Ripensare il mondo dopo il Covid-19

print

Mercoledì 24 febbraio secondo appuntamento degli “Incontri Primavera 2021” della rivista “Missione Oggi”, in collaborazione con Missionari Saveriani e Libreria Paoline. In tale occasione “Missione Oggi” presenterà il suo primo dossier 2021, a cura di Marino Ruzzenenti e Paolo Boschini, dedicato al tema “Ripensare il mondo dopo il Covid-19”. Per collegarsi all’evento, basta cliccare sulla pagina web di “Missione Oggi” https://www.saveriani.it/missioneoggi

“Caro autore ti chiedo…”

Mercoledì 24 febbraio 2021 / ore 18.00-19.30

sul canale YouTube di “Missione Oggi”

 

Marino Ruzzenenti e Paolo Boschini (a cura di)

Ripensare il mondo dopo il Covid-19

intervengono Gianni Tamino, Vittorio Agnoletto, Enzo Ferrara, Patrizia Gentilini, Riccardo Petrella

introduce Mario Menin, direttore “Missione Oggi”


IL DOSSIER

Ancora il Covid? Basta! La reazione è legittima. Ma con questo dossier “Missione Oggi” vuole allontanarsi dal chiacchiericcio angosciante dei programmi televisivi e trovare il bandolo della matassa per capire cosa sta succedendo e come attrezzarci, soprattutto per il dopo emergenza, per rimodellare la società e far sì che eventi simili si possano evitare e prevenire. Il Covid allora potrebbe essere un campanello d’allarme tragicamente utile, se l’umanità lo ascoltasse e se, nell’emergenza, intanto, anteponesse la difesa dei più “fragili” all’imperativo che la “megamacchina” non può fermarsi. Qualcosa di profondo s’è guastato nel nostro rapporto con la natura. Ce lo dice il Covid, ma anche le “pandemie dimenticate”, che devastano il pianeta. Si è resa più evidente la crisi strutturale della democrazia. Allora dobbiamo ripensare la convivenza umana. Per questo offriamo alcuni contributi per ricostruire un sistema sanitario pubblico universalistico, basato sulla prevenzione e la medicina di territorio, e immaginare una società che mette al bando la povertà, dando dignità agli “scarti” e riconciliandosi con la natura.

CURATORI

Marino Ruzzenenti vive a Brescia, dove si occupa di storia contemporanea con particolare attenzione, negli ultimi tempi, ai problemi ambientali. Fa parte del gruppo redazionale di Missione Oggi e collabora con la Fondazione Micheletti di Brescia. Ultima pubblicazione: (con Pier Paolo Poggio), “Primavera ecologica” mon amour. Industria e ambiente cinquant’anni dopo, Collana “Ecologica”, Jaca Book, Milano 2020.

Paolo Boschini, presbitero della Chiesa di Modena, classe 1959, è docente di Filoso?a e Scienze sociali presso la Facoltà Teologica dell’Emilia-Romagna di Bologna. Come parroco fa la spola tra Modena e Roccapelago, nell’alto Appennino modenese. Si definisce “prete cattolico con due ‘figli’ musulmani”, riferendosi ai due giovani – un pachistano e un marocchino – accolti in casa. Fa parte del gruppo redazionale di Missione Oggi.


AUTORI

Gianni Tamino, già docente di Biologia generale all’Università di Padova, ha svolto ricerche sugli effetti ambientali e sanitari delle biotecnologie. È stato membro del Comitato Nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie presso la Presidenza del Consiglio e della Commissione Interministeriale per le Biotecnologie.

Vittorio Agnoletto, 1958, originario di Milano, ha trascorso vent’anni nell’Agesci e dal 1983 al 1989 è stato membro della segreteria nazionale di Democrazia Proletaria, essendo anche eletto come deputato al Parlamento europeo. Attualmente è docente presso l’Università di Milano e lavora come medico del lavoro in alcune aziende e nelle commissioni sull’invalidità dell’Inps.

Enzo Ferrara, presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino, è ricercatore in fisica dei materiali all’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, studioso di ecologia con l’Iris (Istituto di ricerche Interdisciplinari sulla Sostenibilità) e la redazione della rivista scientifica Visions for Sustainability.

Patrizia Gentilini è medico oncologo ed ematologo, membro Isde Italia (Associazione medici per l’ambiente) e di Medicina Democratica. Ha lavorato per oltre 30 anni nel reparto di Oncologia di Forlì e da oltre 10 anni si interessa delle problematiche ambientali, in occasione del raddoppio di potenzialità dei due inceneritori della sua città, Forlì.

Riccardo Petrella, 1941, professore emerito dell’Università Cattolica di Lovanio (Belgio), è fondatore e presidente dell’Università del Bene Comune, le cui attività sono svolte in collaborazione con l’Associazione Monastero del Bene Comune di Sezano (Vr).


Photo by Mehrnegar Dolatmand on Unsplash