L’estradizione di Assange è solo l’ultimo dei provvedimenti del Regno Unito contro la libertà di stampa

Martin Williams

Il giornalismo è sotto attacco, eppure i parlamentari si schiereranno martedì per rendere omaggio alla “Giornata mondiale della libertà di stampa”.

La prossima settimana i politici britannici celebreranno la Giornata mondiale della libertà di stampa discutendo della sicurezza dei giornalisti e dell’importanza della libertà di espressione senza alcun senso dell’ironia.

Il governo sostiene di essere un “campione di lunga data della libertà dei media”, affermando che il giornalismo indipendente è “essenziale” per la democrazia.

Eppure, il 17 giugno Priti Patel ha approvato l’estradizione negli Stati Uniti dell’editore di WikiLeaks Julian Assange. Se condannato, potrebbe essere incarcerato per 175 anni.

Questo non è solo un attacco ad Assange, ma ha implicazioni allarmanti per il giornalismo investigativo nel Regno Unito. E fa parte di una guerra aggressiva che il governo di Boris Johnson sta conducendo contro la stampa libera.

L’ordine di estradizione segue una lunga e aspra lotta per la vendetta dopo che Assange ha denunciato i crimini di guerra degli Stati Uniti. Ha dimostrato che le truppe americane hanno giustiziato a sangue freddo dei bambini e che le autorità hanno tenuto nascosto il numero di civili uccisi.

WikiLeaks ha anche pubblicato un video straziante che mostrava gli elicotteri Apache statunitensi lanciare un attacco immotivato contro civili innocenti, tra cui due giornalisti della Reuters. Inoltre, i documenti hanno rivelato come l’esercito statunitense abbia sistematicamente ignorato la tortura di civili da parte delle autorità irachene.

Da allora i potenti vogliono mettere le mani su Assange. La loro rabbia è tale che alcuni funzionari della CIA hanno persino progettato di rapire o assassinare l’editore per le strade di Londra.

La “caccia alle streghe

L’elenco dei reati di cui Assange è ora accusato comprende il “possesso non autorizzato” di documenti segreti e la “pubblicazione su Internet”. Questa non è altro che una descrizione del giornalismo investigativo – e avrà un effetto raggelante sulla stampa libera.

Alcuni sostengono che Assange non sia un giornalista, ma all’epoca era certamente considerato tale. Quando WikiLeaks ha iniziato a pubblicare informazioni riservate, quasi tutti i giornali britannici hanno descritto Assange come “giornalista” o “editore”. WikiLeaks collaborava con il Guardian e il New York Times per pubblicare le rivelazioni contenute nei documenti trapelati.

Questa collaborazione è continuata anche dopo che Assange è stato accusato per la prima volta di crimini sessuali in Svezia (accuse che alla fine sono state ritirate a causa dei ritardi): il Guardian ha condannato la “caccia alle streghe” contro di lui e ha accusato alcuni critici di essere ipocriti. In America, il New York Times ha fatto da intermediario quando Assange ha voluto mettersi in contatto con la Casa Bianca.

Il processo legale per l’estradizione di Assange è stato lungo e complicato e ha dovuto affrontare accuse di parzialità.

L’estradizione è stata firmata all’Alta Corte dal Lord Chief Justice Ian Burnett. Egli è un “buon amico” di Alan Duncan, l’ex ministro conservatore responsabile di aver organizzato lo sfratto di Assange dall’ambasciata ecuadoriana nel 2019, dove stava cercando di evitare l’arresto. Duncan aveva precedentemente definito Assange un “miserabile piccolo verme”.

Nel frattempo, uno dei testimoni chiave contro Assange si è rivelato essere un pedofilo condannato che da allora è stato imprigionato nella prigione di massima sicurezza islandese dopo essere stato descritto come un “sociopatico” in tribunale.

La guerra contro il giornalismo

Gli sforzi del Regno Unito per aiutare a incarcerare Assange fanno parte di un’agenda più ampia che mina la libertà di stampa.

I parlamentari stanno attualmente discutendo una nuova legge sulla “sicurezza nazionale” che potrebbe criminalizzare molto giornalismo d’inchiesta e contemporaneamente garantire l’immunità ai ministri coinvolti in crimini di guerra. Il governo vuole che sia illegale per i giornalisti rivelare informazioni ufficiali “riservate” se essi o la loro organizzazione hanno mai ricevuto finanziamenti da un governo straniero.

Il governo intende anche rivedere l’Official Secrets Act, eliminando la “difesa dell’interesse pubblico” per i giornalisti che hanno pubblicato documenti trapelati. I giornalisti più autorevoli hanno condannato la mossa come una “minacciosa minaccia alla libertà di parola”.

E il progetto di legge sulla sicurezza online, che obbligherebbe le società di social media a rimuovere i contenuti dannosi, potrebbe inavvertitamente colpire il giornalismo legittimo su argomenti sensibili, è stato avvertito.

Quando noi di openDemocracy abbiamo condotto una campagna contro la segretezza del governo, il ministro dei Conservatori Michael Gove ha attaccato il nostro giornalismo, definendolo “ridicolo e tendenzioso” – fino a quando non abbiamo ottenuto una storica vittoria legale contro di lui.

L’anno scorso, un fotografo freelance è stato arrestato dopo aver fotografato una protesta in un campo di accoglienza nel Kent.

E un ministro del governo è stato criticato per aver attaccato una giornalista su Twitter, accusandola di “inventare affermazioni”.

La Gran Bretagna non sembra nemmeno preoccuparsi molto dello stato della libera stampa tra i suoi alleati internazionali.

A maggio, le forze israeliane hanno ucciso un giornalista veterano con un proiettile presumibilmente fabbricato negli Stati Uniti. Anche al funerale di Shireen Abu Akleh, gli agenti di polizia hanno attaccato i portatori della bara, facendoli quasi cadere. Il governo britannico ha chiesto un’indagine indipendente sulla sua morte, ma non ha detto altro sulla questione.

Martedì i parlamentari si schiereranno per dire quanto tengono alla libertà di stampa (anche se la Giornata mondiale della libertà di stampa si è svolta a maggio). L’evento dovrebbe servire a “ricordare ai governi la necessità di rispettare il loro impegno nei confronti della libertà di stampa”.

Ma se si vuole sapere quanto il governo tenga davvero alla libertà di stampa, non bisogna guardare lontano. C’è una guerra contro il giornalismo. Ecco perché noi di openDemocracy stiamo lavorando duramente per fermare questi attacchi alla libertà dei media. E abbiamo bisogno anche del vostro aiuto.


Fonte: OpenDemocracy, 17 giugno 2022

https://www.opendemocracy.net/en/julian-assange-extradition-priti-patel-journalism-attack/

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.