Daniele Biella, Nawal, l’angelo dei profughi | Recensione di Dario Cambiano


cop_Nawal-Biella.jpg(1)Daniele Biella, Nawal, l’angelo dei profughi, Paoline, Milano 2015, pp. 146, € 13,00

Vorrei essere io, Nawal?

Nawal è una ragazza, figlia di migranti, che ha vissuto il passaggio del Mediterraneo da neonata, è sopravvissuta, e cresciuta e la sua coscienza non si è seccata. Così, va in Siria, a «rendersi conto», e lì lascia il suo numero di telefono a qualcuno.

Potrei essere io, Nawal?

Presto si accorge di aver fatto qualcosa di incredibile: aver dato il suo numero di telefono a «qualcuno» che presto diventa migrante, e lo usa. Lo usa per dire che ha paura, che sta affondando, che sta morendo.

Dovrei essere io, Nawal?

Lei, che sia notte o che sia giorno, risponde. Sempre. Si fa dare le coordinate, le comunica alla Capitaneria di Porto (vive a Catania). Fa partire i soccorsi con indicazioni preziose, mirate. Dalla prima volta, i suoi interventi si susseguono, si moltiplicano. La sua vita è invasa dalle richieste di aiuto. Sommersa.

Lei non affoga, anzi, aiuta, prima al telefono, poi di persona, andando a incontrare chi ha contribuito a salvare.

Nawal non sta ferma. Non guarda la televisione commuovendosi. Non legge i giornali indignandosi.

Nawal aiuta, si mette a disposizione, si mette in gioco. Crea un servizio.

Un servizio che ha salvato migliaia di migranti.

Vorrei essere io, Nawal.

Potrei essere io, Nawal? Comunque la pensiate, questa ragazza – è una storia vera, naturalmente – ci guarda in faccia e ci interroga. Leggete questo libro, potrebbe disseccare le nostre/vostre coscienze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *