Sabbia… filtrata

PREMESSO che sarebbe meglio non fumare (per sé e per gli altri)

PREMESSO che la coltivazione del tabacco è dannosa e non sostenible ecologicamente (basterebbe pensare che è una monocultura)

PREMESSO che i soldi spesi per sigarette, sigari, tabacco, cartine, filtri e altro sarebbe meglio darli a qualche organizzazione che faccia qualcosa di furbo per il pianeta… se nonostante questo fumiamo ancora, DOVE ABBIAMO BUTTATO LE CICCHE QUEST’ESTATE, IN SPIAGGIA?

Sentite qua i dati di Legambiente:

« […] sarebbero ben 12 milioni e 440mila quelli infilati nella sabbia, due ogni metro quadro, e in totale 72 miliardi dispersi complessivamente nell’ambiente da 13 milioni di fumatori italiani. Uno scempio, considerando che il filtro ci mette più di un anno a biodegradarsi».

Una soluzione molto «cool» me l’ha fornita una delle mie sorelle. Ho trascorso qualche giorno al mare con lei – che fuma – e nella borsa da spiaggia, insieme a crema, telo e libro d’ordinanza, aveva un porta-cicche tascabile! Quando terminava di fumare la sigaretta, la spegneva nella sabbia e poi la riponeva in un grazioso borsellino – con tanto di automatico di chiusura e rivestimento anti-fiamma. Al ritorno dalla spiaggia svuotava poi il contenuto in un cestino della spazzatura «et voilà», l’elegante accessorio ecologista era pronto e vuoto per il giorno successivo. Complimenti!

(a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.