Il kerigma. Nelle baracche con i poveri – Recensione di Cinzia Picchioni

cop_Il-Kerigma-Nelle-baracche-con-i-poveriKiko Argüello, Il kerigma. Nelle baracche con i poveri, San Paolo, Cinisello Balsamo (Mi) 2013, pp. 144, € 9,90

Le chitarre in chiesa

““Non si rinnova la Chiesa con le chitarre”. “No? E come?”. “Con il Mistero Pasquale, con il kerigma”. “E questo cos’è?”. Non avevano mai sentito parlare del kerigma. “Bene, se volete vi spiego cos’è””, p. 65.

“Il kerigma non è un sermone, non è una meditazione. Che cos’è il kerigma? È l’annuncio di una notizia che si realizza ogni volta che si proclama. E che cos’è ciò che si realizza? La salvezza. Se oggi vi annuncio il kerigma, torna ad attuarsi davanti a voi la salvezza. […] La parola Vangelo significa Buona Novella, Buona Notizia. Vangelo e kerigma sono la stessa cosa. Annunciare il Vangelo è annunciare il kerigma. È importante poter ascoltare il kerigma”, p. 92.

Che cosa troviamo

Il libro si compone di: una lunga testimonianza-racconto dell’autore; fotografie (luoghi e persone); la trascrizione di un intervento dell’autore all’Abbazia di San Domenico di Sora, nel 2012; la Presentazione di Antonio Cañizares Llovera (Cardinale Prefetto della Congregazione per il Culto Divino); un commento di Christoph Schönborn (Cardinale Arcivescovo di Vienna).

“Kiko Argüello, Carmen Hernández e il sacerdote italiano Mario Pezzi sono oggi i responsabili a livello mondiale del Cammino Neocatecumenale, presente in più di 100 Paesi dei 5 Continenti”, dalla copertina.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.