Boicottaggi… passo dopo passo

Ecco il successo di un boicottaggio organizzato e seguito da Greenpeace. Boicottare è rock!

Dopo Nike e Puma, anche Adidas ha annunciato che diventerà toxic-free. È la vittoria di milioni di persone che dipendono dai fiumi per l’acqua potabile e l’agricoltura.

Nike, Adidas e Puma si sono impegnate pubblicamente a ridurre a zero il rilascio di sostanze chimiche pericolose in tutta la loro filiera produttiva e nei prodotti entro il 2020. I tre brand più importanti dello sport finalmente lo ammettono: non esistono “livelli sicuri” di sostanze tossiche e solo una politica di “scarichi zero” può fermare l’industria che inquina le nostre acque con composti chimici persistenti e che mettono a rischio la salute.

Dopo la pubblicazione delle  inchieste “Panni sporchi” e “Panni sporchi 2” sembra proprio che eliminare le sostanze tossiche stia tornando di moda.

(a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.