Andata e (non) ritorno. La letteratura dello sterminio fra storia e narrazione | Segnalazione redazionale

Anne Marie Jaton, Fabio Ciaralli, Andata e (non) ritorno. La letteratura dello sterminio fra storia e narrazione, ETS, Pisa 2015, pp. 206, euro 18

La letteratura dello sterminio mostra impietosamente che per sopravvivere ogni uomo è pronto a superare tutti i confini: conduce inevitabilmente a confrontarsi con temi storici e riflessioni psicosociali che si interrogano sulla presenza del male nell’uomo. Travalicando i canoni della letteratura e della filosofia contemporanee narra esperienze di sconfinato dolore, insieme singole e comuni a tutti gli autori.

I grandi scrittori europei che qui ascoltiamo cercano un modo per esprimere l’oscillazione impazzita fra vita e morte: fame, freddo, istanti senza fine di una macabra danza disperata. Sono voci intrise di carne e sangue di esseri umani ormai ridotti a bestie che, dopo il vissuto di un orrore propriamente assurdo, riescono a trasformarlo in scrittura, in un ultimo, estremo sacrificio.

La letteratura dello sterminio è il corpo vivente delle grandi questioni: quale è la natura dell’uomo? Dove si situano i confini fra bene e male? Cerchiamo risposte e vacillano le nostre certezze.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.