Dal potere della protesta al potere delle persone

Autore
Stellan Vinthagen


I movimenti nonviolenti devono andare oltre la marcia nelle strade per costruire un cambiamento veramente trasformativo per un futuro post-pandemia. Devono cioè passare dal potere della protesta al potere delle persone

Dal potere della protesta al potere delle persone
Le donne del movimento zapatista chiedono una reimmaginazione radicale delle nostre società. (Flickr/Visual Research)

Un anno fa sembrava irreale con le immagini scioccanti dei telegiornali. Ospedali pieni di pazienti da intubare, strade delle città vuote di tutti i passanti, società virtualmente bloccate da uno stop improvviso. Questa volta una crisi che ha colpito anche i paesi ricchi. Dodici mesi dopo, il lancio del vaccino è in corso, almeno nelle parti privilegiate del mondo, e sembra esserci una luce alla fine del tunnel.

Tuttavia, importanti lezioni per la costruzione del movimento acquisite all’inizio di questa pandemia sembrano più rilevanti ora che mai. La pandemia di COVID-19 e il blocco globale per contenere la diffusione del virus è ovviamente una crisi globale. Più chiaramente è una minaccia alla salute pubblica. Ma è anche una minaccia che ha rafforzato le ingiustizie e lo stress su comunità già emarginate, così come un’applicazione di una crisi di sistema già endemica.

La pandemia ha rivelato la nuda collaborazione tra le élite finanziarie e i governi nel mantenere le megacorporazioni esistenti. Il tutto al servizio di un sistema economico che beneficia i ricchi, mina il nostro ambiente e sfrutta le persone. Inoltre, la pandemia ha aumentato la minaccia di un crescente sostegno popolare per misure statali autoritarie di sorveglianza di massa, di polizia nelle strade e di frontiere chiuse per tenere fuori gli “altri” migranti.

Eppure, la pandemia è anche una possibilità, che costringe molti di noi a fermare la nostra vita quotidiana, a leggere e riflettere, a interagire di più nei nostri ambiti locali. Allo stesso tempo, questa minaccia globale ci costringe a cercare nuovi modi di cooperazione globale. In quanto tale, come tutte le crisi, porta l’opportunità di cambiamento tra gli attivisti, all’interno delle società e in tutto il mondo. Le crisi economiche, come quelle in Grecia e Argentina, a volte possono dare vita a una rivitalizzazione, una mobilitazione di massa dell’attivismo per la giustizia sociale, con nuove strategie creative. In un certo senso, questo è ciò che abbiamo visto con lo straordinario Black Lives Matter negli Stati Uniti durante il 2020. Lo stesso è avvenuto con le straordinarie rivolte in luoghi come l’India e la Polonia. Questi sono segnali promettenti.

Ammettiamolo: L’economia mondiale, sfruttatrice e distruttiva, è stata portata a un arresto virtuale e alla recessione quando abbiamo smesso di consumare cose non essenziali. Questo accidentale “boicottaggio dei consumatori” ha creato forse la più grande crisi di sempre per il capitalismo. Questo cambiamento improvviso e drammatico è stato iniziato e coordinato dagli stati. Per una volta – hanno dato la priorità al salvataggio di vite umane quando hanno costretto le imprese a chiudere. I governi di tutto il mondo hanno dimostrato di essere in grado di coordinare pacchetti economici di dimensioni storiche per sostenere coloro che hanno perso il loro reddito, come l’American Rescue Plan, appena approvato dal Congresso degli Stati Uniti. Quindi, eravamo e siamo in una crisi globale, e i politici hanno dimostrato di essere in grado di cambiare il nostro sistema attuale per far fronte alla minaccia.

Tuttavia, all’inizio della pandemia molto di questo sostegno economico è stato assegnato quasi esclusivamente alle grandi imprese. Come prima, è stato per lo più fornito senza alcuna condizione per un cambiamento verso un sistema economico più ecologico, sostenibile ed equo. Invece questo sostegno economico ha conservato i problemi con cui vivevamo prima. Tuttavia, con il tempo e la pressione, alcune richieste sono state sollevate dal basso, e sono state poste condizioni alle grandi imprese per muoversi verso soluzioni green, salari vivibili e responsabilità sociale. Con il tempo, alcuni governi si sono assunti qualche responsabilità sociale per i loro cittadini più poveri. Tuttavia, possiamo essere sicuri che tutti i governi stanno lavorando per sostenere il sistema e riportarci a una nuova “normalità”, e che le imprese stanno cercando di trovare opportunità di business nella nuova situazione.

Dal potere della protesta al potere delle persone
Attivisti che indossano mascherine mentre protestano contro la brutalità della polizia nel 2020. (Flickr/michael_swan)

Mentre guardiamo avanti verso una società in cui molte persone sono vaccinate e la vita può tornare a un certo grado di normalità, dobbiamo impegnarci a non tornare “alla normalità”. Perché la “normalità” è il problema in primo luogo. Questo sistema mondiale che crea una crisi climatica crescente, il collasso ambientale e la disuguaglianza economica, che porta le persone a farsi la guerra tra loro, mantiene i privilegi di pochi e la povertà o lo sfruttamento della maggioranza. Ora è la possibilità di passare a qualcosa di completamente diverso. Come diverse persone hanno detto, la pandemia è un “portale” verso un nuovo mondo. Ora tutti, compresi quelli al di fuori di una minoranza attivista radicale, sanno che questo è possibile se lo vogliamo.

Basta scaricare nuovi programmi, lo stato preme il pulsante di stop, e noi ripartiamo, come qualsiasi altro computer. Ma abbiamo i nuovi “programmi” di una società formata da una pace giusta? Il problema è che noi che ci battiamo per un cambiamento radicale della società siamo abili a montare la critica e ad analizzare l’oppressione, la dominazione e i problemi, ma ci manca l’idea chiara e la visione attraente di un’alternativa. Cosa esiste al di là degli eserciti permanenti negli stati nazionali, l’antiterrorismo con l’uso dei droni, l’apartheid razziale dei diritti nel mondo, la sorveglianza di massa e il bombardamento di paesi stranieri, e il capitalismo mondiale sfruttatore, distruttivo per l’ambiente e che genera disuguaglianza? Se non possiamo rispondere a questo, perché qualcuno dovrebbe ascoltare la nostra critica?

Per espandere la nota massima, la tragedia è che oggi è più facile immaginare la fine del mondo che la fine del capitalismo, del militarismo, del razzismo, del patriarcato, del colonialismo, dell’omofobia e degli stati nazionali. Eppure, sia il sistema economico che le unità politiche che dominano il mondo oggi sono prodotti storici di lotte e idee emerse solo circa 400 anni fa. Nonostante viviamo in un ordine mondiale che sta distruggendo noi e il futuro del nostro pianeta, pochi stanno sviluppando le nostre visioni di un modo diverso di vivere.

Dopo il crollo del socialismo di stato nel 1989, che in realtà era già iniziato nel 1968, la sinistra ha avuto paura di ogni “pensiero utopico”, ha paura di diventare autoritaria. Ma nutrire visioni non è autoritario di per sé, e potrebbe ancora celebrare la diversità. Oggi ci mancano l’immaginazione radicale e le ampie alleanze tra la gente comune che hanno reso potenti i movimenti sociali nel corso della storia. Questo è ciò su cui dobbiamo concentrarci mentre immaginiamo un futuro post-pandemico.

Il potere popolare è fondamentalmente diverso dal potere di protesta

Noi che lavoriamo all’interno della tradizione dell’attivismo radicale e del cambiamento sociale abbiamo un vantaggio e, per molte ragioni, abbiamo ora una situazione che è matura per la nostra iniziativa. Per assumerla, dobbiamo rispondere alla pandemia e alla crisi che l’accompagna con saggezza.

In definitiva, la leadership di una tale mobilitazione di massa deve venire da neri, indigeni e persone di colore – quelli più emarginati e sfruttati nel nostro mondo, nonostante costituiscano la grande maggioranza. Altrimenti, non faremo altro che riprodurre un mondo ingiusto e violento con una nuova versione di quell’ingiustizia e sfruttamento.

Il futuro dell’ordine mondiale non è bianco, questo è certo, per molte ragioni. Ma se persone come me – che sono nate con dei privilegi – non vedono il nostro dovere etico, se non ci prendiamo anche noi la responsabilità di essere parte di questa ondata rendendoci pronti per la giustizia globale e i diritti umani di tutti, ci sono pochissime possibilità che il cambiamento sia pacifico. L’attuale mobilitazione di ampie alleanze all’interno del movimento per le vite nere mostra una speranza in questo senso, così come alcune altre iniziative che sono attualmente attive.

Questo può accadere solo educando noi stessi con l’obiettivo di coltivare migliaia di leader qualificati a tutti i livelli della società e da tutti i tipi di comunità diverse; ampliando e consolidando le nostre alleanze con comunità e movimenti più grandi nelle nostre società, a partire da un’ampia gamma di attivisti già interessati e gruppi emarginati; sviluppando strategie creative e basate sulla conoscenza per il cambiamento sociale; e migliorando i nostri modi di organizzare con una combinazione di partecipazione democratica, mobilitazione efficace, flessibilità e concentrazione.

Per fortuna, molto lavoro è già stato fatto. Tuttavia, non stiamo utilizzando l’educazione popolare come facevano i precedenti movimenti di massa. Invece, ci stiamo educando principalmente attraverso le istituzioni educative tradizionali, i mass media e i social media. Lavoriamo in silos isolati mentre difficilmente facciamo rete attraverso le differenze di identità, nazionalità, religione, classe e razza.

Riutilizziamo vecchie strategie e tattiche fisse e ritualizzate, nonostante il fatto che si siano ripetutamente dimostrate inefficaci. Lo facciamo perché abbiamo familiarità con questi approcci ed è più facile attenersi a ciò che si conosce. La gente ha imparato che è così che si lavora per il cambiamento.

Nel frattempo, siamo bloccati con vecchie forme di organizzazione che forse erano utili 100 anni fa, ma anche allora non funzionavano bene. Se avessero funzionato, non saremmo in questa situazione catastrofica in cui ci troviamo ora. C’è molto lavoro e ripensamento da fare, sia individualmente che insieme.

Dal potere della protesta al potere delle persone
I manifestanti hanno marciato per le strade con cartelli che collegano il movimento per i diritti civili degli Stati Uniti all’attuale Movement for Black Lives. (Flickr/joepiette2)

La maggior parte dei movimenti oggi adottano un approccio disarmato alle loro lotte per il cambiamento sociale senza molta riflessione su come l’azione nonviolenta possa essere usata come strategia per campagne di successo. Quando questo è implicito, sembra diventare per lo più solo una questione di “proteste” o “manifestazioni”, senza molta riflessione dietro questi metodi, come le proteste contro le politiche governative che vediamo in tanti paesi negli ultimi anni, o la diffusione globale delle manifestazioni sul clima di Friday For Future.

Tuttavia, la maggior parte delle persone non si rende conto dei modi in cui le proteste possono rafforzare le istituzioni del potere e il sistema esistente. Quando una protesta non riesce a promuovere il cambiamento, può illustrare la nostra impotenza. Quando una protesta ha successo, lo fa costringendo i leader e i regimi ad agire secondo la volontà dei manifestanti, e quindi può rafforzare il sentimento pubblico che i nostri sistemi politici sono equi e democratici, anche quando non è il caso. Così, le proteste rischiano di rafforzare la nostra dipendenza dai leader politici. Pertanto, suggerisco che la politica di protesta è un vicolo cieco – che ci lega al sistema.

Coloro che adottano una connessione più esplicita alla tradizione di “azione nonviolenta” da Martin Luther King, Jr. a Mohandas K. Gandhi, potrebbero invece praticare la “disobbedienza civile” o “azione diretta nonviolenta”, come Greenpeace o il movimento per la giustizia climatica Extinction Rebellion. Qui sta il potenziale del potere delle persone, che è fondamentalmente diverso dal potere di protesta. Ma qui il problema è che la gente tende ad avere un’idea molto superficiale di ciò che costituisce il “potere popolare”, anche nei movimenti di “azione nonviolenta” auto-dichiarati. Questa versione superficiale trasforma la disobbedienza civile in un rituale pubblico di attivismo, e un diverso tipo di “disobbedienza di protesta” che aumenta le possibilità di ottenere l’attenzione dei media. Questa potente arma del popolo è spesso diluita in un modo creativo di protestare senza usare la violenza.

Un attivista nonviolento è nel mezzo della tempesta, impegnato su tutti gli aspetti violenti della pandemia

Allo stesso tempo, questo approccio superficiale riduce anche la “violenza” alle sue forme più ovvie: omicidio, tortura, stupro e guerra. Questo de-politicizza anche la “nonviolenza”. Poiché il punto è essere nonviolenti in due modi.

  1. Agire senza violenza nella propria lotta contro la violenza;
  2. Avere una comprensione radicale dell’azione nonviolenta che prenda in considerazione l’intera portata della violenza, come integrata nelle nostre società.

Pertanto, la nonviolenza radicale è anche una critica della violenza che sfida la violenza strutturale, sistemica, culturale e simbolica, che nega alle persone la capacità di vivere la vita secondo il loro pieno potenziale e in dignità. Se consideriamo la nonviolenza come tale, allora dovremo capire che non possiamo davvero agire senza violenza se non cerchiamo anche di andare oltre la violenza.

In questo modo, dobbiamo cercare di usare le nostre immaginazioni radicali di una società futura liberata dalla violenza. Forse non ci arriveremo mai, ma raggiungere l’utopia non è davvero il punto. Possiamo, come ha suggerito Gandhi, lavorare ancora per la massima riduzione a lungo termine della violenza. Se lo facciamo, allora capiremo anche che non possiamo davvero lottare contro la violenza, se non abbiamo allo stesso tempo una relazione con la violenza e non viviamo dentro la violenza.

Finché la violenza esiste, noi come attivisti nonviolenti dobbiamo accettare e scegliere volentieri di essere integrati in una società che è violenta, impegnati e legati a quelle forze che fanno la guerra e organizzano la violenza strutturale. Essere un attivista nonviolento è in questo modo l’opposto di abbandonare, e isolarsi nella foresta, vivere in una capanna, o altrimenti cercare di disconnettersi come individuo dalle realtà della violenza, o accontentarsi solo di lottare contro le eruzioni locali e più spettacolari di un mondo intrinsecamente violento. Questo tipo di ritiro dai sistemi violenti è in realtà solo un’altra parola per privilegio.

Un attivista nonviolento è nel mezzo della tempesta, impegnato su tutti gli aspetti violenti della pandemia, e cerca di usare tutto il suo essere per trasformarci a prendere un’altra strada.

Inoltre, la nonviolenza è un approccio da praticare sia a livello personale che collettivo, poiché questi fenomeni sono intrecciati. L’autosviluppo è la chiave della nostra capacità di praticare la nonviolenza nelle relazioni con gli altri, sia in famiglia che sul posto di lavoro, nel quartiere o in un movimento sociale.

Fondamentalmente, la nonviolenza è una pratica che combina due percorsi che generano la sua forza di cambiamento sociale: Costruire e abbattere; dire “sì” e “no” nelle nostre azioni; combinare la creazione di alternative e soluzioni nonviolente con la resistenza ai sistemi violenti.

Ho reali speranze su come possiamo applicare questo, tracciando una strada per un approccio radicale e nonviolento durante e dopo questa pandemia globale.


Stellan Vinthagen

Stellan Vinthagen è un professore di sociologia, uno studioso-attivista. Insegna Nonviolent Direct Action and Civil Resistance all’Università del Massachusetts, Amherst, dove dirige il Resistance Studies Initiative.


Fonte: Waging Nonviolence, Resistance Studies, 6 aprile 2021

Traduzione a cura della redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.