I volontari rischiano la vita per educare

I volontari rischiano la vita per educare le ragazze dell’Afghanistan

Deepa Parent

A nove mesi dalla presa di potere dei Talebani a Kabul i volontari rischiano la vita per educare le ragazze dell’Afghanistan

Nel 2002, quando Matiullah Wesa era un adolescente, uomini armati bruciarono la sua scuola. È stato questo che lo ha spinto a dedicare la sua vita a garantire che altri bambini in Afghanistan possano ricevere un’istruzione.

Wesa è cofondatore e presidente di PenPath, una ONG che lavora per riaprire le scuole chiuse nelle aree rurali del Paese – dal distretto di Spin Boldak a Kandahar alla provincia di Helmand – e che finora ha istruito più di 115.000 bambini.

Oggi PenPath conta 2.400 volontari, tra cui sei donne che tengono lezioni segrete a ragazze in età da scuola secondaria. Nonostante le numerose assicurazioni fatte dai Talebani nei forum internazionali, le ragazze adolescenti sono ancora bandite dalle aule scolastiche in Afghanistan, a nove mesi dalla presa del potere a Kabul.

Da allora sono state riaperte le scuole per i ragazzi e per le ragazze fino agli 11 anni, ma in molte zone rurali i bambini sono ancora privati dell’istruzione; tra i problemi di sicurezza e la debolezza dell’economia, i genitori sono riluttanti o impossibilitati a mandarli in classe – e questo se c’è una scuola.

“Ci sono villaggi in Afghanistan che contano più di 1.500 persone ma non hanno nemmeno una scuola”, ha spiegato Wesa. Per questo motivo, molte delle lezioni di PenPath vengono tenute nelle case dei bambini, con volontari che impartiscono lezioni scolastiche preregistrate. Nelle città dove c’è una connessione a Internet, i volontari tengono lezioni online a gruppi di ragazze e ragazzi.

“Abbiamo registrato il programma scolastico afghano dalla prima alla dodicesima classe e insegniamo ai bambini delle aree rurali. Se non possono andare a scuola, portiamo la scuola a casa loro, a volte a porte chiuse”, ha spiegato Wesa.

“Anche se i talebani ci minacciano, non smetteremo di lottare per l’istruzione… L’istruzione è un nostro diritto umano”.

Come donna iraniana, ho capito la paura e l’oppressione che le donne afghane devono affrontare. Dovevo raccontare le loro storie al mondo

Oltre a vietare l’accesso a scuola alle adolescenti, i Talebani hanno anche impedito alle donne di lavorare, il che significa che le insegnanti di tutto il Paese hanno perso il lavoro.

Alcuni genitori sono riluttanti a mandare le loro figlie in scuole con insegnanti maschi, sia per paura di ripercussioni talebane sia per i loro valori conservatori. Per questo motivo, gli educatori di PenPath vanno di porta in porta per sollecitare gli anziani della comunità, i genitori e i capi tribù dell’Afghanistan rurale a incoraggiare l’istruzione delle ragazze.

“Abbiamo due sfide”, ha detto Wesa, “una è che i Talebani hanno vietato l’istruzione femminile nei gradi 7-12 e la seconda è che i genitori sono scoraggiati dal mandare le loro ragazze a scuola a causa della mancanza di insegnanti donne, di servizi igienici e di campus sicuri. È un problema enorme”.

Combattere con determinazione

La maggior parte dei finanziamenti per l’ONG proviene dalle tasche dei fondatori, anche se una parte è donata da persone di tutto il mondo, dalla diaspora afghana e dagli anziani locali. Wesa e i volontari lavorano senza retribuzione, a meno che un “buon samaritano” non doni del denaro per il loro stipendio.

“Le studentesse, i loro genitori e i capi tribù sono venuti da noi e ci hanno ringraziato per aver portato l’istruzione nei loro villaggi. Erano felici e volevano studiare di più”, ha detto Wesa. “Le nostre insegnanti hanno ricevuto così tanto incoraggiamento da queste bambine. Questo ci spinge a fare di più”.

Alcune delle insegnanti di PenPath hanno raccontato di non essere preoccupate o spaventate per quello che stanno facendo, perché credono nel diritto all’istruzione.

Una volontaria ha detto: “Credo che sia mia responsabilità insegnare a chi ha bisogno di istruzione, soprattutto ai bambini che sono i futuri costruttori dell’Afghanistan. Continuerò a lottare con determinazione per il mio obiettivo.

“Cercheremo di fornire un’istruzione a tutte le ragazze afghane e, allo stesso tempo, chiediamo alla comunità internazionale di offrire loro opportunità come borse di studio e di contribuire alla costruzione di scuole.

“Non dobbiamo avere paura di nessuno o di un gruppo. Lotteremo per l’istruzione femminile fino al nostro ultimo respiro”.

Anche se i Talebani ci minacciano, non smetteremo di lottare per l’istruzione… L’istruzione è un nostro diritto umano”.

A questo ha fatto eco un’altra volontaria, che ha aggiunto: “Ho iniziato a fare volontariato perché il mio Paese, l’Afghanistan, è in una situazione davvero brutta. Stiamo combattendo per il nostro Paese e qui ci sono persone che non smettono di lottare per questo diritto…”.

“Sono triste ma non spaventata perché sto lottando per l’istruzione che è un diritto fondamentale di tutti gli esseri umani. Non è una novità che ci siano persone contrarie all’istruzione delle ragazze, quindi non ho molta paura”.

Non mi faccio scoraggiare

Con l’aumento delle restrizioni imposte dai Talebani alle donne che viaggiano senza parenti maschi, i volontari di PenPath viaggiano in gruppi separati per sesso.

“Le nostre insegnanti donne raggiungono la casa di una bambina, che è stata scelta in precedenza, e radunano le altre ragazze del villaggio e tengono le lezioni a porte chiuse. I nostri insegnanti maschi fanno lo stesso quando fanno lezione ai ragazzi”, ha detto Wesa.

I volontari tengono le lezioni in due turni: uno mattutino che inizia alle 7 del mattino e un altro dalle 15 del pomeriggio. Ogni giorno, le lezioni coinvolgono più di 1.000 studenti in vari distretti di Kandahar, Helmand e Kabul.

PenPath ha anche lanciato biblioteche mobili, raccogliendo e distribuendo più di 360.000 libri ai bambini dell’Afghanistan dal 2013. L’ONG spera di espandere il numero di corsi online, scuole segrete e biblioteche mobili nei prossimi mesi.


Fonte:Open Democracy, 3 giugno 2022, I volontari rischiano la vita per educare le ragazze dell’Afghanistan

https://www.opendemocracy.net/en/author/deepa-parent/

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.