I Giusti di Budapest, Il ruolo dei diplomatici vaticani nella Shoah

Matteo Luigi Napolitano, I Giusti di Budapest, Il ruolo dei diplomatici vaticani nella Shoah, San Paolo 2013, pp. 240, € 16,00

«Falsificarono documenti,

diedero rifugio a uomini, donne e bambini,

lavorarono nell’ombra per evitare

il massacro:

documenti inediti

per una storia di salvezza e giustizia»

(dalla Quarta di copertina)

cop napolitano budapestAltri «schindler»…

Ho volutamente lasciato l’iniziale minuscola, perché in questo caso «schindler» non è un cognome, ma è un «modo d’essere». Nel libro segnalato si racconta di «due diplomatici della Santa Sede […] che [durante la seconda guerra mondiale, NdR] salvarono molti ebrei ungheresi destinati ai lager, utilizzando le armi della diplomazia e gli inganni della giustizia».

Le azioni dei due monsignori – Angelo Rotta e Gennaro Verolino – sono ora note, grazie alla famiglia Verolino che ha messo a disposizione l’intero archivio: «Sono documenti freschi e immediati che […] consentono di ipotizzare l’esistenza di una vera e propria rete diplomatica attiva per difendere gli ebrei dalla follia nazista e fascista, rete in cui i rappresentanti del Vaticano furono in prima linea. […]».

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.