Agricoltura sinergica – L’arte di coltivare lasciando fare alla terra

Nessuna lavorazione del suolo, nessuna sostanza di sintesi. Nessun tipo di concime, sia esso chimico o naturale

sabato 15 maggio 2010
Sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

Intervengono Guido Balbo e Nicola Savio della Libera scuola di agricoltura sinergica Emilia Hazelip
Vincenzo Guarnieri dell’Istituto di Ricerche Interdisciplinari sulla Sostenibilità (IRIS)
Daniela Iapicca dell’Ecoistituto del Piemonte “Pasquale Cavaliere” – Centro Studi Sereno Regis

Programma dell’incontro

ore 15.00 accoglienza
ore 15.30 introduzione
ore 15.45 “L’agricoltura sinergica di emilia hazelip: un’attività umana sostenibile”
ore 16.45 raccolta di suggestioni
ore 17.15 video: “L’agricoltura sinergica” con Antonio De Falco
ore 17.30 dibattito
ore 18.20 conclusioni
ore 18.45 aperitivo con i prodotti degli orti sinergici

L’agricoltura sinergica, ideata da Emilia Hazelip, si basa sul principio che, mentre la terra fa crescere le piante, le piante creano suolo fertile attraverso i propri “essudati radicali”, i residui organici  che lasciano e la loro attività chimica, insieme a microrganismi, batteri, funghi e lombrichi.

I prodotti ottenuti con questa pratica hanno una diversa qualità, un diverso sapore, e una maggiore resistenza agli agenti che portano le malattie. Attraverso questo modo di coltivare viene restituito alla terra, più di quanto si prende, promuovendo i meccanismi di autofertilità del suolo e facendo dell’agricoltura un’attività umana sostenibile.

Scarica il volantino: 2009-05-15 agric sinerg V04

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Sinergica e Naturale. Prima a RadioFlash per FoodExpress di Elena Pugliese, poi al Centro Studi Sereno Regis per una presentazione in collaborazione con Guido ed Enzo (il trio dell’ Ave Sinergia al […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.