Turi in digiuno per non essere addomesticati e annichiliti

Appunti in ordine sparso su Turi Vaccaro e le sue condizioni di vita in carcere.

L’incontro tra Emmie (ex moglie di Turi) e Turi ci chiarifica un po’ sulla situazione che sta vivendo il nostro amico NO TAV imprigionato nel terribile carcere del Pagliarelli di Palermo,un carcere difficile in cui i pestaggi e la violenza da parte delle guardie sono all’ordine del giorno e in cui proprio ultimamente si è suicidato un giovane.

Scopriamo che Turi è stato tenuto i primi 6 mesi in una cella da solo nel reparto psichiatrico dell’infermeria e poi (A seguito di una sua protesta e sciopero della fame) trasferito nel reparto comune di infermeria in cui si trova tuttora.

Dopo un anno e mezzo di carcere, Turi appare a Emmie, abbastanza confuso e un po’ rassegnato.

Tanto tempo senza comunicare e vessato da un regime carcerario ottuso rendono difficile lucidità e presa di decisioni.

L’ottusità del sistema repressivo e della prigione con le sue regole idiote e sadiche si mostra una volta di più in tante piccole ma logoranti vessazioni.

Considerano sporchi i suoi vestiti e glieli buttano.

Aveva fatto crescere una piantina, probabilmente da un seme e gliela buttano.

Lavano la cella con il cloro (TOSSICO) perché ,secondo i criteri igienico carcerari è sporca, onde poi avere sezioni in cui non funziona il riscaldamento.

Al momento della visita vietano l’ingresso alla cugina che viene dall’Olanda, quando avevano dato conferma prima, via mail del fatto che lei potesse avere un colloquio.

Negano l’ingresso di sandali perché non sono scarpe invernali e di un cappello di lana perché troppo lungo.

A niente serve per Emmie implorare di fargli passare i sandali visto che Turi è a piedi nudi.

Anche a questo sono utili le incarcerazioni di attiviste, compagne ecc. perché portano alla luce (vedi ora Turi e Nicoletta ) la mostruosutà del regime carcerario in sé, la sua completa inutilità e il sadismo che lo permea totalmente.

Proprio in questi giorni Turi ha deciso di riprendere lo sciopero della Fame con tre punti:

  • Protesta contro il MUOS come apparato bellico sempre più attivo e minaccioso,vera arma di guerra e sofferenza;
  • Protesta per fare cessare i lavaggi della sua cella con il cloro;
  • Protesta per fare diventare automatico il meccanismo dei 45 giorni di sconto di pena ogni 6 mesi senza l’umiliazione di dover chiedere.

La ripresa della protesta di Turi è un bel segnale di riscossa nei confronti dell’addomesticamento e annichilimento carcerario. Turi infatti si lascia scappare sue paure sulla capacità di tornare libero e timori di essere liberato e poi riarrestato per altre condanne.

Lo sciopero della fame arriva in un momento in cui stiamo riprendendo la campagna di solidarietà attiva con lui e con tutte le progioniere politiche tra cui Nicoletta, per un AMNISTIA SOCIALE.

Il primo appuntamento è martedì 4 febbraio davanti al Pagliarelli alle 17.30 per poi costruire una grande manifestazione il 14 marzo che ci piacerebbe essere contemporanea ad altre iniziative tra cui auspichiamo quella del movimento NO TAV a Torino per Nicoletta e le altre persone incarcerate

Turi, detenuto nel carcere di Palermo perché ha manifestato contro il MUOS.
Non dimentichiamolo.

Messaggio originale condiviso copiato da Doriana.

“Per quanto riguarda Turi, dire a tutti di continuare a scrivere è una cosa importantissima…
Chi volesse scrivere l’indirizzo è questo, sperando consegnino almeno la posta:
TURI VACCARO
Casa Circondariale Pagliarelli – piazza P. Cerulli, 1 90129 Palermo


Dal TGR Sicilia: No Muos, mobilitazione per l’attivista Vaccaro in cella da un anno e mezzo

A Palermo dall’Olanda per visitarlo al Pagliarelli, la ex compagna lancia un appello: “In carcere da troppo tempo, liberatelo”. A 67 anni, è il militante che ha più condanne per la sua battaglia contro le antenne Usa a Niscemi

di Lucia Sgueglia; immagini e montaggio di Emanuele Guida

https://www.rainews.it/tgr/sicilia/video/2020/02/sic-turi-vaccaro-carcere-ex-compagna-olanda-c7b2ddc3-5e2b-4433-886a-961106cd7a8c.html?fbclid=IwAR2WVh8-Sl2yl1Yu3EOvh6fM2Qcw7A098Ra4Ozl51bFZy70nmo3Zi8Hl_t0

5 risposte a “Turi in digiuno per non essere addomesticati e annichiliti”

  1. Intanto, gli voglio scrivere una lettera, all'indirizzo del carcere, di amicizia e incoraggiamento. Turi è un'anima candida, che paga tutto di persona, non è offensivo, se distrugge, distrugge solo cose distruttive. Non dobbiamo dargli troppo tardi il riconoscimento. E' un agire individuale, ma forse non può essere altro, in quelle forme. Scriviamogli tutti. Enrico

  2. Bravo PIETRO! Turi è in carcere da sempre anche per la ns IGNAVIA! Mobilitiamoci subito! Con NICOLETTA DOSIO SONO PRIGIONIERI POLITICI!

  3. Bravo PIETRO! TURI è in carcere anche per l’indifferenza del pacifismo! Bisogna mobilitarsi subito ! TURI È ALLE STRETTE! Cosa aspettiamo? È come NICOLETTA DOSIO! Diamoci da fare

  4. Sul che fare: intanto diffondiamo l'informazione su Turi per quanto possiamo. Scriviamogli e, quando e ove possibile, realizziamo azioni nonviolente (flash mob-,sit-in, lettere ai media, E, di tutto quello che riusciremo a fare, informiamo Emmie Epker, il Comitato No-Muos e le agenzie di stampa.
    Vittorio Pallotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.