Politica USA contro sfidanti: 10 punti – Johan Galtung,

28 settembre 2015 – La giovane repubblica degli Stati Uniti, non disposta a spartire il litorale Atlantico con Londra, emerse vittoriosamente nel 1812 con un forte esercito centrato nel Sud. Il Destino Manifesto puntava a Ovest, poi anche a Sud, e, sostituendosi al morente impero spagnolo nel 1898, al mondo intero. Ci volevano scambi commerciali per la crescita; nel 1853 l’ammiraglio Perry aprì [agli scambi] Tokugawa, Giappone. La sfida giapponese ne fu la chiusura.

La tabella compara le politiche USA a 6 sfidanti alla loro egemonia mondiale: Giappone, Germania, Italia, Russia, Cina, Islam. E inoltre, l’Europa occidentale, già potenza coloniale, ora come potenziale sfidante n. 7.

La politica USA viene vista come 5 distinti progetti, ben ponderati in proactio e reactio – finiti spesso in guerra o esclusione – rispetto alle 5 actio degli sfidanti.

Ma all’inizio si trattava di latenza frammentata, senza effettiva minaccia.

Negli anni 1860 Giappone, Germania e Italia pervennero a una certa coesione in quanto stati-nazione; e nella 2^ guerra mondiale a un’alleanza. Cina e Russia divennero coese rispettivamente con la rivoluzione nazionale del 1910 e quella bolscevica del 1917; e l’Islam vi giunse in quanto Fratellanza Musulmana nel 1928. C’era una presenza internazionale: le China-town con del capitale, il trotzkismo, l’islam missionario; forti personalità.

La prima politica USA fu positiva-cooperativa: il trattato Taft-Katsura del 1905 col Giappone (che assegnava le Filippine agli USA, la Corea al Giappone); fu pro-tedesca finché gli USA s’affiancarono tardivamente ai vincitori della 1^ guerra mondiale nel 1917; l’Italia era manovrata dalla mafia su entrambi i versanti dell’Atlantico; investimenti in Russia, Cina; a fianco dell’Egitto nella guerra del 1956 contro Israele-GB-Francia con mire coloniali.

Ma rimbalzarono all’indietro, più coesi, con ideologie di sfida e personalità anche più forti in prima linea. Esigendo tutto quello che l’Occidente aveva: colonie, accesso ai mercati mondiali, parità di potere. E venendo bloccati dalle potenze coloniali, sopra tutte il Regno Unito, e dall’impero USA stesso.

tabela_galtung

La seconda politica USA fu metterli l’uno contro l’altro, col Giappone come cavia: contro la Cina nel 1894-5, la Russia nel 1904-5, la Germania nella 1^ guerra mondiale; adesso contro la Corea del Nord, la Cina e tutti i nemici degli USA mediante la nuova alleanza del 2015.

La Germania nazista fu contrapposta all’Unione Sovietica, ma sopravvisse; con gli USA unitisi ai vincitori in una seconda fase nella 2^ guerra mondiale. Poi contro la Cina; ma Mosca-Pechino hanno fatto l’alleanza SCO nel 1996-2001. Adesso sono entrambe contrapposte all’Islam. Tuttavia, possiamo immaginare che altri paesi islamici entrino nella SCO?

La terza politica USA, se la seconda non funziona, è la guerra totale.

La 2^ GM fu un successo per gli USA in Europa-Giappone; la “guerra buona”. Ma adesso la SCO funge da deterrente verso gli USA; e lo Stato Islamico sembra più forte di quanto ci si aspettasse.

La quarta e quinta politica USA consolidano la vittoria e l’esclusione, con basi che accerchiano, contengono, di fatto occupano (il Giappone paga perfino per la propria occupazione). Chiamarla “pace” è un abuso di un concetto nobile.

L’onere di contenere Russia-Cina-Islam ora cade sugli USA e su Giappone-Germania-Italia con le basi e i rischi (ombre da 2^GM). Ciononostante, gli USA hanno anche bisogno di combattere gli alleati. Il Giappone, più occupato che la Germania, è stato costretto ad allearsi agli USA. La pressione ora sarà sulla Germania, l’Europa.

Entra in scena l’Europa: Germania-Francia con BeNeLux-Italia, e con l’uscita britannica non cavallo di Troia degli USA. Temere la Russia non è paranoide dati i loro tre attacchi alla Russia. Qui entra il Giappone se la nuova alleanza non funziona. Temere la Cina non è paranoide dati i loro tre attacchi alla Cina.

C’è parecchio su cui possono giocare gli USA. Tuttavia: Russia e Cina sono forti e meno vulnerabili che Europa-Giappone e alleati; con 4 stati islamici nella SCO e un enorme potenziale aggiuntivo di associazione fra i 57 membri OIC.

Risolvere la crisi dell’Ucraina, come federazione neutrale di parti cooperanti con al vertice una Casa Europea, e risolvere il problema delle isole giapponesi con la Russia, le Cine e le Coree mediante una loro proprietà congiunta e una Comunità NordEst-Asiatica cooperativa, potrebbe essere meglio che guerre devastanti? Meglio anche che né guerra né pace, rinunciando al commercio a causa di sanzioni, boicottaggi, TTIP-TPP-TiSA preclusi a Russia-Cina, secondo la politica USA?

Per gli USA ciò vuol dire mega-sfide regionali, non singole macro-sfide statali. La cooperazione renderebbe insignificanti NATO e AMPO. USA senza alleanze né basi sono USA solamente nordamericani; e le infrastrutture della “seta” cinesi connettono solo le contigue EurAsiaAfrica. Visto dagli USA, da evitarsi a tutti i costi. L’Europa, come il Giappone, dev’essere costretta. Le fasi 9 e 10 sono già in atto: Okinawa-Ramstein-Aviano possono venire rivolti contro Giappone-Germania-Italia, i Sistemi di Condivisione Nucleare a doppia chiave per i missili di teatro europei possono essere invertiti. L’occupazione di fatto può diventarlo di diritto imponendo accordi segreti. Si può fare tuto con pochissimi a saperlo. E forse è già stato fatto.

USA: un non-starter. Essendo isolati, impantanati dai costi morali delle uccisioni e dai costi economici delle basi, il lasciare Russia-India-Cina e sempre più una parte dell’Islam, ai disegni della MENA-Eurasia sa di sconfitta. E sia l’Europa sia il Giappone prima o poi si rivolteranno.

È arrivato il momento per una nuova tormentosa valutazione: unirsi a Germania, Giappone e ai loro vicini per fare cooperazione e pace con Russia-Cina-Islam.

Il sistema statuale si sta disfacendo; le macroregioni sono in ascesa. Le si renda pacifiche.

 

Traduzione di Miky Lanza per il Centro Studi Sereno Regis
Titolo originale: US Policy toward Challengers: 10 Points
https://www.transcend.org/tms/2015/09/us-policy-toward-challengers-10-points/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.