Palestina: una terra cancellata dalle mappe | Segnalazione redazionale

Forum Palestina (a cura di), Palestina: una terra cancellata dalle mappe, Rinascita edizioni, Roma 2010, pp. 268, € 13,00

«Il Forum Palestina [che in questo libro appare come «curatore», NdR] è nato nell’ottobre del 2001. Riunisce una serie di associazioni, sindacati di base, radio indipendenti e comitati locali che si occupano della questione palestinese.

Il Forum ha dato vita ad alcune grandi manifestazioni nazionali […]; aderisce alla campagna BDS (Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni verso Israele), considerandola uno strumento di sostegno internazionale alla resistenza del popolo palestinese contro l’occupazione e l’apartheid, e promuove il boicottaggio scientifico e accademico di Israele.

Nel 2009-2010 il Forum ha avviato un progetto di informazione e dibattito sul sionismo, di cui il convegno che si è tenuto il 28 e 29 novembre 2009 a Roma ha rappresentato il primo appuntamento». (dal risguardo sinistro di copertina).

Il libro di questa settimana contiene gli Atti di quel Convegno, intitolato Dieci domande sul sionismo, e che ha visto la partecipazione tra le altre/gli altri di Mila Pernice, Michael Warschawski, Jeff Halper, Marco Benevento.

Da p. 229 si trova il testo del Documento di costituzione della Rete Internazionale Ebraica Antisionista (ijsu.net), alcune foto da Betlemme, Gerusalemme, Ramallah, Gaza, le Note biografiche di tutti i relatori/tutte le relatrici, la Bibliografia e la Sitografia, oltre – naturalmente – alla Postfazione, curata anch’essa da Forum Palestina.

«Senza una chiara analisi sulla natura del sionismo, non si può capire il fallimento del “processo di pace” e il suo sistematico sabotaggio da parte dello Stato di Israele. Senza capire il sionismo, è quasi impossibile cercare di prevedere le prossime mosse della leadership israeliana».

(Michael Warschawski, dalla Quarta di copertina).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.