Pillola pensando al mare

Ora che si avvicinano le vacanze, pensiamo al mare!

Pensiamoci davvero, prima di lamentarci perché è inquinato o perché ci sono le alghe, o le meduse (il riscaldamento globale influenza anche la fauna dei mari). Pensiamo se, durante l’anno appena trascorso, abbiamo evitato di riversare in mare litri di detersivi, ammorbidenti, candeggianti, prodotti altamente tossici per pulire il bagno, detergenti per i piatti «all’aceto (chimico)» (ma allora, perché non usare davvero l’aceto?).

Il risultato di anni di «pensamenti» mi hanno convinta a smettere di usare il detersivo per la lavatrice (e l’ammorbidente, l’anticalcare, il candeggiante, il sapone apposta per i capi neri (!!!), il «togliodoredisudore (!!!!!!!!!), lo smacchiatore di cui fidarsi perché è rosa (?), lo speciale per i jeans e chi più ne ha più… inquini). E come faccio, direte voi, a lavare i vestiti? Con una «palla lavante» (Magic Washing Ball, «Pallalinda» i nomi più noti), che si mette nella lavatrice al posto del detersivo (o con pochissimo detersivo) e lava, per misteriose alchimie chimiche pefettamente spiegate e spiegabili nel foglietto di istruzioni. Niente più pesi da trasportare, flaconi di plastica da smaltire, panico da «detersivo finito» la domenica mattina… e soprattutto niente più inquinanti nel Mare (del cui stato non possiamo lamentarci, essendone anche noi un po’ causa. E difatti non ci lamentiamo: andiamo direttamente in altri posti dove il mare è più pulito, per sporcarlo anche là già col viaggio e in più con la nostra presenza. Il classico gatto che si morde la coda).

Comunque: notizie sulla «palla lavante» (vederla, saperne di più, comprarla, provarla, sentirne parlare da chi la usa da anni…) presso il Centro Studi Sereno Regis, via Garibaldi 13 – 10122 Torino, tel. 011.532824 e/o all’indirizzo [email protected] e/o dal sito www.serenoregis.org (chiedendo di/scrivendo per: Cinzia Picchioni).

2 Risposte a “Pillola pensando al mare”

  1. La palla della discordia… posso anche capire tutti i dettagliati resoconti più o meno scientifici… posso anche capire che ormai Wikipedia sia più che una Bibbia… ma devo dire che questa palla la uso da anni… e consumo 2 litri di detersivo biodegradabile alla spina all'anno (riutilizzando sempre lo stesso flacone) e ho gli stessi identici risultati di quando usavo super detersivi super pubblicizzati di super multinazionali ovviamente creando rifiuto dei rispettivi contenitori… insomma, palla o non non palla… non torno indietro! …e grazie alla Picchioni per avermela fatta conoscere! Buone lavatrici a tutt* …ah dimenticavo se proprio volete un'alternativa alla pallina un modo più sostenibile c'è… tornare al torrente o al fontanone del paese, usare la propria cenere generata dalla propria stufa con legna tagliata e raccolta a mano… semplice no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *