Io sono astemia, ma…

Finalmente anche gli “altri” cominciano a raccogliere anche i tappi di sughero! Da qualche anno infatti, una bottega  del biologico e del commercio equo della cintura svolge questo servizio per una cooperativa sociale del cuneese che si occupa di bioedilizia ma adesso anche il cuore della “movida” torinese si è dato una mossa.

Alcuni locali del famoso Quadrilatero romano, nel centro di Torino, aderiranno alla raccolta di tappi esponendo unsacchetto di juta targato «Tappoachi?»

Questo è infatti il nome dell’inziativa, promossa anche in altre città italiane da Rilegno, consorzio per la raccolta e l riciclaggio degl imballaggi di legno e del sughero.

I tappi potranno così servire per produrre pannelli isolanti e fonoassorbenti, materiali edili e tacchi d scarpe.

La Città di Torino e Amiat (che si occuperà della raccolta – ogni tre mesi – presso i localli aderenti) aderiscono al progetto (sostenuto da APCOR (Associazione Portoghese dei Produttori di Sughero), Assoimballaggi/ Federlegnoarredo, insieme a Amorim Cork Italia, Colombin & Figlio, Sugherificio Ganau, Sugherificio Molinas e Mureddu Sugheri).

Se non frequentiamo i locali del Quadrilatero, possiamo portare i tappi usati presso i sette ecocentri Amiat presenti in città (elenco sul sito www.tappoachi.it alla voce «progetti attivi»).

Per sapere più cose sul sughero, perché è il miglior amico del vino, e perché è così prezioso: www.ilsughero.org

(a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.