In giardino e nell’orto con Maria Montessori – Recensione di Cinzia Picchioni

montessorinellorto3Leonardo De Sanctis (a cura di), In giardino e nell’orto con Maria Montessori, Fefè Editore, Roma 2010, pp. 128, euro 9,00

Il libro è stato realizzato con il contributo della Regione Lazio, di Campagna Amica, della Coldiretti e con il patrocinio della Provincia di Roma. Questo occorreva scriverlo; poi secondo me (ma non in ordine di importanza) va scritto anche che i disegni in copertina e nell’interno sono di Elisa Montessori, il cui nonno era cugino primo di Maria Montessori. E che uno degli interventi di cui è composto il libro è stato scritto dal pronipote di Maria Montessori (Christiaan Pieter Henny). Mi sembra carina questa continuità.

Il libro è curato da Leonardo De Sanctis che ha riunito qui alcuni interventi (Carlo Petrini, Gianfranco Zavalloni, Fondazione Campagna Amica, Fulco Pratesi, Maria Montessori stessa e altri/e) “[…] di autori a vario titolo competenti dell’argomento”, l’argomento è “infanzia e natura” il cui legame e le sue potenzialità educative furono messe in evidenza (e messe in pratica) dalla Montessori già un secolo fa.

Per il presente invece il libro narra – con la voce di Carlo Petrini – dell’esperienza dell’“Orto in condotta”, e di Michelle Obama, e di tutte le meravigliose maestre che nelle scuole promuovono un rapporto con la terra e gli alberi (e non solo col legno dei banchi, che poi sono sempre meno di legno, in verità…).

Dunque il libro può essere uno strumento per le scuole (Montessori e non), per le maestre e i maestri, per quei genitori che hanno la fortuna di abitare in campagna con i propri figlioletti, per i coltivatori che magari intendano organizzare un orto didattico nelle loro proprietà, e anche per chi si occupa di pedagogia in generale, per ricordare (perché di certo lo sappiamo già) che si insegna (e si impara) non solo dai/coi/sui libri! Ma come? Questa è la recensione di un libro! Già è vero, ma contiene esperienze, raccontate simpaticamente da chi le ha vissute; ci sono pure delle filastrocche, le istruzioni per degli esperimenti, il racconto di un architetto di giardini, la vicenda degli Orti di pace, con il convegno del 2009 (che si intitolava: “Orti negli ospedali, nei conventi, nelle carceri, nelle città, nelle scuole”, www.ortidipace.org), da cui è scaturito un Manifesto per una rete di Orti di Pace, con frasi come questa: “Chiunque, nel rispetto dell’ambiente, coltivi la terra lavora anche per la pace […] perché permette di optare per un modello economico meno instabile, meno fondato sulla rapina di risorse non rinnovabili e quindi limitate. Coltivare un orto è una piccola azione di pace” (pp. 123-4). Peccato che il libro non sia stato stampato su carta riciclata e/o certificata (o forse lo è, ma non l’hanno scritto?).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.