Daniele Biella, Nawal, l’angelo dei profughi | Recensione di Dario Cambiano


cop_Nawal-Biella.jpg(1)Daniele Biella, Nawal, l’angelo dei profughi, Paoline, Milano 2015, pp. 146, € 13,00

Vorrei essere io, Nawal?

Nawal è una ragazza, figlia di migranti, che ha vissuto il passaggio del Mediterraneo da neonata, è sopravvissuta, e cresciuta e la sua coscienza non si è seccata. Così, va in Siria, a «rendersi conto», e lì lascia il suo numero di telefono a qualcuno.

Potrei essere io, Nawal?

Presto si accorge di aver fatto qualcosa di incredibile: aver dato il suo numero di telefono a «qualcuno» che presto diventa migrante, e lo usa. Lo usa per dire che ha paura, che sta affondando, che sta morendo.

Dovrei essere io, Nawal?

Lei, che sia notte o che sia giorno, risponde. Sempre. Si fa dare le coordinate, le comunica alla Capitaneria di Porto (vive a Catania). Fa partire i soccorsi con indicazioni preziose, mirate. Dalla prima volta, i suoi interventi si susseguono, si moltiplicano. La sua vita è invasa dalle richieste di aiuto. Sommersa.

Lei non affoga, anzi, aiuta, prima al telefono, poi di persona, andando a incontrare chi ha contribuito a salvare.

Nawal non sta ferma. Non guarda la televisione commuovendosi. Non legge i giornali indignandosi.

Nawal aiuta, si mette a disposizione, si mette in gioco. Crea un servizio.

Un servizio che ha salvato migliaia di migranti.

Vorrei essere io, Nawal.

Potrei essere io, Nawal? Comunque la pensiate, questa ragazza – è una storia vera, naturalmente – ci guarda in faccia e ci interroga. Leggete questo libro, potrebbe disseccare le nostre/vostre coscienze.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.