Donne e uomini di don Zeno | Segnalazione redazionale

Remo Rinaldi, Donne e uomini di don Zeno, Paoline, Milano 2016, pp. 272, €15,50

«I libri?
Quale libro può dirvi queste cose?
Io ho letto il creato e l’umanità.
Non ne avete più bisogno:
il libro siete voi stessi.
Sempre aperto»
F. Marinetti, L’eresia dell’amore. Conversazione con don Zeno Saltini, Borla, Roma 1999, p. 84

«Quindi non si è scritto un libro, si sono narrate delle vite. E le vite non si leggono, si meditano, si imitano, si rivivono. Con la consapevolezza che il bene si fa e si insegna meno con le parole e più con gli esempi e la testimonianza. Particolarmente oggi, nel tempo delle comunicazioni di massa, in cui siamo infastiditi, nauseati dalle troppe parole, dai troppi discorsi, dalle troppe informazioni, dai troppi documenti. Per parte mia, ringraziando i nomadelfi e tutti coloro che mi hanno aiutato, sento di dover dichiarare il mio senso di insoddisfazione per quel che ho scritto. Come se avessi dimenticato, tralasciato qualcosa; come se mi fosse sfuggito, per una mia sordità, qualcosa di estremamente difficile da afferrare e che f parte dell’essenza più profonda della storia e della realtà di Nomadelfia», pp. 19-20

Nomadelfi? Nomadelfia?

Dunque ecco, con queste due introduzioni ci sentiamo giustificati a «solo» segnalare questo libro. Perché, come avete appena letto, è meglio «vederla», Nomadelfia, che parlarne. Tanto si tralascerà sempre qualcosa…

Don Zeno Saltini ha fondato Nomadelfia nel 1948, e quello che allora era un esperimento è attivo ancora oggi. Il libro racconta gli inizi, i molti orfani di guerra, le «madri di vocazione» che si sono trovate anche con 12 figli (guardate le foto in bianco e nero al centro del libro…). Anche coppie di coniugi hanno adottato gli orfani a Nomadelfia, nel corso degli anni; è tutto narrato, con testimonianze, cronache, foto d’epoca e relative didascalie, brani di altri libri su Nomadelfia, parole di don Zeno in persona…

Se non sapete nulla di Nomadelfia leggere questo libro è una buona occasione per scoprire che là (dalla Quarta di copertina) «essere madri e padri non è un dato semplicemente biologico, ma soprattutto affettivo. A Nomadelfia donne sposate e no […] si prendono cura di bambini orfani o abbandonati e li crescono come figli propri. […] Le loro vite, il più delle volte segnate da grandi sacrifici nell’Italia del dopoguerra e dei decenni successivi, sono un prodigio discreto, che passa inosservato in mezzo al rumore del mondo dell’informazione».

Non è passato inosservato alla Biblioteca del Centro Studi Sereno Regis, dove potrete trovare il libro, prenderlo, leggerlo e riportarlo per altri/e (lunedì, mercoledì e venerdì 10-16; martedì e giovedì 12,30-18,30).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.