Cosa ti hanno regalato?

Mi ricordo di quando andavo a scuola… dopo le vacanze di Natale si tornava in classe e questa domanda era sulla bocca di tutti, e a volte si indossava la sciarpa, o il maglione, o le nuove calze che avevamo ricevuto per Natale; o si sfoggiava il nuovo astuccio per le matite, o la borsetta (alle superiori) ricevuta dalla zia ricca. Allora anch’io rispondo alla domanda che dà il titolo a questa «Pillola» di fine anno.

Il regalo più gradito è stato un grande cesto pieno di cibi, poi un barattolo di marmellata senza zucchero, un sacchetto di noci già sbucciate… Ma il più sorprendente è stato una slitta, piena di «regali», adagiata sulla neve… tutto di cioccolato! E poi un vaso di bacche di anice stellato (profumatissimo!).

In effetti molte delle persone che conosco sono «abbonate» alla «newsletter» del Centro Studi Sereno Regis, e così si sono sorbite i «predicozzi» che ho scritto fin dall’inizio dell’Avvento, e che avevano tutti un denominatore comune: «regaliamo cibo?».

Tuttavia è arrivato anche qualcosa che non era commestibile ma comunque «consumabile» (una crema, un profumo, una poesia…).

Niente oggetti quindi, tutti regali che spariranno, nell’aria, nella terra, nell’acqua, nel fuoco (gastrico e non)… grazie al Natale e «pace a tutti i viventi» (frase bellissima tratta dall’augurio del Centro Studi Sereno Regis).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.