Morte di Giuliano Martignetti

Giuliano Martignetti è morto questa notte, 31 maggio, all’età di 88 anni. Il nostro amico, precursore di belle e valide linee di lavoro, era malato di vecchiaia da molti mesi, lucido fino ad alcune settimane prima.

Il nostro dolore è accresciuto dal fatto che Giuliano è scomparsonel momento storico in cui i suoi ideali di federalismo pacifico sono più in difficoltà. E’ andato oltre, nel tempo alto e profondo, della compresenza di tutti gli esseri e di tutte le vite, dove pensiamo che continui ad agire nella comunione di tutte le realtà e di tutti gli spiriti di vita, anche impegnando noi suoi amici, a lui affezionati e grati, a raccogliere ora il suo testimone e il suo insegnamento.

Giuliano fu professore molto amato; poi mise la sua esperienza e il suo sapere al servizio della editrice Utet. Fu attivo profondamente persuaso nel Movimento Federalista, come forma di pace e giustizia politica tra i popoli. Con la ricerca e l’informazione fu promotore dell’ambientalismo fin dai primordi di questa cultura, partecipando alla  lotta contro le centrali nucleari e alla costituzione delle Liste Verdi.  Si impegnò con passione e competenza nella campagna Kyoto dal basso, per le scelte energetiche ecosostenibili. Si dedicò a studiare il rapporto dei movimenti nascenti nella società, con i partiti politici e le istituzioni statali e internazionali. Studiò la realtà mondiale dei vari movimenti popolari per le alternative pacifiche, nonviolente, ecologiche, sociali ai sistemi vigenti, e lavorò anche nel tentativo generoso e precorritore di un “movimento dei movimenti”, per una rete mondiale di queste realtà attive per la giustizia e la politica planetaria.  Alcuni dei suoi scritti si trovano nel sito del Centro Studi Sereno Regis, di cui è stato autorevole socio : www.serenoregis.org

Ecco le indicazioni per l’ultimo saluto.

Chiesa san Giuseppe via santa Teresa 22 Torino
Rosario: giovedì 31 maggio ore 19.00
Funerale: sabato 2 giugno ore 9.00
Poi la famiglia accompagnerà Giuliano a Cerreto d’Asti.

4 commenti
  1. Beppe reburdo
    Beppe reburdo dice:

    Per Giuliano non valevano le parole ma le elaborazioni, le azioni ed ancor più L’AMICIZIA VERA! Nei comitati pace e disarmo e nell’ambientalismo un apporto determinante! Ti abbraccio assieme alla tua famiglia! Una preghiera ! BEPPE REBURDO!

    Rispondi
  2. cssr_dibattit0
    cssr_dibattit0 dice:

    [email protected] wrote:

    Mi dispiace tanto della morte di Giuliano.Persona retta, mite,di grande spessore umano e morale.Di profonda cultura.I giorni passati con lui negli anni '80 e le nostre battaglie comuni sono un bellissimo ricordo.Cerchiamo di tenerne vivo il ricordo e l' insegnamento.Gianni Sartorio

    Rispondi
  3. Antonio
    Antonio dice:

    Ci eravamo appena conosciuti, era il dicembre 1988 e venne in auto con me al mio primo incontro della segreteria regionale del MIR-MN Piemonte e Valle d'Aosta. Al ritorno, come parlando ad alta voce, disse che si trovava bene con i Nonviolenti, che sono persone belle, oneste, leali. Arrivederci, Giuliano

    Rispondi
  4. Eugenio Calvi
    Eugenio Calvi dice:

    La morte di Giuliano significa la perdita di un caro amico, col quale ho condiviso sessantacinque anni di battaglie federaliste e di scambi di idee che mi hanno molto arricchito intellettualmente; un vero "maestro", forse in parte inconsapevole perchè profondamente umile e troppo saggio per misurare fino in fondo il suo saper. E' una mancanza che si sente e si sentirà ogni qualvolta ci si troverà ad affronater un problema di vita.
    Eugenio C.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.