Extinction Rebellion: stop alla finanza fossile


Extinction Rebellion: stop alla finanza fossile
/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2021/03/ultima cena dellumanita JPEG

Il primo aprile Extinction Rebellion nelle piazze d’Italia e del mondo: la quarta Ribellione per dire stop alla finanza fossile


Il primo aprile in tutta Italia e nei 76 Paesi del mondo dove è presente il movimento, Extinction Rebellion dà inizio alla sua quarta Ribellione attraverso una serie di azioni di sensibilizzazione e di disobbedienza civile nonviolenta.

A Torino, Milano, Venezia, Palermo, Firenze, Bologna, Roma ma anche Bolzano, Brescia, Catania, Como, Ferrara, Firenze, Genova, Mogliano Veneto, Padova, Palermo, Pisa, Trento, Treviso, Verona e Vicenza si svolgeranno azioni che vogliono riportare l’attenzione sulla distruzione ecologica e ambientale del nostro Pianeta.

L’incipit già al risveglio, quando molte città italiane ed europee troveranno installazioni pubblicitarie “ritoccate” che mettono a nudo la narrazione ingannevole del “gas pulito” da parte delle lobby industriali e delle compagnie che fanno speculazione finanziaria alle spese dell’ambiente. Anche questa denuncia del greenwashing è parte di una campagna internazionale sul gas fossile, l’altra grande bugia della transizione ecologica.

Il 2021 deve essere l’anno del cambiamento e non c’è più tempo di aspettare: la finanza  tossica deve essere combattuta.
Istituti finanziari e fondi assicurativi continuano ad investire nel settore fossile, permettendo di fatto la distruzione di ecosistemi e l’alterazione del clima del nostro Pianeta.

Primo obiettivo quello di far pressione sugli istituti bancari perché interrompano i finanziamenti al settore dei combustibili fossili. In Italia le “banche tossiche” sono, in particolare, Unicredit e Intesa Sanpaolo, i principali responsabili (80%) delle emissioni causate da banche e investitori nel nostro Paese. Generali Assicurazioni, oltre a investire nelle società fossili, fornisce coperture assicurative ai loro progetti, come nel caso delle centrali a carbone della polacca PGE e della Ceca CEZ, che stanno ostacolando attivamente la transizione energetica nel continente europeo. Intesa e Unicredit continuano a prestare miliardi a chi persevera nella realizzazione di nuove centrali e miniere a carbone, come la tedesca RWE e la finlandese Fortum.

Le manifestazioni saranno diffuse e rispetteranno le norme anti-Covid19.

Tutti gli aggiornamenti dalle piazze verranno tempestivamente condivisi sulla seguente sezione dedicata del sito italiano: https://extinctionrebellion.it/XR-Press/live-feed/

L’Onda Lunga della Ribellione proseguirà durante tutto il 2021.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.