La violenza domestica e la sua progenie in Sudafrica

Autore
Hoosen Vawda


La violenza domestica e la sua progenie in Sudafrica sono notevolmente aumentate dall’inizio della pandemia da Covid-19 del 2020.

«I mostri generano mostri»


La violenza domestica e la sua progenie in Sudafrica
Hout Bay, Cape Town, South Africa
Walking On Sunshine | Photo by Bella The Brave on Unsplash

Il 25 febbraio 2021, segna ufficialmente il giorno in cui l’abietta povertà è stata vinta nella Repubblica Popolare Cinese sotto la guida del presidente Xi Jinping, quando ha annunciato che la Cina ha segnato una «vittoria completa» nella sua lotta contro la povertà. Questo si basa sul guadagno di riferimento cinese di 2,30 dollari al giorno, il reddito è stato raggiunto in Cina. Il presidente Jinping è anche segretario generale del Comitato centrale del Partito comunista cinese e presidente della Commissione militare centrale, ha detto che la povertà assoluta è stata sradicata nel paese più popoloso del mondo. Questa è davvero una vittoria storica nella lotta globale contro la povertà.

Su una nota più cupa, le morti globali da pandemia di SARS Cov-2 hanno raggiunto 2.497.023. La dichiarazione del Covid-19 come pandemia da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità l’11 marzo 2020 con 118.00 casi registrati in oltre 110 paesi a livello globale e il rischio sostenuto di ulteriore diffusione globale, è stato l’inizio di un’altra pandemia in Sudafrica, che ha visto un aumento senza precedenti dei casi di violenza domestica generale.

Il 23 marzo 2020, il governo sudafricano ha dichiarato la prima serrata di livello 5 che è stata ufficialmente avviata dalla mezzanotte di giovedì 26 marzo 2020. Questa data ha anche significato un aumento esponenziale della violenza di genere (GBV) e della violenza contro le donne e i bambini (VAWAC). Durante questo rigido blocco di 21 giorni, annunciato dal presidente sudafricano, l’onorevole Cyril Ramaphosa, durante il quale tutti i sudafricani sono stati obbligati a rimanere a casa, tranne il “personale essenziale” o “in circostanze strettamente controllate, come per cercare cure mediche, comprare cibo, medicine e altre forniture o raccogliere un sussidio sociale”.

Questo atto singolare di rimanere a casa ha portato a un aumento della violenza domestica generalizzata e alla nascita della sua progenie sotto forma di GBV, VAWAC.

Secondo l’organizzazione non governativa Amnesty International, la GBV è aumentata in almeno cinque paesi dell’Africa meridionale durante diverse serrate Covid-19.

In uno studio intitolato Treated like furniture: Gender-based violence and Covid-19 response in Southern Africa“, l’ONG ha scoperto che durante il lockdown imposto dai paesi dell’Africa meridionale, alcune case in tutta la regione sono diventate covi di crudeltà, stupri e VAWAC intrappolate con membri della famiglia violenti e nessun posto dove denunciare o fuggire dal pericolo, proprio a causa del lockdown.

In Sudafrica, entro la prima settimana della serrata, la polizia ha riferito di aver ricevuto 2.300 chiamate di aiuto relative alla violenza di genere. A metà giugno 2020, 21 donne e bambini erano stati uccisi dal partner e dal padre nel paese.

Nell’analizzare il problema fondamentale in Sudafrica e le ragioni dell’aumento dilagante della violenza domestica generale, come una malattia ombrello tra i membri della comunità, si devono esaminare i quattro “pilastri fondamentali dell’umanità”. Questi sono la Forma Fisica, la Forma Materiale, la Forma Intellettuale e la Forma Spirituale, che costituiscono il tutto. In questa gerarchia c’è un livello crescente di evoluzione umana dalla preistoria e dall’Uomo di Neanderthal.

La maggior parte dell’umanità ha raggiunto solo i primi due livelli di avanzamento e socialmente non si è evoluta ulteriormente. Questi stadi non si applicano allo status socio-economico dell’individuo e non sono concomitanti nello sviluppo ma sono totalmente indipendenti l’uno dall’altro. I membri della comunità che sono rimasti alle prime due fasi dei pilastri dello sviluppo umano sono i protagonisti della Violenza Domestica.  Sono i “solisti” nell’orchestra della Violenza di Genere, che va dall’abuso verbale “gentile” alle gravi lesioni corporali e che culmina in brutali omicidi delle loro controparti femminili. Si tratta di un tratto di personalità, profondamente radicato nel genotipo principalmente nel genere maschile, ma si verifica anche nelle donne in misura molto minore e nelle manifestazioni fisiche.

A livello globale, una donna su tre ha subito violenza fisica o sessuale da parte di un partner intimo. Circa il 20% delle donne ha subito un abuso sessuale prima dei 18 anni, mentre poco più del 7% delle donne e delle ragazze con più di 15 anni ha subito una violenza sessuale non da parte del partner.

I 16 giorni di attivismo contro la violenza di genere, che si svolgono ogni anno dal 25 novembre al 10 dicembre, offrono un’importante opportunità per fare un passo indietro e considerare cosa possiamo fare tutto l’anno per porre fine alla violenza di genere.

In Sudafrica e a livello globale, lo spettro della violenza domestica è aumentato durante le serrate da Covid-19 a diversi livelli per le seguenti ragioni. Ci sono problemi culturali di predominio maschile nei paesi africani. Il maschio è il sovrano e ciò che dice è definitivo senza alcuna rappresentanza dell’altro sesso, qualunque esso sia, nelle questioni domestiche, nel governo e nelle questioni sociali. L’ego maschile è sacrosanto e deve essere rispettato. Il problema aggiuntivo è che le donne hanno un ruolo domestico da svolgere e sono tradizionalmente sottomesse agli uomini che sono principalmente quelli che “portano” il pane in una famiglia a reddito unico [xvii].

Le donne sono spesso coinvolte in lavori umili e mal pagati e spesso non hanno alcun ruolo nel “Consiglio degli anziani del villaggio“, che è costituito da uomini. Un altro problema è il consumo di alcol, aggravato dalla tossicodipendenza. Spesso gli uomini sono coinvolti in relazioni poligame a causa del tradizionale sistema dei lavoratori migranti profondamente radicato dal precedente sistema dell’apartheid, prima del 1994. Infatti, durante la serrata da Covid-19 in Sudafrica, l’alcol era la preoccupazione principale e molti imprenditori del mercato nero sono emersi facendo una fortuna con la vendita di alcol nella township.

È stato interessante notare che i tassi di ospedalizzazione per abuso di alcol e sostanze sono diminuiti drasticamente a causa del divieto di vendita di alcol, liberando posti letto di vitale importanza per i pazienti del Covid-19. Non appena l’alcol è stato più liberamente disponibile a causa della pressione sul governo, da parte dell’industria vinicola, c’è stato anche un concomitante aumento del numero di incidenti automobilistici. L’abuso di sostanze è quindi un fattore che contribuisce in modo determinante alla genesi della DV e della GBV.

Le indagini delle forze dell’ordine in Sudafrica sono state spesso gestite male a causa di tecniche di analisi del crimine e di addestramento molto scadenti, a causa della scarsa istruzione del personale, del nepotismo, del “lavoro per gli amici” e della corruzione dilagante in alcuni settori delle forze di polizia. Il famoso post-script quando un omicidio o una trasgressione della legge è riportato dai media, dai crimini minori alle grandi attività criminali e agli omicidi brutali, è «La polizia sta indagando». Spesso non c’è un seguito perché non è stato investigato nulla o il fascicolo si è misteriosamente “perso”. Infatti, diversi omicidi di alto profilo si sono “persi” nel dimenticatoio.

Sua Santità, Papa Francesco celebra la gioia della Pasqua nel 2020, tra il dolore dell’epidemia di coronavirus. «Nel rispondere alle gravi sfide causate dall’attuale pandemia, noi cristiani siamo guidati dalla saggezza e dalla forza che nasce dalle virtù della fede, della speranza e dell’amore». Con queste parole, Papa Francesco ha iniziato la sua serie di catechesi sulla pandemia COVID-19. Più e più volte, Papa Francesco ha focalizzato la sua attenzione sulla dignità dell’essere umano, e in particolare sui poveri di spirito.

La conversione del cuore è centrale per gli sforzi di cambiamento che mettono l’essere umano al centro di una nuova narrazione globale, senza distinzione di razza, religione, status sociale o nazionalità. In termini di DV e GBV, gli autori di queste trasgressioni stanno manifestando i quattro pilastri in crisi di un comportamento sociale accettabile, vale a dire: sentire ma non ascoltare, esaminare ma non sentire, analizzare ma non pensare e guardare ma non vedere. In effetti, la maggior parte dei portatori di questi malesseri sociali sono soggetti religiosi profondamente ortodossi nella comunità.

Per quanto riguarda i migranti, anche in Sudafrica dai paesi vicini, i ricercatori stanno formando uomini e donne negli insediamenti informali alla narrazione digitale e allo sviluppo di narrazioni. I rifugiati vengono messi in grado di sviluppare contenuti in podcast che credono possano trasformare le norme e i comportamenti di genere nella loro comunità. Questi podcast permettono alle persone di condividere le loro storie, oltre a creare opportunità per un dialogo basato sulla comunità.

La formazione mirata all’empowerment, intrapresa nell’arco di 3-4 giorni, mira a migliorare la salute mentale e ad aumentare l’autonomia personale. Questo ha già dimostrato di migliorare la produttività, l’autoefficacia e la forza d’animo. La prossima fase di questo studio, che sta coinvolgendo sia uomini che donne, stabilirà se ha un impatto sulla GBV.

Gli istituti di istruzione superiore in Sudafrica e in particolare l’Università di KwaZulu-Natal (UKZN) è proattiva e profondamente impegnata a garantire che tutti gli studenti e il personale siano in grado di studiare, lavorare e vivere in un ambiente libero dalla violenza di genere (GBV), comprese le molestie sessuali, secondo quanto afferma il vice cancelliere, il professor Nana Poku in un comunicato. L’istituzione ha sviluppato e implementato una politica e una strategia GBV, un protocollo di denuncia e numerose campagne di sensibilizzazione, è profondamente preoccupata per i bassi livelli di casi segnalati di GBV nei campi e nelle residenze.

Altre strategie suggerite contro la DV e la GBV includono la proattività del governo, l’identificazione degli stereotipi della GBV, il traffico di esseri umani e la prostituzione, i rapimenti e la vendita di donne come merce sono dilaganti nell’Africa sub-sahariana, compreso il Sudafrica. Inoltre, gli aborti non sicuri, la scarsa assistenza perinatale, le pratiche di sati in India e il destino delle vedove, le armi da fuoco e il femminicidio devono essere considerati prioritari nella battaglia contro la DV, poiché l’educazione psicosociale infantile non diagnosticata ha effetti sulla GBV.

Questa strategia può essere aiutata dall’uso della tecnologia nella lotta alla DV e dalla registrazione dei trasgressori regolari in un database centrale, dal quale i file non possono essere rimossi da funzionari corrotti. L’uso di immagini come “Everyday Heroes”, che è una storia a fumetti ambientata in una vibrante e multiculturale comunità periurbana, di Bhekanani ha avuto un impatto positivo sulla GBV.

Alle Nazioni Unite, i leader, i ministri di oltre 100 nazioni hanno ammesso che 25 anni dopo l’adozione di una tabella di marcia per raggiungere l’uguaglianza delle donne, non un solo paese ha raggiunto quell’obiettivo. Inoltre, molti hanno avvertito che invece del progresso c’è ora il pushback. Il presidente francese Emmanuel Macron l’ha detto senza mezzi termini: «I diritti delle donne sono sotto attacco. Rifugi sicuri, creazione di piani di emergenza per la DV, sono strategie suggerite per combattere la DV e la ricerca multidisciplinare così come gli interventi basati sull’evidenza sono urgentemente necessari».

Va anche notato che nelle zone rurali del Sudafrica i matrimoni infantili e le mutilazioni genitali femminili sono ancora prevalenti e queste sfide si devono ancora affrontare.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha attribuito la disuguaglianza di genere a «secoli di discriminazione, patriarcato radicato e misoginia» e questo è uno dei principali fattori causali nella generazione e propagazione della GBV.

In conclusione, ci deve essere un rafforzamento dei sistemi di giustizia in modo che le scappatoie legali non vengano sfruttate dai protagonisti della DV. L’inerzia del governo e la mancanza di volontà politica stanno aggravando i problemi in un paese già afflitto da disuguaglianze razziali e sociali. Attualmente, l’applicazione della legge e i sistemi di giustizia applicabili sono a favore dei criminali. Inoltre, il governo, il settore privato e gli istituti di istruzione superiore in Sudafrica devono rivedere e allineare le politiche relative alla GBV e alle molestie sessuali alle norme accettabili a livello internazionale, a prescindere dalle tradizioni e dalle culture.

Le politiche devono essere riviste per quanto riguarda la GBV con riferimento al coordinamento, all’implementazione, al monitoraggio e alla valutazione, al reporting e alla responsabilità. I modelli di ruolo devono cambiare «Ho bisogno di una spada, un coltello tascabile e una pistola quando sarò grande papà». Una bambina di 5 anni dice a suo padre, che scioccato si è rivolto a me. È questo che è diventata la nostra società in Sudafrica?

Infine, le prospettive storiche ed etico-religiose da statua di sale nei confronti di una donna che trasgredisce devono essere contestualizzate, quando le donne sono considerate inferiori e colpevoli di peccato fin dai tempi della Genesi. Il femminicidio infantile nei paesi mediorientali e l’annegamento delle neonate nel latte, così come nella penisola indiana, hanno tutti aggiunto credito alla GBV e queste antiche filosofie devono essere sradicate nelle comunità colpite dalla DV. I leader religiosi devono partecipare attivamente alla battaglia contro la violenza domestica attraverso la regolare denuncia dei mali della violenza di genere e cambiare la mentalità dei membri delle loro rispettive comunità in termini di educazione dell’infanzia e di indottrinamento familiare per prevenire la violenza di genere.


Hoosen Vawda

Prof. Hoosen Vawda, BSc, MBChB (Natal), ATLS, ACLS (NZ), PhD (Wits): Servizi per la salute della comunità e programma per indigenti -Affiancamento sociale, programma medico (organizzazione no profit)
Gestione del cambiamento dello stile di vita – PR: 1501305, MP: 0193801
email: [email protected]


LETTERS TO THE EDITOR, 1 Mar 2021 | Hoosen Vawda – TRANSCEND Media Service

Traduzione a cura della redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.