L’uomo è diverso – Segnalazione redazionale

cop Don Zeno di Nomadelfia, L'uomo è diversoDon Zeno di Nomadelfia, L’uomo è diverso, Edizioni di Nomadelfia, Grosseto 19894, pp. 96, € s.p.

Il cognome dell’autore del libro presentato questa settimana ha a che fare col luogo, più che con la genealogia. Don Zeno non si chiama «di Nomadelfia», come cognome. Don Zeno Saltini si chiama il fondatore di Nomadelfia. Nomadelfia è una proposta. Questo è il titolo della rivista (che è presente nell’emeroteca del Centro Studi Sereno Regis di Torino), ma è amche l’intenzione dell’iniziativa. Nomadelfia è una proposta di vita «altra», di vita comunitaria, come leggiamo dal sito (www.nomadelfia.it):

Cos’è Nomadelfia: un popolo di volontari cattolici che vuole costruire una nuova civiltà fondata sul Vangelo

* Come le prime comunità cristiane

* 270 persone – 50 famiglie

* Fondata da don Zeno Saltini (1900-1981). Nel 1931, diventando sacerdote, si fa padre di un giovane che esce dal carcere. Da allora quasi 5.000 figli sono stati accolti nelle famiglie di Nomadelfia

* Tutti i beni sono in comune. Non esiste proprietà privata, non circola denaro

* Si lavora solo all’interno e non si è pagati

* Le famiglie sono disponibili ad accogliere figli in affido

* 5 famiglie insieme formano un “gruppo familiare”

* Le scuole sono interne e l’obbligo scolastico è stato portato a 18 anni

 

Nomadelfia, C.P. 103 – 58100 Grosseto

Tel. 0564/338243

Dunque ecco. Il fondatore di Nomadelfia, nel 1956 scrive un piccolo libro, quello presentato. Il linguaggio è un po’ datato, ma alcune definizioni ci riguardano e sono attuali:

Il progresso della tecnica nelle mani di un mondo pagano ed animalesco porterà al suicidio l’umanità.

Se vogliamo giudicare gli uomini nei rapporti sociali dai loro frutti […] c’è qualcosa di veramente grave che non va […] “Il mondo è sempre stato così”, diciamo. Ma se è sempre stato così, non vorrà dire per niente che debba essere sempre così.

Ed ecco qualcosa che ci riguarda da vicino, occupandoci di nonviolenza:

La mansuetudine è un titanico atto di volontà. Il mansueto non è servile, Tutt’altro è.

[…]pacifici non sono coloro che vanno d’acordo con tutti perché tacciono anche quando devono parlare […] che lasciano […] in pace chi sta commettendo un delitto […] sono coloro che portano la pace fondata sulla giustizia […] sapendo che la pace è il frutto della giustizia […] Non sono degli statici, sono dei dinamici[…]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.