In memoria di Dietrich Fischer – Johan Galtung

Cari Membri di Transcend – molti di voi proposti da Dieter! – il mio caro amico, cofondatore di Transcend nel 1993 con me e Fumiko Nishimura, ci ha lasciato oggi dopo una breve degenza ospedaliera in coma, sostanzialmente a causa del suo diabete da molti anni.

/nas/wp/www/cluster 41326/cssr/wp content/uploads/2015/10/dfischer
Dietrich Fischer

Molto competente in matematica, modellistica ed economia, è stato per tanti anni professore a New York, fino a un precoce pensionamento e una piena dedizione a Transcend, dapprima da Basilea, Svizzera, poi in Germania; in particolare responsabile della Transcend University Press (TPU) e in qualità di consigliere d’amministrazione di Transcend in toto.

Era particolarmente impegnato per la pace ed espresse molto spesso la sua contentezza di lavorare per la pace anziché per la crescita economica insita nelle teorie economiche. Ma aveva trovato anche un importantissimo campo intermedio di specializzazione: l’economia del disarmo. Il suo lavoro basilare, tuttavia, fu su Karl Menger e sulla forza in quanto forti in se stessi, non nel senso di al di sopra degli altri.  Applicò questo al potere militare, contrastando la strategia svizzera del 1971 e proponendo una efficacissima forza difensiva con l’assenza d’intenti e di capacità di attaccare altri, neppure in reazione a un attacco..  La storia svizzera illustra ad abundantiam la validità di questa tesi.

Caro, caro Dieter – manchi profondamente. Ma la mente mi si volge dalla tristezza alla gratitudine per te per la nostra meravigliosa amicizia – 40 anni buoni di cooperazione senza screzi! Ti riferivi spesso a te stesso come flemmatico, imperturbato dagli alti e bassi della realtà – compresa la nostra piccola parte di essa, Transcend – affrontando i problemi così come si presentavano, avendo una prospettiva a lungo termine, acquisita con l’esperienza. Innumerevoli furono i dialoghi fra noi, l’interpellarsi e l’apprendimento reciproci, mai dibattiti per dimostrare di aver ragione. 

Celebriamo dunque la tua vita pur deplorando che tu non sia più fra noi, con profonda gratitudine per tutto quel che hai fatto per ispirare e aiutare — e per la pace in generale.

il tuo amico Johan

18 ottobre 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *