Il genocidio di Israele a Gaza continua, ma l’Europa ne sta finalmente prendendo atto?

print

Autore
Miko Peled


Foto di Zoriah. Fonte: Flickr, CC BY-NC 2.0

Il genocidio di Israele a Gaza: un lungo e crudele assedio, costanti attacchi israeliani che hanno portato all’uccisione di innumerevoli civili, distruzione di case e infrastrutture, estrema povertà e traumi rimangono il pane quotidiano dei palestinesi.

Un rapporto pubblicato dalle Nazioni Unite nel 2018 affermava che entro il 2020 la Striscia di Gaza sarebbe stata inabitabile. Diceva in modo specifico che “le Nazioni Unite hanno affermato che Gaza potrebbe essere invivibile entro il 2020”. Il rapporto sottolineava anche che “Michael Lynk, Relatore speciale sulla situazione dei diritti umani nei territori palestinesi occupati dal 1967, ha richiamato l’attenzione sulla persistente non collaborazione di Israele con il mandato del Relatore speciale. Come con i suoi due predecessori, Israele non gli ha concesso l’ingresso per visitare il paese, né il territorio palestinese occupato”. Chiunque pensi che la Striscia di Gaza fosse vivibile prima del 2020 è fuori di testa.

La Striscia di Gaza è stata un disastro umanitario da quando è stata creata artificialmente all’indomani della campagna sionista di pulizia etnica del 1948. È stata creata principalmente come luogo di detenzione per le centinaia di migliaia di palestinesi cacciati dalle loro terre dai terroristi sionisti nel sud della Palestina. Impoveriti e senzatetto, questi rifugiati sono stati costretti a sopravvivere grazie a sussidi, e oggi costituiscono più della metà dei 2,2 milioni di abitanti della Striscia di Gaza. Considerando l’elevato standard di vita dei cittadini ebrei di Israele in quella parte del paese, vivendo come vivono nelle stesse terre da cui i palestinesi furono esiliati, la “Striscia” non fu mai “vivibile”.

Ora il 2020 è arrivato e se n’è quasi andato, il rapporto delle Nazioni Unite è stato accantonato e non è cambiato nulla. Oltre due milioni di persone rimangono imprigionate da Israele nella Striscia di Gaza. Soffrono di una mancanza dei bisogni più elementari come acqua potabile, elettricità, medicine e alimentazione. Israele nega loro anche i diritti umani fondamentali, mentre gli ebrei israeliani che vivono a pochi minuti di distanza godono di uno standard di vita che è, in ogni caso, invidiabile con pieno accesso alle migliori cure sanitarie, alimentazione e acqua pulita.

Una delegazione europea viene in visita

Una delegazione di rappresentanti europei ha recentemente visitato Gaza, ma gli europei non hanno usato la loro influenza, politica o meno, per porre fine alle violazioni israeliane dei diritti umani e del diritto internazionale.

Non ci sarebbe voluto molto ai rappresentanti dell’UE per vedere la devastazione, la povertà e le gravi carenze vissute dalla popolazione di Gaza. Tutto quello che si deve fare è guidare attraverso la Striscia di Gaza per vedere le prove, eppure nessun cambiamento sembra essere imminente da parte europea.

Infatti, secondo la stampa israeliana, la Germania ha appena annunciato che, al fine di fornire a Israele un vaccino di fabbricazione europea per il Covid-19, “la Germania ha usato la sua influenza nell’UE per piegare la regola secondo cui sarebbe stata somministrata una vaccinazione prodotta in Europa. Prima i paesi europei. La Germania ha giustificato la decisione in parte attraverso il suo impegno storico a sostenere Israele“. Sapendo benissimo che a milioni di palestinesi si nega l’assistenza sanitaria e che la diffusione del Covid-19 tra i palestinesi è allarmante, nessun impegno del genere si è preso per assistere i palestinesi nella loro lotta contro la malattia mortale.

Foto di Zoriah. Fonte: Flickr, CC BY-NC 2.0

Complicità

Il conforto che gli europei dimostrano cooperando con lo Stato di Israele, anche se affermano di essere paladini dei diritti umani, equivale a complicità. Secondo la Convenzione di Ginevra, in particolare lo Statuto di Roma, la cooperazione europea con Israele costituisce complicità nel genocidio. Quando si guarda alla definizione di genocidio e la si confronta con le azioni di Israele a Gaza, è abbastanza chiaro che lo stato sionista è coinvolto nel genocidio.


Convenzione per la prevenzione e la punizione del crimine di genocidio

Articolo II

Nella presente Convenzione, per genocidio si intende uno qualsiasi dei seguenti atti commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso, in quanto tale:

  1. Uccidere membri del gruppo;
  2. Provocare gravi danni fisici o mentali ai membri del gruppo;
  3. Infliggere deliberatamente al gruppo condizioni di vita calcolate per determinarne la distruzione fisica in tutto o in parte;
  4. Imporre misure intese a prevenire le nascite all’interno del gruppo;
  5. Trasferimento forzato dei bambini del gruppo in un altro gruppo;

Tre dei cinque esempi qui forniti sono costantemente utilizzati da Israele a Gaza. Inoltre, l’articolo II della Convenzione sul genocidio contiene una definizione ristretta del crimine di genocidio, che include due elementi principali, uno dei quali è “l’intento di distruggere, in tutto o in parte, una comunità nazionale, etnica, razziale o religiosa. gruppo, in quanto tale”. Gli attacchi israeliani a Gaza per oltre sette decenni dimostrano chiaramente che fanno parte di una strategia più ampia e che c’è un chiaro intento di portare alla distruzione un popolo.

Secondo un rapporto pubblicato da Human Rights Watch (HRW), la questione della complicità con il genocidio è abbastanza chiara. “La giurisprudenza precedente ha definito il termine complicità come favoreggiamento e il termine favoreggiamento, come istigazione e procacciamento […] La complicità a commettere genocidio nell’articolo 2 (e 3) si riferisce a tutti gli atti di assistenza o incoraggiamento che hanno contribuito in modo sostanziale, o hanno avuto un effetto sostanziale sul completamento del crimine di genocidio “.

Il rapporto ha definito quanto segue come elementi di complicità nel genocidio:

  • Complicità procurandosi mezzi, come armi, strumenti o qualsiasi altro mezzo, usati per commettere genocidio, con il complice a conoscenza che tali mezzi sarebbero stati usati a tale scopo;
  • Complicità aiutando o incoraggiando consapevolmente un autore di un genocidio nella pianificazione o nei suoi atti abilitanti.

Secondo tale definizione, sia gli Stati dell’UE che gli Stati Uniti sono complici del crimine di genocidio.

Human Rights Watch sostiene che Israele ha “sistemi discriminatori radicati che trattano i palestinesi in modo diseguale”. Comprende abusi sistematici dei diritti, comprese punizioni collettive, uso di routine di una forza letale eccessiva contro i manifestanti e detenzione amministrativa prolungata senza accusa o processo”.

Continua affermando che Israele “costruisce e sostiene insediamenti illegali […] espropriando la terra palestinese e imponendo oneri ai palestinesi ma non ai coloni, limitando il loro accesso ai servizi di base e rendendo quasi impossibile la loro costruzione”.

Riguardo alla Striscia di Gaza, HRW scrive che “la chiusura di Gaza durata più di un decennio da parte di Israele limita gravemente la circolazione di persone e merci, con un impatto umanitario devastante”.

Foto di Zoriah. Fonte: Flickr, CC BY-NC 2.0

Cosa costituisce un aiuto?

Il primo ordine del giorno deve essere la revoca immediata e incondizionata dell’assedio imposto alla Striscia di Gaza dal 2007. A tutti gli aerei israeliani deve essere imposta una no-fly zone monitorata dall’ONU o dalle forze navali europee. Oltre a queste misure, gli aiuti umanitari devono essere messi a disposizione della popolazione di Gaza senza indugio.

Israele deve essere sanzionato e ogni cooperazione militare ed economica deve essere interrotta fino a quando non si conformerà al diritto internazionale e metterà fine a tutte le sue violazioni dei diritti umani. Ciò dovrebbe essere seguito fissando una data per elezioni libere ed eque per ogni persona, un voto in tutta la Palestina storica. Quindi devono essere messe in atto procedure per il rimpatrio dei profughi palestinesi e devono essere accantonati fondi per il pagamento di riparazioni e restituzioni.

Israele deve anche essere ritenuto responsabile delle sue violazioni del diritto internazionale sin dal 1948 e i politici israeliani, così come i comandanti militari, devono essere indagati e accusati di crimini di guerra.

I paesi europei sono pienamente consapevoli della realtà che esiste a Gaza. Un lungo e crudele assedio, continui attacchi israeliani che hanno portato all’uccisione di innumerevoli civili, distruzione di case e infrastrutture, estrema povertà e traumi sono il pane quotidiano dei palestinesi a Gaza.

La realtà a Gaza non è un segreto e le violazioni israeliane del diritto internazionale sono ben note. Tuttavia, i governi europei hanno l’abitudine di vedere le persone colonizzate come bisognose di aiuto ma di fare poco per fornire gli aiuti. L’aiuto che forniscono è a volte economico e talvolta umanitario sotto forma di prodotti alimentari, ma raramente è sufficiente. Nel caso della Striscia di Gaza, è necessaria una vera azione politica, ma non è chiaro se e quando l’UE sarà disposta ad agire.


Miko Peled

il-genocidio-di-israele-a-gaza

Miko Peled è un autore e attivista per i diritti umani nato a Gerusalemme. È l’autore di The General’s Son. Journey of an Israeli in Palestine e Injustice, the Story of the Holy Land Foundation Five.


Fonte: MintPress News, 22 dicembre 2020