Gli invisibili… in India e nel mondo …diventano coro | Elena Camino

Marcia verso Delhi – By Randeep Maddoke; [email protected]
Provided by eMail from Randeep Maddoke, CC0

Un incredibile silenzio

In una recente video-intervista realizzata dal Direttore dell’Istituto di Ricerca Sociale Tricontinental e giornalista Vijay Prashad sulla rivista on-line Newsclick, la scrittrice e attivista Arundhati Roy – commentando il fatto che il Primo Ministro Modi ha annunciato il lockdown dicendo  ‘avete quattro ore di tempo per chiudervi dentro’ – osservò:  “Il Primo Ministro si comporta come se i suoi cittadini  fossero forze ostili, che necessitano l’imboscata, che devono essere colti di sorpresa, di cui non ci si può fidare.” 

Arundhati Roy riferì alcuni commenti della gente – alcune tra le centinaia di migliaia che nel giro di poche ore furono costrette ad abbandonare le grandi città dove lavoravano per cercare di raggiungere i villaggi di origine, lontani anche migliaia di km –   che le dicevano: “Forse lui non sa che esistiamo…” 

Anche in Italia la gente non sa che esistono centinaia di milioni di contadini che stanno drammaticamente subendo le conseguenze sanitarie e le altrettanto devastanti conseguenze socio-economiche derivanti dalle decisioni prese dal governo indiano. Il Paese, con 1 miliardo e 380 milioni di persone, subito a ridosso della Cina (1 miliardo e 400 milioni), ospita il 17,7% della popolazione mondiale. Ma non fa quasi mai notizia sui nostri giornali… neppure adesso che è stata teatro del più grande sciopero mai avvenuto nel mondo.

… mentre Wikipedia è aggiornato

Nel silenzio dei media, per fortuna qualche informazione si può ottenere da wikipedia: è in atto una protesta contro tre leggi sull’agricoltura approvate dal Parlamento indiano nel 2020, che sono state descritte come “leggi anti-agricoltori” dai sindacati degli agricoltori, mentre altri dicono che lascerebbero gli agricoltori alla “mercé delle corporazioni”. Poco dopo l’approvazione delle leggi sono iniziate le proteste: dai due stati del Punjab e dell’Haryana ha preso il via un movimento, “Delhi Chalo” (Andiamo a Delhi).  Decine di migliaia di contadini si sono diretti verso la capitale, dove hanno trovato la polizia che li ha fermati con il lancio di cannoni d’acqua e gas lacrimogeni. Al 30 novembre erano tra 200.000 e 300.000 le persone accampate intorno a Delhi. 

Sono più di 500 i sindacati di contadini che stanno protestando. E a venire in loro appoggio si sono aggiunti i sindacati dei trasportatori, che rappresentano più di 14 milioni di persone.

Dopo il rifiuto del governo ad accogliere le richieste dei contadini, è in programma un’azione per l’8 dicembre, con cui gli organizzatori intendono coinvolgere tutta l’India.  

Proteste nonviolente contro la violenza dello stato

Un aspetto straordinario di questa grande manifestazione è la sua natura nonviolenta. I contadini hanno manifestato pacificamente – salvo qualche lancio di pietre – mentre le violenze sono state compiute dalla polizia.

Dopo due giorni di scontri, cannoni ad acqua e sassate, il 3 dicembre i dimostranti sono entrati a Delhi.  Si attende l’arrivo di tantissimi altri contadini nei prossimi giorni.

Personale dei servizi di sicurezza minacciano un anziano contadino con i bastoni mentre cerca di passare il confine Delhi-Haryana(PTI).

Scene da un campo di protesta dei contadini: difficile che il governo Modi possa spegnere questo movimento: vi è consapevolezza che il governo sta vendendo l’India alle multinazionali, e determinazione e chiarezza nell’opporvisi.

Si allestisce una cucina comunitaria gratuita in un gruppo di dimostranti Sikh.
Foto di Saba Naqvi, fonte scroll.in

Il partito del Congresso e altri gruppi politici si sono uniti ai partiti di opposizione per offrire sostegno all’iniziativa ‘Bharat Bandh’ organizzata dai sindacati dei contadini per l’8 dicembre: accampati da 11 giorni nelle varie periferie di Delhi, chiedono al governo di ritirare le nuove leggi riguardanti il mercato agricolo.

Non solo politici: attori, sportivi, membri della società civile in questi giorni stanno esprimendo solidarietà alle dimostrazioni dei contadini.

Un’intervista realizzata da ‘Democracy now’ a un noto giornalista esperto in questioni rurali – Palagummi Sainath – è stata tradotta per il Centro Studi Sereno Regis da Daniela Bezzi: la potete leggere qui:

https://serenoregis.org/2020/12/09/contadini-indiani-contro-il-neoliberismo-e-le-disuguaglianze/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.