capire quanto sia importante il controllo della narrazione osservando il modo in cui le persone reagiscono quando si mette a repentaglio il loro controllo della narrazione. Gli apologeti dell’Impero si stanno scagliando contro Amnesty International per aver messo in pausa la sua aggressiva facilitazione dell’imperialismo occidentale per esprimere una breve critica sul modo in cui le forze ucraine hanno messo in pericolo le vite dei civili con le loro tattiche di guerra contro l’esercito russo. Un esempio di propaganda russa?

Amnesty non è certo la prima a mettere in evidenza questo problema ampiamente documentato; il fatto che le forze ucraine si siano deliberatamente posizionate tra le popolazioni civili senza prendere misure adeguate per proteggere i non combattenti è una preoccupazione che è stata espressa ripetutamente dall’inizio della guerra e riportata sia dai principali organi di informazione occidentali che dalle Nazioni Unite.

Tuttavia, l’affermazione di Amnesty secondo cui “le forze ucraine hanno messo in pericolo i civili stabilendo basi e operando con sistemi d’arma in aree residenziali popolate, comprese scuole e ospedali” ha attirato il fuoco dei funzionari ucraini, degli opinionisti dei mass media, delle file di cervelloni sui social media e dello stesso presidente Zelensky.

Una critica comune che circola tra gli indignati è che Amnesty stia facilitando la propaganda russa, sia stata influenzata dalla propaganda russa o sia diventata essa stessa uno strumento della propaganda russa.

Il capo della sezione ucraina di Amnesty International ha rassegnato le dimissioni a seguito del rapporto, affermando che “l’organizzazione ha creato materiale che suonava come un sostegno alle narrazioni russe” e che, nel tentativo di proteggere i civili, “questo studio è diventato uno strumento della propaganda russa”.

“È una vergogna che un’organizzazione come Amnesty partecipi a questa campagna di disinformazione e propaganda”, ha twittato Mykhailo Podolyak, consigliere di Zelensky.

“Amnesty International può andare all’inferno per questa spazzatura”, ha twittato il presidente della Fondazione per i diritti umani Garry Kasparov. “O andare in Ucraina, che la guerra di Putin sta cercando di trasformare in un inferno. Come per le loro azioni su Navalny, questo puzza di influenza russa che trasforma la propaganda del Cremlino in dichiarazioni di Amnesty”.

Il Daily Mail ha definito il rapporto di Amnesty “un colpo per la macchina della propaganda di Vladimir Putin”.

“L’organizzazione fornisce un enorme aiuto alla propaganda russa”, ha twittato Oleksiy Sorokin, direttore operativo dell’outlet di propaganda della NATO Kyiv Independent.

“Vergognoso fare la vittima. La Russia ha invaso l’Ucraina e sta commettendo crimini di guerra indicibili. Per favore, non amplificate le bugie russe”, ha twittato Paul Massaro della Commissione di Helsinki del governo statunitense.

La premessa alla base di queste lamentele, ovviamente, è che il compito di Amnesty International sia quello di aiutare l’Ucraina a vincere una campagna di propaganda contro la Russia. Il che è strano, perché i resoconti di Amnesty sulla guerra sono stati in realtà per tutto il tempo schiacciantemente di parte a favore dell’Ucraina.

“La rabbia nei confronti di Amnesty è sorprendente, dato che si tratta del primo articolo critico che il gruppo ha scritto sull’Ucraina dall’inizio della guerra”, riporta Unherd. “Negli ultimi sei mesi, Amnesty ha pubblicato 40 articoli sull’Ucraina, quasi tutti di condanna dell’invasione russa, con una sola eccezione – l’ultima – che potrebbe essere definita critica nei confronti dell’Ucraina”.

Anche il rapporto di Amnesty che attualmente sta scatenando l’indignazione contiene ripetute condanne delle azioni della Russia in Ucraina. Si citano “attacchi indiscriminati da parte delle forze russe” e “crimini di guerra” che Amnesty ha giudicato la Russia colpevole di aver commesso, oltre a denunciare l’uso di “armi intrinsecamente indiscriminate, comprese le munizioni a grappolo vietate a livello internazionale”.

Ma anche il novantanove per cento di fedeltà alla linea ufficiale non è sufficiente per gli spinmeister imperiali e gli utili idioti dell’impero. Tutto ciò che non è conforme al 100% è considerato propaganda russa.

Ma è proprio questa l’idea che dal 2016 è stata inculcata nella coscienza occidentale con sempre maggiore fervore: che qualsiasi dissenso sulla politica estera degli Stati Uniti sia propaganda russa. Non sostenete l’interventismo occidentale in Siria? Stai parlando di propaganda russa. Preoccupato per la guerra nucleare? Propaganda russa. Non credete che la lotta per il dominio unipolare degli Stati Uniti valga tutta questa pericolosa manovra di disturbo? Propaganda russa. Non vi piace l’idea di una costosa guerra per procura senza una strategia di uscita, le cui ricadute economiche rendono la vita sempre più difficile a un numero sempre maggiore di persone in tutto il mondo? Propaganda russa.

Io stessa vengo accusata di essere una venditrice di propaganda russa molte volte al giorno, e lo sono stata per anni. Questo nonostante io non utilizzi quasi mai media russi, non abbia mai ricevuto un centesimo dalla Russia e non abbia mai lavorato per il governo russo o per qualsiasi altro governo. I media russi hanno talvolta scelto di loro iniziativa di amplificare il mio lavoro, dal momento che ho un invito permanente a farlo per tutti, ma io sono letteralmente solo una donna australiana che scrive le sue opinioni online con un marito americano. Mi si qualifica come “propaganda russa” solo perché non sono d’accordo con la politica estera degli Stati Uniti.

Chiedete a chiunque dica che una critica alla politica ucraina dell’impero occidentale è “propaganda russa” di nominare un critico della politica ucraina occidentale che non consideri un propagandista russo. Non ne saranno in grado. Per loro, essere in disaccordo con il proprio governo sull’Ucraina è di per sé propaganda russa.

Per gli apologeti dell’impero, la misura di ciò che costituisce “propaganda russa” sull’Ucraina non ha nulla a che vedere con la veridicità o meno di ciò che si dice; è letteralmente solo una questione di obbedienza al proprio governo riguardo alle decisioni che sta prendendo nei confronti di quella nazione.

Se la misura per stabilire se qualcosa si qualifica come propaganda è definita interamente dall’accordo con il proprio governo, allora quella misura è essa stessa propaganda.

Questo è esattamente ciò che sta accadendo con le critiche all’interventismo dell’Occidente in Ucraina. Non è necessario che qualcosa provenga dalla Russia per essere considerato propaganda russa, e la sua fonte non deve avere alcun legame con il governo russo. Non è nemmeno necessario che sia falso. Basta che sia disobbediente.

Lo abbiamo visto nel giugno scorso, quando il Guardian ha pubblicato un’affermazione sostenuta dalla NATO secondo cui il giornalista Aaron Maté era “il più prolifico diffusore di disinformazione” tra una “rete di teorici della cospirazione siriana sostenuta dalla Russia“, nonostante non fosse in grado di citare una sola cosa falsa nel reportage di Maté sulla Siria, e nonostante il Guardian abbia dovuto frettolosamente modificare la sua affermazione “sostenuta dalla Russia”.

Lo abbiamo visto anche lo scorso giugno in un documento informativo dell’Università di Calgary sulla “disinformazione” sulla guerra in Ucraina, che mette in guardia su “cinque narrazioni primarie” diffuse online:

  1. Implicare che l’espansionismo della NATO legittimi l’invasione russa.
  2. Ritrarre la NATO come un’alleanza aggressiva che usa l’Ucraina come proxy contro la Russia.
  3. Promuovere una sfiducia generale nelle istituzioni e nelle élite.
  4. Suggerendo che l’Ucraina è uno Stato fascista o che ha ampie influenze fasciste.
  5. Promuovere una sfiducia specifica nei confronti del governo liberale canadese, e in particolare del Primo Ministro Trudeau.

Per ognuno di questi punti si possono avanzare argomentazioni più o meno valide, ma soprattutto è evidente che sono tutte questioni di opinione e che nessuna di esse risponde a una sana definizione di “disinformazione”. Inoltre, di per sé non possono essere giustamente definiti né “russi” né “propaganda”.

La propaganda russa esiste certamente. Il governo russo ha certamente interesse a influenzare il pensiero occidentale a suo favore strategico, per quanto ne sia capace. Ma la sua capacità è molto, molto limitata, soprattutto rispetto all’influenza esponenzialmente maggiore che le istituzioni occidentali hanno sulle nostre menti.

La Russia ha alcuni troll e alcuni media che erano a malapena visti dagli occidentali anche prima di essere banditi; l’impero centralizzato statunitense ha i media miliardari, la Silicon Valley, Hollywood e il sistema educativo. Paragonare le due cose è come paragonare una candela al sole, e il sole non è la Russia. Ma è quella la cui influenza sulle nostre menti dovrebbe preoccuparci.

In realtà, per tutta la vita nuotiamo nella propaganda favorevole all’impero statunitense; è così onnipresente che la gente non se ne accorge nemmeno. Sostenere che il proprio sostegno alla politica estera degli Stati Uniti su una questione non ha nulla a che fare con l’essere stati propagandati; è come se qualcuno cresciuto nella Chiesa Battista Westboro sostenesse che è una pura coincidenza che si trovi d’accordo con la Chiesa sulla peccaminosità dell’omosessualità. Pervade le nostre menti e modella la nostra società, ma loro vogliono che ci spaventiamo tutti per il problema praticamente inesistente della “propaganda russa”.

Questa è una dinamica che uccide il pensiero ed è un problema importante. Non è un bene che la propaganda venga ficcata nelle nostre menti producendo il consenso per pericolose escalation tra le due più grandi potenze nucleari del mondo, mentre chiunque si opponga a qualsiasi parte di essa viene liquidato come un propagandista russo o un utile idiota del Cremlino.

Dovremmo usare di più le nostre menti in questa fase critica; ma queste dinamiche messe in atto dai gestori della narrazione imperiale ci hanno portato a usarle molto meno.

Vecchia barzelletta:

Un russo e un americano salgono su un aereo a Mosca e iniziano a parlare. Il russo dice di lavorare per il Cremlino e di essere in viaggio per imparare le tecniche di propaganda americane.

“Quali tecniche di propaganda americana?”, chiede l’americano.

“Esattamente”, risponde il russo.


Caitlin Johnstone è una giornalista “disonesta”, una poetessa e un’utopista che pubblica regolarmente su Medium.

IN FOCUS, 8 Aug 2022 | Caitlin Johnstone – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.