Quando la giraffa balla col lupo | Recensione di Cinzia Picchioni


cop_quando-la-giraffa-balla-col-lupo-libroSerena Rust, Quando la giraffa balla col lupo, Macro Edizioni, Cesena 2016, pp. 160, € 6,90

Gandhi ha osservato che la nostra capacità naturale di provare empatia può attuarsi di nuovo quando si placa la violenza che è in noi. In questo senso Marshall Rosenberg definisce il suo metodo “nonviolento”, p. 15

Sottotitolo?

“La comunicazione nonviolenta in 4 passi”, ecco perché questa recensione è ospitata nella “newsletter” del Centro Studi Sereno Regis. Il librino, agile e comodo (anche nel prezzo!), andrebbe letto, studiato e messo in pratica anche per organizzare riunioni e assemblee, soprattutto nelle onlus, nelle cooperative, nelle associazioni in cui, il più delle volte, “si predica bene e si razzola male”. Ma vediamo come applicare la comunicazione nonviolenta in situazioni pubbliche.

Come ballano una giraffa e un lupo!!!

A partire dalle altezze dei due “ballerini” sembra già impossibile una danza, non è vero? Nel libro viene spiegato che la “danza” ha a che fare con due diversi modi di ascoltare, anzi proprio di due diversi tipi di “orecchie”: quelle da lupo percepiscono attacchi, rimproveri, accuse, giudizi (e il lupo che è in noi reagirà con contrattacchi o con sensi di colpa); le orecchie da giraffa percepiscono messaggi che riguardano sentimenti e bisogni, miei e degli altri. Dunque quando succede qualcosa, reagiamo, e/o parliamo-rispondiamo con modi da lupo o da giraffa: lupo ascolta con orecchie da lupo, in modo non empatico; giraffa ascolta con orecchie da giraffa, in modo empatico. Con orecchie da lupo rivolte verso l’esterno diremo: “hai un problema”; rivolte verso l’interno: “ho un problema”; con orecchie da giraffa rivolte verso l’esterno chiederemo: “che cosa provi? Di cosa hai bisogno?”; rivolte verso l’interno: “che cosa provo? Di cosa ho bisogno?”.

10 bisogni

Già, ma come facciamo a sapere di che cosa abbiamo bisogno? E che cosa proviamo? Marshall Rosenberg* ha classificato dieci bisogni: autoconservazione, sicurezza, amore, autenticità, empatia, celebrazione, giustizia, appartenenza, autonomia e senso, ma a p. 151 del libro c’è un elenco ben più lungo per vedere quanti possono essere i bisogni, che magari nemmeno noi sappiamo di avere!

*Marshall Rosenberg che non è più

L’anno scorso, il 2015, è morto l’ideatore del metodo della comunicazione nonviolenta, che ha diffuso per il mondo durante tutta la sua vita. Era noto come mediatore dei conflitti e ha formato studenti, genitori, manager, medici, avvocati, psicologi, attivisti per la pace, prigionieri, poliziotti, religiosi, educatori in oltre 40 Paesi del mondo. Anche il libro qui recensito è un “figlio” del metodo Marshall Rosenberg (ampiamente citato in Bibliografia).

4 passi

Marshall Rosenberg ha ideato un processo in quattro passaggi successivi nei quali parlare di come ci sentiamo e di ciò che ci occorre per sentirci meglio (p. 23).

1° passo, osservare senza giudicare: chiarire la causa dell’irritazione

2° passo, ascoltare le emozioni invece di interpretarle: che emozione provo?

3° passo, bisogni invece di strategie: di che cosa ho bisogno? (invece di “come me lo procuro?”)

4° passo, chiedere invece di pretendere: per favore puoi?

Per parlare di come ci sentiamo ci serve però una sorta di “alfabeto” delle emozioni (siamo abbastanza analfabeti, quanto a emozioni, così abituati a pensare, invece che “sentire”).

5 emozioni

Paura, gioia, dolore, tristezza, aggressività, queste sono le emozioni fondamentali, e sono tutte qui, per ogni essere umano (e anche animale, secondo me). Nel libro troviamo belle tabelle esplicative: emozioni che indicano bisogni soddisfatti (e tabelle che indicano bisogni disattesi); liste di emozioni interpretative… che cosa sono le emozioni interpretative? Sono quando diciamo “Mi sento…” oppure “Ho l’impressione che…” e poi non indichiamo un’emozione, ma un giudizio o un’interpretazione di quello che fa l’altro: tipico esempio “mi sento tradito”; “tradito” non è un’emozione, è un giudizio sull’azione – tradire – che l’altro avrebbe compiuto (ma che non è per nulla detto che l’abbia compiuta).

E cosa troviamo fra i bisogni? Nella tabella di p. 151 c’è una lista che comprende “autorealizzazione”, “spiritualità”, “consapevolezza”; e nella tabella con l’elenco delle emozioni che indicano bisogni disattesi troviamo “tentennante”, “confuso” “malinconico”. Vuoi dire che non è pigrizia, ma “bisogno disatteso” quello che vedo in mio figlio? E bisogno di cosa? Lo cercherò con orecchie da giraffa! Gli parlerò con linguaggio da giraffa! Chiederò invece di pretendere, gli dirò come mi sento e di che cosa ho bisogno, osserverò senza giudicare.

Provare!

È un po’ così questo libro, da prendere in mano e cominciare ad applicarlo, addirittura senza studiarlo troppo, perché “le parole sono finestre (oppure muri)”, come si intitolava un seminario tenuto da Marshall Rosenberg a cui l’autrice del libro ha partecipato anni fa. Quando parliamo scegliamo che cosa e come dire quello che intendiamo dire, aprendo una finestra (linguaggio giraffa) o erigendo un muro (linguaggio lupo).

“La tua partner ti fa un’osservazione e tu, invece di offenderti, ti rendi di quali siano i suoi bisogni. Non sarebbe meraviglioso?”. Magari! Dico io, leggendo la Quarta di copertina, insieme alle note biografiche dell’autrice: consulente, mediatrice di conflitti, formatrice certificata a livello internazionale per la comunicazione nonviolenta ([email protected]). Ah sì, bisogna scriverle in inglese (o in tedesco).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.