È la verità che fa liberi. Dalle fake news al giornalismo di pace per una informazione responsabile | Segnalazione redazionale

Renato Butera e Paola Springhetti (a cura di), È la verità che fa liberi. Dalle fake news al giornalismo di pace per una informazione responsabile, LAS, Roma 2018, pp. 324, euro 23,00

L’avvento di Internet e dei media sociali ha cambiato il modo di fare informazione e di usare i big-data per il controllo degli utenti della rete. Per di più, la sovrabbondanza delle informazioni ha reso più difficile identificare la qualità delle notizie e spinto verso un confronto in cui sospetto e acredine stimolano il meccanismo del fascino e dell’accettazione o, al contrario, del rifiuto a priori, favorendo la contrapposizione tra tifoserie a scapito dello sforzo critico del pensiero.

Tempestività e istantaneità della pubblicazione hanno inficiato il dovere della verifica soprattutto per chi pubblica, ma anche per chi legge. Il lettore o lo spettatore si trovano a volte di fronte alla sospensione del giudizio in merito alle informazioni ricevute, rischiando di cadere nel paradosso della credibilità: le notizie cioè sono valutate incredibili, ma tuttavia probabili o possibili. In questo clima prolificano le notizie false (fake news) il cui obiettivo è quello di creare intenzionalmente distorsione della verità e conseguente disinformazione, allo scopo di far montare un clima di sospetto, brodo di coltura congeniale a tesi di complotto, violenza verbale, esasperazione della conflittualità, accecamento ideologico.

A partire dal messaggio di papa Francesco per la 52. Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali svoltasi il 13 maggio – nel quale si auspicava l’avvento un giornalismo «di pace» ma «non buonista», «ostile alle falsità, a slogan ad effetto e a dichiarazioni roboanti» – la Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale dell’UPS propone con questo libro un contributo sul tema a cura di docenti e specialisti della materia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.