Un carrarmato e un cacciabombardiere fanno guerra anche al clima | Donne in nero

Quanto incidono gli esperimenti nucleari, le quotidiane esercitazioni militari svolte in varie parti del mondo, le guerre in atto responsabili di devastazioni ambientali, vittime umane e animali, spostamenti di popolazioni sui cambiamenti climatici? Difficile calcolarlo, ma certamente moltissimo. Qualche dato:

  • il solo consumo di carburante nelle guerre Usa «antiterrorismo» post-11 settembre dal 2011 al 2017 arriva all’emissione di 1,2 miliardi di tonnellate di gas serra, stima che non comprende la produzione di armi, né l’impatto sul clima e sull’ambiente delle distruzioni massicce di infrastrutture, case, servizi, tutto da ricostruire;
  • le spese militari mondiali (oltre 1.700 miliardi di dollari) sono risorse sottratte agli investimenti sociali e alla riconversione verso un’economia equa ed ecologica; in Italia si arriva a 70 milioni di euro al giorno; inoltre il governo si è impegnato a spendere 14 miliardi di euro per acquistare 90 F-35 dagli Stati Uniti;
  • il settore militare non solo inquina ma contamina, trasfigura, rade al suolo: le attività militari sono responsabili di molte forme di inquinamento e danni alla salute delle popolazioni: dai metalli pesanti per finire all’uranio impoverito, oltre 300 i casi riconosciuti di tumori (e di decessi) che hanno colpito i soldati italiani in servizio all’estero, ma poco si sa sull’aumento di tumori e malattie a danno delle popolazioni vittime degli indiscriminati attacchi militari;
  • le armi nucleari rappresentano una minaccia ancora più grave, sia nelle varie fasi della costruzione sia per le scorie cui danno origine; l’utilizzo di meno dello 0,5 % delle armi nucleari presenti oggi nel mondo produrrebbe una rottura catastrofica del clima globale, minacciando la sopravvivenza di 2 miliardi di persone. In Italia sono presenti 70 ordigni nucleari nelle basi di Aviano e Ghedi Torre, in violazione del Trattato di Non Proliferazione Nucleare, sottoscritto anche dall’Italia.

Inutile dunque opporsi al caos climatico senza opporsi anche alla corsa agli armamenti e alle guerre.

“L’umanità che tratta il mondo come un mondo da buttare via, finirà per trattare se stessa come un’umanità da buttare via” (Günther Anders)

SMILITARIZZIAMO L’AMBIENTE E LE NOSTRE VITE

per prenderci cura di noi stessi/e, degli/delle altri/e, del mondo in cui viviamo

Donne in Nero della Casa delle Donne di Torino

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.