ItaliaEuropa. In 150 anni Pace e nonviolenza

Enrico Peyretti

ItaliaEuropa. In 150 anni Pace e nonviolenza. Catalogo della Mostra tenutasi a Cuneo, marzo-settembre 2011, a cura di Renzo Dutto, Edizioni Nerosubianco, Cuneo 2012, cm. 20 x 30, pp. 142, euro 20,00

Un’impresa consegnata a noi

Rileggendo la lettera ai cappellani militari di don Milani, del 1965, che è una scorsa su cent’anni di storia italiana alla luce del verbo “ripudia“ usato per la guerra dall’art. 11 della Costituzione, ci chiedevamo se abbiamo saputo, nel 150° di unità italiana celebrati nel 2011, ripercorrere la storia delle nostre guerre e della nostra politica con quella stessa chiaroveggenza. Ecco una risposta in questo catalogo, graficamente molto bello, che riproduce la ricca mostra presentata a Cuneo – che non è Roma, ma è una città e un territorio di viva tradizione civile – su movimenti, cultura, figure della pace nonviolenta.

Questi i capitoli, a grandi linee: 1861-1900, I primi passi dell’Unità (coscrizione obbligatoria, gruppi pacifisti, l’idea federalista); 1901-1921, la Grande Guerra (insubordinazione, obiezione di coscienza, donne e pace, Ifor e War Resisters’ International, colonialismo); 1922-1945, Resistenza civile alla guerra (il ruolo delle donne, in Europa, la Rosa Bianca, salvataggio degli ebrei, Movimento Federalista, manifesto Russell-Einstein); 1946-1989, Luci e ombre della democrazia (nascita del Mir e Movimento Nonviolento, dall’obiezione di coscienza al servizio civile, don Milani, Capitini, Danilo Dolci, contro gli euromissili, la difesa popolare nonviolenta, la Pacem in terris, l’Europa); Il Nuovo Disordine Mondiale e il cammino della nonviolenza (le nuove guerre, i corpi civili di pace, l’economia nonviolenta, informazione e educazione alla pace, l’Europa nella crisi); crisi sistemica e alternative della nonviolenza; la trasformazione nonviolenta dei conflitti; ItaliaEuropa domani.

Ogni parte presenta materiale documentario e iconografico spesso originale, per lo più sconosciuto alle storie ufficiali e ai manuali scolastici. Gli studenti di ogni grado di scuola possono scoprire qui che la pace non è solo in un improbabile futuro, ma è una parte reale della storia, tragicamente offesa dalle molte forme di violenza, ma resistente, costruttiva, tenace, fondata nella cultura e nella volontà di strati vivi del nostro popolo, che meritano una politica adeguata. La storia è drammatica, ma non disperata. Soprattutto, l’impresa della vita sociale giusta è consegnata a noi da una lunga fila di forti e coraggiosi, e non soltanto solitari, perché noi la proseguiamo e la rafforziamo.

Il volume si chiude con una bibliografia, una sitografia e filmografia, utili per continuare la ricerca rivelatrice della storia di pace nonviolenta e attiva nel tratto di storia che sfocia sui nostri impegnativi giorni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.