Caro don Gallo, anche Gandhi era “angelicamente anarchico” – Nanni Salio


dsc_3516rqDi te è stato detto che eri “angelicamente anarchico”, di Gandhi che era un “anarchico gentile”, entrambi “anarchici nonviolenti”.
Tu stesso hai detto “arrivai a vedere per la prima volta che la dottrina cristiana dell’amore, operante attraverso il metodo gandhiano della nonviolenza, è una delle armi più potenti a disposizione di un popolo oppresso nella sua lotta per la libertà” e con un esplicito riferimento al Vangelo: “il mio pensiero, consciamente o inconsciamente, veniva riportato al Discorso della Montagna e al metodo gandhiano della resistenza nonviolenta: questo principio divenne la luce che guidava il nostro movimento. Cristo forniva lo spirito e i motivi, Gandhi forniva il metodo”.
E il tuo grande amico Moni Ovadia con la sua acuta e profonda saggezza, una volta ti fece notare: “Ce l’hai presente qualche foto di Gandhi? Gesù era ebreo-palestinese e, secondo me, assomigliava proprio a Gandhi”.
Se il grande artista Anish Kapoor ti avesse conosciuto, avrebbe potuto dire di te quel che disse di Gandhi: “Mi ispiro al Mahatma Gandhi. Che fu capace di cambiare così profondamente se stesso da trasformarsi nell’ atto politico in cui credeva. A partire dai vestiti che indossava, il cibo che mangiava, la sua sessualità. A ogni azione un significato mitologico. Ogni parte di sé un’ opera. Ecco: è lui il più grande artista della storia”.
Anche tu hai saputo trasformarti e parlare alla gente comune, ai più poveri e diseredati, abbandonati e bistrattati, con il linguaggo semplice, diretto, poetico della nonviolenza gandhiana: sei stato poeta e artista della comunicazione nonviolenta.
Continuerai a essere con noi nella “compresenza dei morti e dei viventi” che l’altro grande amico e persuaso della nonviolenza italiano, Aldo Capitini, immaginava come una concezione di unità cosmica nello spazio e nel tempo, che ci unisce tutti, esseri viventi e non viventi, umani e non umani, nella grandiosa, misteriosa e profondissima avventura cosmica di cui siamo piccolissime particelle e che un altro grande del pensiero nonviolento, Raimon Panikkar, ha chiamato concezione “cosmoteandrica”.

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.