A forza di essere vento


A forza di essere vento è un festival che si sostanzia in 4 giorni di attività culturali, artistiche e sportive dal 18 al 21 marzo 2022  nel quartiere Aurora, fra i più multiculturali di Torino.

Il festival prende il nome dal titolo di una canzone di Fabrizio De André e rivendica il principio della migrazione come diritto essenziale dell’essere umano

A forza di essere vento è finalizzato a promuovere una visione positiva del fenomeno migratorio, dell’incontro con l’Altro, dell’antidiscriminazione e della valorizzazione di ogni differenza in particolare fra i giovani e gli adolescenti.

Il programma delle attività mira a far comprendere ai partecipanti il fenomeno migratorio, nei suoi aspetti umani e di complessità, e li accompagna ad attivarsi concretamente, anche nella forma finale della manifestazione cittadina, contro ogni forma di discriminazione.

Stato del progetto: Concluso

Ambito: Educazione alla pace

ReferenteIlaria Zomer

Dove: Torino

Quando: marzo 2022

Finanziatore: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le pari opportunità – UNAR per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica

Partner: Centro Studi Sereno Regis (capofila)

Cooperativa Babel, Associazione Videocommunity, Associazione Treno della Memoria, Gruppo informale Mediterranea Torino, Associazione Educadora Onlus, Associazione Culturale Scomodo, A.S.D. Balon Mundial ONLUS


Il festival ospita molteplici attività in grado di intercettare interessi diversi: proiezioni di docufilm e video per la cittadinanza e le scuole, laboratori artistici ed espressivi per giovani e adolescenti finalizzati alla creazione di outputs per la manifestazione cittadina contro ogni discriminazione, una conferenza, produzioni di podcast, la realizzazione collettiva di una murale, un concerto e un torneo di calcio fra comunità.

Il festival è organizzato dal Centro Studi Sereno Regis, impegnato da 40 anni nella promozione di una cultura di pace, con realtà locali e nazionali del terzo settore. 

Descrizione del Progetto A forza di essere vento

Obiettivi generali e specifici del progetto

A forza di essere vento si prefigge di promuovere una comprensione del fenomeno migratorio come esperienza essenzialmente umana, oltre gli slogan e le semplificazioni populiste, espressione di un diritto inalienabile della persona.

Nello specifico il progetto: 

  • contribuisce ad accrescere la comprensione del fenomeno migratorio e la capacità di riconoscere ogni forma di discriminazione ad essa collegata nelle sue dimensioni di violenza diretta, culturale e strutturale, 
  • costruisce occasioni in cui persone con esperienze migratorie possano raccontarsi e condividere la loro lettura del fenomeno; 
  • promuove e accompagna l’attivazione congiunta di giovani e adolescenti con diversi background  nel contrasto ad ogni discriminazione e nella costruzione di società più inclusive;
  • Rafforza la costruzione di reti di associazioni impegnate sul tema e promuove la condivisione di buone prassi di progetti inclusivi.  

Programma delle attività

18 marzo

dalle 18.00: Apertura Festival e proiezione di film 

19 marzo

9.30-13.00 Conferenza: “Comprendere le migrazioni fra narrazioni e realtà”

15.00-18.00 Attività laboratoriali e di approfondimento per adolescenti e giovani su Fake news e fenomeno migratorio; situazioni dei diritti delle persone migranti sul confine italo francese nei pressi di Torino, costruzione grafica e progettuale di una campagna antirazzista

21.00: Gruppi musicali giovanili in concerto for benefit  a sostegno dei diritti delle persone migranti

20 marzo

9.30-18.00  Balon Mundial: la Coppa del mondo delle comunità migranti. La coppa prevede la partecipazione gratuita di squadre espressione delle comunità culturali residenti a Torino e italiane

10-13 e 15-18. Laboratori per giovani e adolescenti su antirumours e contronarrazioni; progettazione e realizzazione di un murale collettivo; laboratorio di radio partecipata

dalle 21.00 Proiezione film e dibattito facilitato con strumenti digitali

21 marzo

9.30- 13.00 Proiezioni per la scuola secondaria di primo grado del territorio e a seguire laboratori educativi su stereotipo e pregiudizio

Partecipazione alla manifestazione cittadina: tutti i laboratori sono finalizzati alla realizzazione di contenuti e prodotti presentati dai giovani partecipanti nella manifestazione cittadina il 21 marzo.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.