Omicidi e sparizioni di attivisti in Iraq

Un Ponte Per esprime cordoglio e preoccupazione per le ripetute repressioni sui manifestanti iracheni: anche nella giornata di ieri uccise 2 persone e altre decine ferite da colpi d’arma da fuoco. Dopo mesi di omicidi e sparizioni di attivisti in Iraq, quale futuro per il Paese con le elezioni sempre più vicine? Non lasciate soli … Continua

Il Papa in Iraq

Autore Adel Jabbar Il Papa in Iraq, tra scontri geopolitici, fake news e desiderio di protagonismo della popolazione civile nonostante la repressione La decisione del Papa di compiere una visita in terra mesopotamica richiede un’analisi attenta vista la complessità delle dinamiche geopolitiche del Vicino e Medio Oriente. Il Pontefice si è recato in un’area che … Continua

Iraq 1991, la guerra che ha cambiato il mondo

AutoreLuca Serratore Era la notte tra il 16 e il 17 gennaio del 1991 quando iniziò lo sgancio infinito di bombe su Baghdad. Così tante bombe che ne furono lanciate più di quante furono quelle durante la seconda guerra mondiale. Dopo 40 giorni l’Iraq era irriconoscibile, paragonabile a una civiltà dell’età della pietra. L’azione della … Continua

L’acqua non è un’arma. Storie irachene di resistenza per il diritto all’acqua

Diretta online sulla pagina Facebook di Un Ponte Per martedì 26 maggio 2020 alle 18. L’Iraq tra attraversando una fase complessa della sua storia, tra mobilitazioni giovanili popolari, crisi politiche, siccità e cambiamenti climatici. Ma una giovane generazione da anni si batte per salvaguardare l’immenso patrimonio ambientale e culturale del proprio paese, attraverso campagne e … Continua

Non si torna indietro: la rivoluzione degli iracheni continua | Mohammed Shamandafar

19 FEBBRAIO 2020 Le voci di un paese che vuole cambiare davvero, senza accettare compromessi “Voglio un Paese bello come gli occhi della mia amata. Lunga vita all’Iraq!” Poche ma significative le parole che Haider al-Rubaei ha voluto lasciare a chiunque le avesse trovate, scritte a mano in un piccolo foglio di carta. Riavvolto in un … Continua

Iraq: restare per la pace | Benedetta Pisani

Si vis pacem, para bellum. Se vuoi la pace, prepara la guerra. Ma in che modo prepararsi alla guerra può favorire la pace, se questo significa sovradimensionare le spese militari a danno di quelle civili e implementare politiche militariste e interventiste che minacciano il benessere, la sicurezza e la libertà? Se lasciate in balìa di … Continua

Iraq dopo l’omicidio di Soleimani: facciamo un po’ di chiarezza | Fabrizio Maffioletti

Questa sera [mercoledì 29 gennaio, ndr] al Centro Studi Sereno Regis di Torino si è tenuta una conferenza organizzata da Un Ponte Per in cui Ismael Dawood e Mohamed Wisam Ambrosini hanno parlato dell’attuale situazione irachena. Lo scenario di fondo in estrema sintesi:in quella area si fronteggiano due disegni egemonici basati sulla religione islamica: uno sunnita, del quale il principale attore … Continua