Eccoci qui: siamo i “Sereni”

print

Da sinistra: Edoardo Vaccaro, Stefano Pirisi, Fabrizio Caridi, Andrea Zenoni

Ciao a tutti! È iniziato il nuovo progetto di servizio civile dal titolo “Radicalisati-Off: spegni l’odio in città”; l’obiettivo del progetto sarà studiare, comprendere e prevenire fenomeni di radicalizzazione giovanile sul territorio di Torino, attraverso attività educative nelle scuole e nelle associazioni, così come percorsi di formazione specifici.

Come per ogni progetto, l’ingrediente che non può mancare mai sono le persone. Ecco dunque chi siamo noi, i nuovi operatori volontari del Centro Studi Sereno Regis per un anno!

Chi siamo?

  1. Ciao, sono Fabrizio. Ho 26 anni e vengo da Genova. Sono laureato in Arti Visive e Teatro, mi occupo di spettacoli. Credo nell’arte e nel suo potenziale sociale. Sono qui al Centro Studi perché voglio imparare al meglio come educare tramite l’Arte. Spero vivamente di conoscere tutti i membri e i volontari che collaboreranno quest’anno. Ringrazio tutti e tutte per l’accoglienza! 
  2. Mi chiamo Andrea, ho 28 anni e sono di Rivalta. Mi piace vivere il territorio, conoscerne le storie e tradizioni, mi piace suonare e cantare, e ciò che riguarda il mondo dell’educazione. Ho studiato Scienze linguistiche all’università di Torino, occupandomi di lingue minoritarie e apprendimento linguistico. Durante il servizio al Centro Studi mi piacerebbe coniugare i miei studi e le mie passioni, associative e creative.
  3. Ciao, io sono Edoardo, ho 29 anni e vengo da Sciacca, in Sicilia. Sono laureando in Scienze Internazionali, con specializzazione sui Diritti Umani. Ho scelto il Servizio Civile qui al Centro Studi perché ritengo che sia il prosieguo naturale per i miei studi e le mie passioni. Spero di poter dare un contributo nella lotta all’hate speech e alla radicalizzazione.
  4. Mi chiamo Stefano, ho 27 anni e vengo da Cagliari. Vivo a Torino ormai da 4 anni, qui mi sono laureato in Antropologia Culturale e adesso sono entusiasta di iniziare la mia esperienza al Centro Studi. Spero di poter dare il mio contributo ai progetti del centro e di poter crescere all’interno di un ambiente così stimolante e ricco di occasioni.