Ursula, la fantascienza secondo Nanni | Massimiliano Fortuna

Quando, qualche giorno fa, ho appreso della scomparsa della scrittrice americana Ursula K. Le Guin il filo della memoria mi ha portato immediatamente a pensare a Nanni Salio. La morte della Le Guin arriva infatti a quasi due anni esatti di distanza da quella di Nanni, avvenuta il primo febbraio del 2016. Accostarli nel ricordo per me è stata un’ovvia conseguenza del fatto che fu proprio lui, diverso tempo fa, a parlarmene per la prima volta e a farmela conoscere, presentandola come una scrittrice di libri di fantascienza contagiati dalle idee della nonviolenza e indicandomi in particolare il romanzo I reietti dell’altro pianeta.

La prospettiva nonviolenta di Nanni è sempre stata segnata da una dimensione multidisciplinare, capace di estendersi in svariate direzioni a cavallo di culture e generi, dunque non limitata esclusivamente alla conoscenza dei testi canonici o degli studi classici sulla pace e sull’antimilitarismo. A questo criterio, del resto, è stata improntata la costruzione stessa della biblioteca del Centro Studi Sereno Regis, edificata su una prospettiva «allargata», in grado di tenere assieme il saggio accademico e il fumetto, il racconto popolare e la pagina di complessa analisi filosofica o teologica.

Quanti conoscevano l’eclettismo di Nanni e la sua vorace curiosità intellettuale non saranno dunque stupiti dall’interesse rivolto a questa scrittrice – la cui importanza nella letteratura del Novecento è peraltro ormai riconosciuta – che pubblicava racconti di fantascienza non basati su scontri irriducibili di civiltà o su divisioni un po’ manichee tra buoni e cattivi, ma aperti all’integrazione tra culture differenti e in cerca della saggezza della mediazione. O che, per limitarsi a un solo altro aspetto, nelle sue trame ha saputo evocare con preveggenza e lungimiranza un tema come quello dei cambiamenti climatici, questione la cui importanza nel tempo che stiamo vivendo si dimostra sempre più all’ordine del giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *