Una terra dove vivere e morire

Jordan Valley 05/10/17

 

terra_vivere_morire

“Se muoio seppellitemi sotto le mie piante. Sono palestinese e voglio morire in terra palestinese”

La storia della famiglia di Abdullah racchiude in sé le contraddizioni tipiche della Jordan Valley. La loro abitazione è stata demolita e ricostruita tre volte e quest’anno hanno ricevuto l’ordine di demolizione della casa e degli ulivi, demolizione che verrà effettuata dagli israeliani con bulldozer e soldati se non sarà la famiglia stessa a farlo entro cinque giorni dall’ingiunzione.

La famiglia di Abdullah vive quì da sempre, ben prima del 1967 e si è costruita sulla piccola produzione agricola e l’allevamento; fatiche che hanno dato la possibilità di mantenere una famiglia di otto figli, di cui solo uno vive ancora li poiché gli altri sono stati costretti ad emigrare a causa delle violenze subite quotidianamente. Ai membri della famiglia non è possibile neanche andare a visitare i propri figli e i 62 nipoti, poiché risulterebbe pericoloso lasciare incustodita la casa su cui grava la minaccia di demolizione.

Tale pratica colpisce molte famiglie palestinesi, ma nel caso della famiglia di Abdullah è particolarmente reiterata a causa della sua posizione strategica: si trova infatti su un’altura rada e spoglia, circondata da colonie, terreni agricoli occupati, una zona militare e un check point ben visibile proprio dalla loro casa; quest’ultima caratteristica ha permesso alla famiglia di aiutare nel tempo molti palestinesi a superare il check point, comunicando i momenti migliori per aggirarlo. Un atto di solidarietà che padre e figlio hanno pagato con la galera e il divieto di accesso a molte zone della West Bank.

Il tentativo di espropriazione della loro casa passa anche da una proposta di acquisto avanzata da un gruppo legato al governo israeliano, che offrì ben 2 milioni di dollari pur di non vedere più vivere la famiglia lì. Questa è una pratica da sempre diffusa che ha lo stesso obiettivo delle demolizioni: allontanare le famiglie palestinesi dalla loro terra, anche lasciando vuote le stesse case. Basti pensare che la casa di proprietà israeliana costruita proprio sotto quella della famiglia Abdullah è praticamente sempre vuota, controllata però dai militari del vicino check point. Fortunatamente ad oggi il 98% della popolazione palestinese in questa zona si rifiuta di vendere agli israeliani come atto di resistenza all’occupazione.

Resistenza che passa anche dalla decisione di Abdullah di rivendicare il proprio diritto a issare una bandiera palestinese sul proprio terreno, nonostante le minacce dei soldati e dei coloni venuti per darle fuoco.

“Perché voi avete bandiere israeliane dappertutto in territorio palestinese e io non posso mettere quella palestinese nella mia terra?”. Una domanda lecita a cui il colono risponde: “Non puoi metterla perché questa non è la tua terra”.

A chi dare ragione?


Pubblicato su

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.