La moilitazione per lo Yemen

La mobilitazione per lo Yemen: un modello per il movimento per la pace

Sarah Freeman-Woolpert

Enfatizzando il sostegno e la solidarietà, i gruppi guidati principalmente da donne yemenite-americane stanno costruendo uno slancio per porre fine alla “guerra dimenticata” nel mondo: la mobilitazione per lo Yemen è un modello per il movimento per la pace

Dalla brutale guerra in Ucraina alla devastante sparatoria in una scuola di Uvalde, in Texas, aggressioni e atrocità di massa sembrano definire il mondo di oggi. Eppure, anche se ci troviamo di fronte a traumi e tragedie, ci sono barlumi di speranza nelle storie meno conosciute di azione collettiva, quando le persone si uniscono di fronte a questi terribili eventi. Ora più che mai, il mondo può imparare a sfidare la violenza da coloro che si organizzano per la pace.

Forse non c’è esempio migliore della mobilitazione per porre fine alla guerra nello Yemen – un Paese con una ricca storia e una cultura vivace, ma che la maggior parte degli americani faticherebbe a trovare su una mappa. Per anni, una piccola e affiatata rete di organizzatori guidata principalmente da donne yemenite-americane ha guidato una grande mobilitazione per la pace. Lavorando con budget limitati e senza grandi clamori, organizzano raduni, incontrano i politici e conducono eventi comunitari. Molte bilanciano il loro attivismo con un lavoro a tempo pieno o con la scuola, mentre si prendono cura dei figli o dei genitori anziani.

“Ci sosteniamo a vicenda”, ha detto Jehan Hakim dello Yemeni Alliance Committee, un gruppo di base della Bay Area. “È più di un movimento contro la guerra. È una sorellanza”.

Dopo anni di organizzazione, questa settimana gli attivisti hanno finalmente compiuto un importante passo avanti: la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha introdotto una misura bipartisan per porre fine al sostegno degli Stati Uniti alla guerra. Il giorno successivo alla presentazione della legge, la tregua temporanea in Yemen è stata prorogata per altri due mesi. Con la tregua, gli yemeniti hanno vissuto il periodo più lungo senza attacchi aerei in sette anni e i primi voli commerciali hanno lasciato lo Yemen dall’inizio della guerra.

Dal 2014, la guerra a guida saudita in Yemen ha devastato la popolazione yemenita, contribuendo alla peggiore crisi umanitaria del mondo, in cui sono state uccise oltre 370.000 persone, poiché la coalizione saudita ha bombardato matrimoni, ospedali e uno scuolabus pieno di bambini. Di fatto, un bambino yemenita muore ogni 10 minuti solo per cause prevedibili. Gli Stati Uniti continuano a fornire supporto logistico, pezzi di ricambio e manutenzione alla coalizione saudita, nonostante il presidente Biden abbia annunciato nel febbraio 2021 che avrebbe posto fine al sostegno degli Stati Uniti alle operazioni offensive della coalizione.

Attraverso proteste, scioperi della fame, incontri con i politici e azioni creative, il movimento per porre fine alla guerra nello Yemen sta costruendo un modello di come può apparire un potente movimento per la pace quando si fonda su una cultura di solidarietà. Mettendo al centro le competenze di coloro che sono più colpiti dalla guerra e onorando i molti ruoli unici che ognuno di noi può svolgere, i loro sforzi dimostrano che gli attivisti per la pace possono dare forma a una storia diversa – una storia in cui il mondo non è definito dalla violenza, ma da come le comunità si organizzano di fronte alla violenza e lavorano insieme per costruire la pace.

Le origini di un movimento di base

Per anni, gli attivisti hanno lavorato per sensibilizzare l’opinione pubblica e fare pressione sui legislatori di Paesi come gli Stati Uniti, il Canada e il Regno Unito per porre fine alla vendita di armi e al sostegno alla guerra.

Secondo Neda Saleh, un’attivista di origine yemenita che ha fondato un club liceale chiamato Hands Off Yemen, la mancanza di conoscenza della guerra da parte dell’opinione pubblica è stata un problema importante quando ha iniziato a organizzarsi nel 2017. “La gente ci chiedeva: “C’è una guerra in Yemen? Cosa sta succedendo?”.

Una fonte di forza del movimento anti-guerra dello Yemen deriva dalla stretta organizzazione comunitaria che avviene dietro le quinte. L’approccio fiducioso e accogliente nel coinvolgere nuove persone nei loro sforzi permette agli attivisti di sentirsi supportati e sostenuti mentre crescono in questo lavoro insieme.

“Il lavoro che facciamo non è radicato in un programma politico o in qualcosa che ha a che fare con il riconoscimento”, ha detto Iman Saleh, un organizzatore yemenita-americano che lavora con il Movimento di Liberazione Yemenita di Detroit. “Si tratta di un profondo senso di umanità e di vedere non solo le nostre famiglie di sangue, ma anche le nostre famiglie di natura, che hanno sofferto a lungo”.

La mobilitazione per lo Yemen

Neda Saleh (seconda da destra) a una vendita di torte per raccogliere fondi per lo Yemen. (Instagram/HandsOffYemen)

Dopo i primi tempi in cui, da studentessa del liceo, organizzava una vendita di torte per raccogliere fondi e sensibilizzare l’opinione pubblica, Neda Saleh è passata a lavorare con un altro gruppo chiamato Action Corps, nato da Oxfam. A questo punto Neda si è resa conto che “non eravamo solo io e i miei cugini a distribuire biscotti per le strade di San Francisco. Le persone facevano pressione sui loro membri del Congresso. Questa componente è stata così determinante per me”.

Neda ha chiamato i suoi cugini nel giugno 2021 per aiutarli a pianificare una manifestazione della coalizione davanti all’ufficio del deputato Ro Khanna. Nonostante il suo curriculum progressista su molte questioni di politica estera, Khanna non aveva risposto alle richieste di incontro della coalizione più ampia. Alla fine, il giorno della manifestazione, il suo direttore legislativo lo ha contattato, offrendosi di organizzare un incontro con Khanna. “Avremmo potuto parlare con la persona che prende la decisione”, ha detto Neda. “Questo dimostra che il nostro lavoro ha avuto un impatto”.

Accogliere molti ruoli diversi nel movimento

Come ha teorizzato l’attivista quacchero Bill Moyer nel suo influente libro “Doing Democracy”, i movimenti forti hanno bisogno di persone che svolgano molti ruoli diversi. Tra questi ci sono gli aiutanti che forniscono servizi diretti ai bisognosi, i sostenitori che lavorano con i legislatori, gli organizzatori che raccolgono un gran numero di persone per agire e i ribelli che si impegnano in azioni di disturbo e disobbedienza civile.

Per quanto riguarda lo Yemen, una serie di gruppi e organizzazioni hanno messo in campo le loro competenze e i loro punti di forza, offrendo al contempo l’opportunità ai giovani organizzatori di provare diversi ruoli e di trovare le tattiche che più li stimolano.

La mobilitazione per lo Yemen

A marzo, World Beyond War Canada ha esposto uno striscione di 50 metri a Toronto. (Twitter/WBWCanada)

Alcuni giocano il ruolo di ribelli, creando crisi e urgenza attraverso la disobbedienza civile. Un esempio lampante è stato lo sciopero della fame di 24 giorni messo in atto da Iman Saleh con altri attivisti davanti alla Casa Bianca nel 2021. Un altro è stato condotto da un gruppo di attivisti canadesi davanti all’ufficio del vice primo ministro di Toronto, dove hanno fatto cadere uno striscione a più piani con la scritta “Sangue sulle vostre mani” per protestare contro le esportazioni di armi canadesi all’Arabia Saudita.

Nel frattempo, altri svolgono il ruolo di aiutanti, rispondendo ai bisogni immediati sul campo. Tra questi ci sono i bambini del Regno Unito che hanno allestito bancarelle di “Limonata per l’aiuto allo Yemen” per raccogliere fondi per gli aiuti umanitari nello Yemen. Organizzazioni come la Yemen Relief and Reconstruction Foundation forniscono sostegno diretto alle famiglie dello Yemen attraverso reti locali di volontari.

C’è anche chi svolge il ruolo di avvocato, impegnandosi direttamente con i politici. L’organizzazione per cui lavoro, il Comitato degli Amici per la Legislazione Nazionale, o FCNL, ha mobilitato squadre locali di sostenitori della pace per condurre quasi 200 incontri con i politici da gennaio. Alcuni sostenitori trovano modi creativi per svolgere questo ruolo, come Carol DiCaprio Herrick, residente a Charlottesville, in Virginia, che si è vestita da angelo e si è piazzata sul ciglio di una strada trafficata con un cartello che recitava: “Il cielo sa che dovremmo porre fine al sostegno degli Stati Uniti alla guerra nello Yemen”. Il cartello includeva il numero di telefono del centralino del Congresso.

Allo stesso tempo, molti gruppi svolgono il ruolo di organizzatori, riunendo un numero maggiore di persone per aumentare la pressione attraverso l’azione collettiva. Organizzazioni come Action Corps, Yemeni Alliance Committee e Peace Action hanno tutti mobilitato un gran numero di persone per sollevare l’attenzione sulla guerra con eventi come la Giornata globale di azione per lo Yemen del 25 gennaio 2021. Quel giorno, oltre 100 organizzazioni hanno chiesto al Presidente Biden di porre fine al sostegno degli Stati Uniti alla guerra in Yemen come parte dei suoi primi 100 giorni di mandato. Dalle azioni su larga scala a New York, San Francisco e Chicago alle manifestazioni più piccole nel Vermont e nel Nuovo Messico, gli organizzatori hanno sensibilizzato l’opinione pubblica e fatto pressione sui legislatori affinché mettessero fine al sostegno alla guerra.

Le mobilitazioni per lo Yemen

Attivisti alla manifestazione Hands off Yemen a San Francisco nel luglio 2021. (ProBonoPhoto/Leon Kunstenaar)

Le persone e le organizzazioni che ricoprono questi diversi ruoli hanno sviluppato rapporti di fiducia reciproca e di collaborazione che sono rinfrescanti – e in qualche modo rari – da trovare negli spazi di movimento di oggi. L’organizzazione femminista antiguerra Code Pink ha guidato una raccolta fondi per il Ramadan che ha permesso di raccogliere 20.000 dollari per la Yemen Relief and Reconstruction Foundation. I quaccheri dell’Idaho si sono uniti agli attivisti locali di Action Corps e World Beyond War per incontrare lo staff del senatore dell’Idaho Jim Risch, membro della commissione Esteri del Senato.

L’apertura significa anche che le persone possono decidere quando non vogliono svolgere un determinato ruolo, sapendo che altri interverranno.

“È così difficile per me fare lobbying”, ha detto Jehan Hakim. “Portavo le famiglie yemenite a incontrare il personale del Congresso e loro piangevano per gli attacchi aerei nelle loro comunità. Ho imparato a trattenere le lacrime perché non si viene considerati seri se si piange. Non posso più mettere in difficoltà i miei membri e la mia comunità”.

In qesto caso, centinaia di quaccheri, persone di fede e altri sostenitori della pace possono svolgere un ruolo importante. Anche se non hanno un legame diretto con la guerra in Yemen, raccontano al personale del Congresso storie personali dei loro figli e nipoti e di come nessun bambino dovrebbe crescere nella paura e nell’insicurezza.

“Non è sostenibile per noi fare lobbying insieme ad altre attività di organizzazione, condurre azioni digitali, protestare, ospitare webinar”, ha detto Jehan. “Abbiamo bisogno della loro alleanza”.

Invece di competere o scontrarsi, questa mobilitazione apre lo spazio a molti ruoli diversi, creando potenti opportunità per la costruzione di coalizioni e azioni creative.

Le mobilitazioni per lo Yemen

La scioperante Iman Saleh rilascia una dichiarazione con la rappresentante Ilhan Omar durante una conferenza stampa presso la BLM Plaza di Washington, il 9 aprile 2021. (Movimento di liberazione yemenita/Laura Albast)

Prendere la leadership da coloro che sono più colpiti

Il movimento per porre fine alla guerra in Yemen è un esempio potente di come i movimenti per la pace possano e debbano essere guidati dalle persone le cui vite e famiglie sono direttamente colpite dalle guerre stesse. La leadership delle donne yemenite-americane consente agli organizzatori di capire come coinvolgere le comunità in modo strategico, conoscendo alcune delle riserve che le persone potrebbero avere sulla partecipazione.

Dopo l’attentato allo scuolabus del 2018, Neda ha collaborato con Hands Off Yemen per organizzare una veglia comunitaria in memoria delle vite perse nel brutale attacco aereo. “Abbiamo deciso di coinvolgere i membri della comunità che di solito non si presentano”, ha detto Neda. Alcuni yemeniti-americani temono ripercussioni per aver parlato contro la guerra o hanno un’opinione diversa sul conflitto, quindi il gruppo temeva che non avrebbero partecipato. Per ovviare a questo problema, hanno mantenuto i loro messaggi generici, concentrandosi sul dolore e sul lutto comune. “È stata una delle più grandi affluenze che abbiamo avuto a un evento”, ha detto.

La comprensione di queste dinamiche rende il movimento più potente e permette agli organizzatori di mettere al centro le prospettive e le esperienze di coloro che sono stati colpiti dalla guerra. “Abbiamo bisogno di un maggior numero di yemeniti in prima linea in questa causa”, ha detto Neda. “Avere persone con un background yemenita è fondamentale. Dico sempre alle mie cugine e sorelle che dobbiamo essere il volto di questo movimento, perché nessuno capisce la nostra lotta come noi”.

Questo non è sempre stato il caso di altri movimenti per la pace. “In molti movimenti contro la guerra, non si vedono le persone colpite dalla guerra stessa”, ha detto Jehan. Vorrei dire: “Possiamo sentire il loro parere?”. Ma questo è sempre un pezzo mancante”.

Questo approccio rende il movimento più forte e collega gli organizzatori a un senso più profondo di comunità che guida il loro lavoro.

“Quando le persone più colpite sono al centro di un movimento, l’organizzazione dovrebbe essere così”, ha detto Jehan. “È così che lavoravano i nostri antenati. Dobbiamo tornare a fare le cose come le facevano i nostri anziani, bussando alle porte e parlando tra di loro. È questo che mi piace di questo movimento. Non è transazionale”.

Ora che la legislazione è stata introdotta al Congresso, gli attivisti lavoreranno per costruire un sostegno al Senato, sperando di ottenere abbastanza slancio per far passare la legge prima che la tregua scada alla fine di luglio. Nel 2019 la maggioranza bipartisan di entrambe le camere del Congresso ha approvato una risoluzione sui poteri di guerra nello Yemen per porre fine al sostegno non autorizzato degli Stati Uniti alla guerra, ma il presidente Trump ha posto il veto. Alcuni esperti sostengono che le rinnovate pressioni del Congresso stiano rafforzando l’impegno saudita alla tregua, evitando attacchi aerei e vittime civili nel breve periodo. A lungo termine, resta ancora molto lavoro da fare per raggiungere un futuro veramente pacifico in Yemen, ma gli attivisti dicono che questo futuro deve essere determinato dagli yemeniti stessi.

“Lo Yemen ha il proprio diritto all’autodeterminazione”, ha dichiarato Iman Saleh. “Nessun Paese dovrebbe essere coinvolto quando si tratta di un popolo che cerca di costruirsi un futuro”.

Costruire una cultura della solidarietà

Soprattutto, questo movimento ha costruito una cultura di sostegno e solidarietà tra le organizzazioni, piuttosto che favorire un senso di competizione per ottenere crediti, donazioni o sostenitori. Ciò è dimostrato in parte dalle chiamate di coalizione bisettimanali che hanno avuto luogo con una serie di organizzazioni, esperti di politica, attivisti e persino personale del Congresso. Un gruppo WhatsApp ha contribuito a facilitare la condivisione di informazioni e strategie, rafforzando ulteriormente una comunità che costruisce fiducia e trasparenza all’interno del movimento più ampio.

Gli attivisti hanno tratto ispirazione anche da altri movimenti, sottolineando la solidarietà con altri gruppi che vivono l’oppressione. Iman Saleh del Movimento di liberazione dello Yemen ha detto che gran parte del suo attivismo è stato ispirato dal movimento Black Lives Matter e dalle rivolte del 2020.

“Ho visto come questo movimento risuoni non solo con le questioni qui negli Stati Uniti, ma anche come queste questioni siano collegate al Sud globale”, ha detto. “Queste forme di violenza dei coloni e di violenza militare sono radicate nella stessa macchina”.

Questa cultura della solidarietà si è estesa agli eventi e alle azioni della comunità. Secondo Neda, “ogni volta che organizzavamo qualcosa, si presentava sempre più gente. C’erano gruppi di difesa delle filippine, gruppi palestinesi, socialisti democratici e altri che mostravano il loro sostegno”.

Protesta contro Boeing con lo scuolabus a Saint Charles, Missouri. (Twitter/@MissJupiter1957)

C’è stata una forte solidarietà con gli attivisti che lavorano su una serie di questioni. Ad esempio, nel 2018, il gruppo di azione per il clima Earth Defense Coalition ha parcheggiato uno scuolabus dipinto davanti a uno stabilimento Boeing con lo slogan “Boeing guadagna dal dolore dello Yemen” per protestare contro la vendita di kit di missili guidati e altre armi all’Arabia Saudita.

“Sono stato in altri spazi contro la guerra”, ha detto Jehan, “e non ho visto nulla di simile al movimento contro la guerra in Yemen”.

Jehan ha poi descritto i “due estremi di uno spettro” nell’organizzazione contro la guerra: gruppi progressisti, prevalentemente bianchi, e comunità emarginate che alzano la voce da sole. “Ciò che rende diverso il movimento contro la guerra in Yemen è che tutto questo è unito”, ha detto. “È questo che lo rende bello”.


Fonte: Waging Nonviolence, 3 giugno 2022

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.