Rallenta, almeno l’8 maggio | Cinzia Picchioni

giornata lentezza


Lunedì 8 maggio p.v. sarà l’undicesima edizione della Giornata della Lentezza, e partirà da Padova con una pedalata acquatica, cui parteciperà Bruno Contigiani fondatore dell’associazione Vivere con Lentezza. L’iniziativa invita le persone a riprendersi il proprio tempo, ad ascoltarsi e a connettersi con se stessi, con gli altri e con l’ambiente.

Altri eventi sono previsti a Le Havre, NewYork, Matera, Milano, Cadorago/Como,Venezia, Caltanissetta, Pavia, Piacenza, Montalcino, Lodi, Tokyo, Oncino/Cuneo, Ferrara, Genova, Salento, Murgia e Gargano, Parco del Pollino ecc. e tutti sono caratterizzati dalla volontà di dimostrare che è possibile affrontare con un passo differente la vita di tutti i giorni.

Ben prima di 11 anni fa, Alexander Langer aveva cominciato a cercare di diffondere un messaggio simile – anzi proprio uguale, con il suo motto “Lentius, profundius, soavius” (più lento, più in profondità, più dolcemente). Parlava a un Convegno giovanile, ad Assisi, era il 1994… fortunatamente possiamo vederlo e ascoltarlo – e non perdetevelo, dura poco! Appunto…

Chi aderisce all’undicesima Giornata della lentezza dell’8 maggio 2017 si riconosce nei 14 Comandalenti. Eccoli anche per noi:

  1. Svegliarsi 5 minuti prima del solito per farsi la barba, truccarsi o far colazione senza fretta e con un pizzico di allegria;
  2. Se siamo in coda nel traffico o alla cassa di un supermercato, evitiamo di arrabbiarci e usiamo questo tempo per programmare mentalmente la serata o per scambiare due chiacchiere con il vicino di carrello;
  3. Se entrate in un bar per un caffè: ricordatevi di salutare il barista, gustarvi il caffè e risalutare barista e cassiera al momento  dell’uscita (questa regola vale per tutti i negozi, in ufficio e anche in ascensore);
  4. Scrivere sms senza simboli o abbreviazioni, magari iniziando con caro o cara… ;
  5. Quando è possibile, evitiamo di fare due cose contemporaneamente come telefonare e scrivere al computer… se no si rischia di diventare scortesi, imprecisi e approssimativi;
  6. Evitiamo di iscrivere noi o i nostri figli ad una scuola o una palestra dall’altra parte della città;
  7. Non riempire l’agenda della nostra giornata di appuntamenti, anche se piacevoli, impariamo a dire qualche no e ad avere dei momenti di vuoto;
  8. Non correte per forza a fare la spesa, senz’altro la vostra dispensa vi consentirà di cucinare una buona cenetta dal  primo al dolce;
  9. Anche se potrebbe costare un po’ di più, ogni tanto concediamoci una visitina al negozio sottocasa, risparmieremo in tempo e saremo meno stressati;
  10. Facciamo una camminata, soli o in compagnia, invece di incolonnarci in auto per raggiungere la solita trattoria fuori porta;
  11. La sera leggete i giornali e non continuate a fare zapping davanti alla tv;
  12. Evitate qualche viaggio nei week-end o durante i lunghi ponti, ma gustatevi la vostra città, qualunque essa sia;
  13. Se avete 15 giorni di ferie, dedicatene 10 alle vacanze e utilizzate i rimanenti come decompressione pre- o post-vacanza;
  14. Smettiamo di continuare a ripetere: “non ho tempo”. Il continuare a farlo non ci farà certo sembrare più importanti.

Vivere con Lentezza come organizzazione lavora anche su progetti di scuole nelle baraccopoli di Jaipur (India), con bambine e bambini di strada; in Italia, a Pavia e a Piacenza, opera nelle case circondariali, con gruppi di lettura ad alta voce e con la produzione di periodici scritti dai detenuti. È possibile aderire alla Giornata della Lentezza con eventi, manifestazioni e condivisioni fino a metà giugno.

Informazioni: www.vivereconlentezza.it e [email protected]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.