Esame di coscienza…

Finite le vacanze? Dove siamo andati? Di che cosa ci siamo occupati scegliendo il luogo di vacanza? Se non capiamo queste domande leggiamo qua sotto (fonte: “Starbene”, agosto 2015)

“Gli hotel a neutralità climatica sono quelli che consumano pochissimo e inquinano ancora meno: producono energia pulita e ricorrono alle pratiche di compensazione. Il loro numero è in aumento e piacciono sempre di più: tanto che in un anno i soggiorni eco-friendly hanno conquistato il triplo degli estimatori (lo dice un sondaggio effettuato dal sito www.booking.com ). […] Secondo i dati della World Tourism Organization, gli hotel tradizionali producono il 21% circa di Co2 dell’intero sistema turistico. Ciascuno di essi, infatti, consuma in media 21 kilowatt di energia elettrica e 645 litri di acqua per ospite. Uno spreco che i nuovi alberghi sono in grado di tagliare fino all’80%. Come riconoscerli? Puoi verificare che abbiano ottenuto una delle certificazioni ue volontarie (per esempio Ecolabel, che raggruppa 1070 strutture) cercando nei siti preposti (www.hotelecolabel.it ; www.ecobnb.it ) […]”.

vacanza-ecologica

Ok. Abbiamo invece guardato solo il prezzo, scegliendo dove andare in vacanza? O siamo andati dietro solo al desiderio? Se è così, e vogliamo agire diversamente per organizzare la nostra prossima vacanza (invernale o estiva), possiamo scegliere tra i luoghi riportati qui sotto. Sono alberghi che hanno scelto di essere un po’ più attenti al Pianeta Non li ho verificati personalmente, ne fornisco i dati traendoli dalla stessa fonte. Magari andrete voi e ne scriverete una recensione?

Creativhotel Luise (www.hotel-luise.de )

Nella città di Erlangen, in Baviera, [l’hotel] usa l’energia verde delle centrali idroelettriche e ha i pannelli solari per il riscaldamento. Nelle camere trovi i mobili artigianali di legno locale, materassi di materie naturali e reti senza metallo. Fuori, nella zona verde irrigata con acqua piovana, volano diversi tipi di uccelli, e i ricci circolano indisturbati dal personale che si muove in bicicletta o su auto elettriche. A km 0 anche la cucina, che offre i prodotti di una vicina fattoria biologica: uova, latte, yogurt e formaggio, frutta e verdura.

Feldmilla Design Hotel (www.feldmilla.com )

A Campo Tures, in Alto Adige, [l’hotel] ha la prima camera clean air d’Italia, trattata con materiali sostenibili e priva di inquinanti atmosferici. Ma a garantire l’impatto zero sono la centrale idroelettrica sul fiume Aurino e il riscaldamento a biomassa, che consente di non produrre Co2. Poi ci sono le luci a led e i prodotti a km 0 forniti dai contadini della zona, mentre il consumo del pesce di mare è stato ridotto a favore di quello del salmerino e della trota locali.

Familien-Landhotel Stern, a Innsbruck (Austria). Il caricatore gratuito per auto elettriche è la econovità dell’hotel: un servizio per gli ospiti […] coinvolti nella varie iniziative sostenibili. Possono, per esempio, dormire in un letto di fieno sotto i larici, oppure raccogliere erbe, bacche e frutti per poi studiare insieme ai cuochi come usarle secondo antiche ricette locali. L’hotel si avvale di energia verde prodotta esclusivamente da centrali idroelettriche e promuove […] il rimboschimento dei campi nei pressi dell’hotel stesso. www.hotelstern.at

Sunstar Style Hotel. A Zermatt (Svizzera) le auto non circolano. E l’hotel contribuisce a compensare le emissioni di Co2. Non si fuma, si fa la raccolta differenziata e si usa carta riciclata. Le lampadine delle zone comuni vengono attivate dai rilevatori di movimento. Nelle camere i doppi vetri trattengono il calore, i radiatori hanno il termostato, la biancheria viene cambiata solo a richiesta. www.zermatt.sunstar.ch

Gloria Verde Resort (Antalya, Turchia) www.greenpearls.com […] la corrente elettrica è prodotta da fonti di energia rinnovabili come quella solare e il gas naturale, le lampadine sono ecologiche e a led, e i sensori le spengono se non servono. Il termostato delle aree comuni si accende e spegne automaticamente, mentre nelle camere è regolato dall’ospite ma si disattiva non appena si aprono le finestre. Docce e rubinetti sono dotati di un sistema di risparmio dell’acqua e quella calda viene prodotta da un dispositivo di scambio termico. Al posto del cloro, come antibatterico si usa l’ozono, e in cucina un separatore raccoglie l’olio usato da eliminare e lo smaltisce secondo le direttive internazionali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.