La solidarietà con l’Ucraina per nuova normalità rivolta a tutti i rifugiati

Nicolas Haeringer

di Nicolas Haeringer


La solidarietà con l’Ucraina del Nord del mondo ha rivelato doppi standard razzisti. Ma è anche un’opportunità per estendere tale solidarietà a tutti.
La solidarietà con l'Ucraina
Photo by Gayatri Malhotra on Unsplash
Da quando la Russia ha iniziato la sua guerra contro l’Ucraina, abbiamo assistito a un’enorme partecipazione solidale con gli ucraini. Le persone hanno fatto donazioni online all’esercito ucraino; l’Europa ha accolto i rifugiati a braccia aperte e pagando loro il viaggio in treno; i paesi occidentali si sono uniti nell’imporre sanzioni alla Russia e hanno discusso sull’eventualità di liberarsi del suo petrolio e del suo gas. Embed from Getty Imageswindow.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:’d8YHYBEiTMlb0p5jcVOw1Q’,sig:’U61Z5Gx5QVWim6fdr_o7HLyzr2qVLJnzV8Llu81ybvo=’,w:’594px’,h:’350px’,items:’1238852160,1238987241,1380186702,1379474477′,caption: true ,tld:’com’,is360: false })}); Un sostegno del genere è davvero senza precedenti. Ricordate donazioni di massa alla resistenza armata di un altro gruppo di persone sotto attacco, come i palestinesi? Sarebbero immediatamente chiamati terroristi. Nel frattempo, gli europei che aiutano i rifugiati dalla Siria, dallo Yemen, dall’Afghanistan, dalla Libia e altrove sono accusati di traffico di esseri umani. Non c’è nemmeno un capo di stato abbastanza audace da denunciare il genocidio degli uiguri da parte della Cina, né un governo che si rifiuti di comprare petrolio saudita per protestare contro la guerra nello Yemen. Questo è il motivo per cui alcuni hanno sostenuto che la guerra in Ucraina stia esponendo i punti ciechi del Nord globale, i doppi standard e il razzismo vero e proprio. In breve, la nostra solidarietà sembra essere condizionata dal fatto che le persone colpite siano bianche e cristiane. Eppure, concentrandoci su questi doppi standard, stiamo perdendo un’importante dimensione strategica: precedenti come questa manifestazione di sostegno e solidarietà ucraina sono uno dei modi più potenti per creare un cambiamento. Per quanto possa sembrare ingiusto, accogliere il precedente e mostrare che è possibile rompere con gli affari come al solito – piuttosto che denunciare solo i punti ciechi – è un primo passo per rendere il precedente la nuova normalità. Embed from Getty Imageswindow.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:’iO2UqfB3QaZhpHrmddeKSw’,sig:’bqBiNERiHPP5gnSEGd1Q0Rk7ZZuIHySpu_PqCi2PUaU=’,w:’594px’,h:’396px’,items:’1239193572,1239194329,1239194285,1239213837′,caption: true ,tld:’com’,is360: false })});

Rompere con gli affari

I movimenti sociali – o qualsiasi sforzo organizzato verso la trasformazione sociale e l’emancipazione collettiva – di solito hanno tre diversi obiettivi. In primo luogo, possono mirare a stabilire precedenti, aprire nuove possibilità e spostare le linee (idealmente oltre la semplice “narrazione”). Il loro ruolo, qui, è quello di ottenere un cambiamento “culturale”, assicurando che lo Zeitgeist (lo “spirito del tempo”) continui a modellare ciò che sembrava impossibile, inutile o irragionevole in ciò che è possibile, necessario e ragionevole. I movimenti possono anche mirare a trasformare questi precedenti (e qualsiasi altra richiesta) nella “nuova normalità”, assicurandosi che i cambiamenti che avvengono nella mente delle persone siano trasformati in politiche, norme, abitudini, ecc. Infine, i movimenti possono mirare a lottare contro qualsiasi contraccolpo o tentativo da parte dello stato o delle istituzioni di distruggere qualcosa che i movimenti hanno ottenuto – come le pensioni o i diritti dei lavoratori. Queste sono chiamate lotte “difensive”. Nelle ultime settimane, abbiamo visto la linea tra ciò che è irrealistico e ciò che è possibile spostarsi molto rapidamente. Per citare solo alcuni esempi, abbiamo visto:
  • rifugiati che vengono accolti genuinamente, incondizionatamente
  • i beni dei miliardari congelati e sequestrati, così come una cooperazione internazionale senza precedenti per prendere il controllo degli interessi dei miliardari russi
  • uno stato “canaglia” disconnesso dal sistema finanziario globale
  • Stati che disinvestono proattivamente dai combustibili fossili
  • un boicottaggio sportivo, culturale ed economico senza precedenti
  • un gigantesco cambiamento nel nostro sistema energetico, con i principali paesi che stanno realmente considerando la possibilità di eliminare gradualmente il petrolio e il gas russo.
Embed from Getty Imageswindow.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:’60_rH3ORS_RSZOKYx6k9CQ’,sig:’JCpF4cJDWxwn75Mxrn8DxMPjdHzreVaizcxHDtVvepg=’,w:’594px’,h:’396px’,items:’1239335280′,caption: true ,tld:’com’,is360: false })}); È interessante, e in qualche modo controintuitivo, che questi cambiamenti non siano stati il risultato di una grande mobilitazione sociale. In realtà sono avvenuti prima che i movimenti sociali fossero in grado di integrare le richieste aspirazionali che li sottolineavano. Per gli organizzatori e gli attivisti, questo è sicuramente un momento strano. Per di più, questi cambiamenti sono arrivati dopo due anni di pandemia globale; durante i quali abbiamo visto gli stati del Nord globale fare ancora di più quello che prima ci era stato detto che era impossibile. Cose come:
  • spostare miliardi per sostenere i servizi pubblici
  • delocalizzare alcuni settori produttivi strategici
  • riconoscere l’importanza dei lavoratori “in prima linea”, come il ruolo degli operatori sanitari nelle nostre società
  • massicce politiche redistributive per sostenere coloro che hanno perso il lavoro o il reddito durante il blocco.
Mentre nessuna di queste azioni significa che i paesi più ricchi siano improvvisamente più attenti e meno razzisti, mostrano che un futuro di cura, solidarietà e giustizia è possibile – se non altro perché il precedente è stato creato. Accogliere i rifugiati e offrire ospitalità non può più essere definito rischioso o irragionevole. Embed from Getty Imageswindow.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:’Ncj0ii1DQnh7jyvxi1k_4w’,sig:’LUxKMY9753Hpjq7xtuspwmQBVmtvafuz6k4ooE_iqVw=’,w:’594px’,h:’396px’,items:’1238872138,1238872127,1238872476′,caption: true ,tld:’com’,is360: false })});

Ci sono alternative

È importante per noi cogliere il momento e capire tutte le implicazioni di questa situazione. Abbiamo la responsabilità di estendere questi precedenti – renderli permanenti, piuttosto che temporanei – e lavorare affinché tutti i rifugiati siano coperti, non “solo” quelli che gli stati europei o nordamericani sono desiderosi di accogliere. In definitiva, questi precedenti hanno bisogno di essere ancorati a un quadro emancipatorio (cioè niente polizia di frontiera, niente repressione della solidarietà). Possiamo iniziare questo processo sostenendo i precedenti che si stanno creando. Dovremmo accogliere con favore il fatto che gli stati stiano aprendo le frontiere ai rifugiati ucraini e fare in modo che questo valga per chiunque sia costretto a lasciare il proprio paese. Inoltre, gli attivisti e gli organizzatori non sono estranei a questi cambiamenti. Solo poche settimane fa, la Polonia stava costruendo un muro al suo confine, e i migranti dall’Ucraina non erano trattati molto meglio di qualsiasi altro migrante. Se gli stati hanno cambiato completamente il loro approccio, è sicuramente a causa della guerra – ma anche perché c’era un ampio consenso culturale per sostenere le vittime della guerra. Potremmo, e dovremmo, celebrare questo come un successo per coloro che lottano per la libertà di movimento e contro la polizia delle frontiere. Piuttosto che discutere su come alcuni di noi sostengono diversamente le persone in base alla loro provenienza, dovremmo discutere sulle strategie necessarie per passare da “benvenuti i rifugiati ucraini” a “benvenuti tutti i rifugiati” e “libertà di movimento”. Come possiamo assicurarci che la guerra all’Ucraina non solo ci porti verso un’effettiva eliminazione graduale da carbone, gas e petrolio russi, ma da tutti i combustibili fossili più in generale, ovunque siano estratti? Gli ultimi sviluppi hanno dimostrato – forte e chiaro – che la mancanza di ambizione, l’assenza di politiche di solidarietà e ospitalità, può essere superata. La solidarietà in corso con i rifugiati ucraini rivela non solo l’esistenza di doppi standard, ma le bugie dei nostri leader mondiali. Le decisioni di sostenere il popolo ucraino e di colpire gli interessi russi mostrano che chiunque dica “non c’è alternativa”, “non possiamo accogliere tutti i rifugiati”, “non possiamo tassare i miliardari perché è troppo complesso” o “non è possibile disinvestire dai combustibili fossili” sta in realtà mentendo, per difendere i propri interessi personali. Abbiamo visto che ci sono, in effetti, delle alternative – e che un altro mondo è, in effetti, possibile. È solo una questione di volontà politica. Possiamo trasformare atti concreti di solidarietà nella nuova norma, in modo che ci possa essere, alla fine, una speranza nel buio.

Nicolas Haeringer

Nicolas Haeringer lavora per 350.org, dove coordina l’impegno dei partner e lavora alle mobilitazioni globali. Con sede in Francia, è stato coinvolto nei movimenti per la giustizia globale e climatica e ha scritto sulle strategie di trasformazione sociale per due decenni.

Fonte: Waging Nonviolence, La solidarietà con l’Ucraina per nuova normalità rivolta a tutti i rifugiati
https://wagingnonviolence.org/2022/03/unprecedented-solidarity-ukraine-double-standards-refugees/
Traduzione di Benedetta Pisani per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.