Italiani brava gente, un capo dello stato e due marò…

Riceviamo e pubblichiamo questo testo sottoscritto da alcune amiche e amici della nonviolenza di Brescia circa l’accoglienza riservata ai due marò italiani.

Siamo rimasti sorpresi, increduli e allibiti nel vedere il servizio televisivo di Rai News sul rientro dei “nostri marò” dall’India. Un’informazione fuorviante, appiattita sulla solita propaganda degli “italiani brava gente”.

Non si è voluto ricordare l’incauta decisione di un ministro “belligerante” che ha armato le nostre navi mercantili e che si è incoscientemente vantato di averci portato nelle zone “operative” dell’Afghanistan con le conseguenti vittime civili e militari.

No, non si dava una notizia ma si assisteva ad un pezzo di propaganda: ritornano i nostri ragazzi, ritornano i nuovi eroi della patria. Guardavamo allibiti il nostro presidente Napolitano che abbracciava e baciava i due marò. Come? Napolitano, il massimo rappresentante della giustizia italiana, il sostenitore dell’unione di popoli e nazioni, da sempre difensore del diritto internazionale, si prestava ad uno spot nazionalista e vittimista degno d’altri tempi.

Come non sentirsi imbarazzati. Una scena mai vista: un capo dello stato che accoglie con tutti gli onori due fucilieri accusati di omicidio da uno stato straniero. Due militari italiani non vittime di ingiustizia ma, prima di tutto, dell’imperizia e del pressapochismo di chi li ha mandati allo sbaraglio.

Non ricordiamo alcun presidente americano accogliere alla Casa Bianca gli aviatori che avevano tranciato il cavo della funivia del Cermis o abbracciare l’omicida di Calipari.

Riacquistare un minimo di credibilità internazionale ci è costato un anno di governo Monti, e adesso ce la giochiamo solleticando un orgoglio nazionalistico fuori luogo, mentre nella società reale divampa una crisi economica e morale inaudita.

E’ questo il ruolo che la Costituzione attribuisce al Presidente della Repubblica?

E’ vittima anche lui di una politica fatta di tante emergenze e di molte “forzature” delle regole costituzionali?

Quale messaggio comunica chi accoglie, baciandoli affettuosamente, due imputati di omicidio? Si vuole a priori dare l’assoluzione?

Dal nostro massimo rappresentante istituzionale ci saremmo aspettati un più attento comportamento, nell’ambito dei suoi doveri costituzionali, da vero garante super partes.

Adriano Moratto
Giovanni Castrezzati
Marco Maffeis
P.L. Fanetti
Claudia Capra
Michele Ventura
Gisella Bottoli
Marino Ruzzenenti
Marcella Pepe
Marco Moliterni

2 Risposte a “Italiani brava gente, un capo dello stato e due marò…”

  1. i marò vorrei vederli a Lampedusa ,dove giovani vite sono state ritrovate galleggiare in mare,a dare la caccia a chi ha permesso loro questa orrenda fine……altro che eroi, due spacconi…..e nulla più!
    incredibile poi il ricevimento in poppamagna dal presidente Napolitano….

  2. Approvo totalmente quanto leggo in questo articolo. Questo episodio è un'altra dimostrazione della necessità di spazzare via questi personaggi politici.
    Gino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *