Progetto ECO-logico: il secondo report

Mercoledì 22 novembre (3° incontro) – Nello scorso incontro abbaimo affrontato diverse tematiche, per prima cosa abbiamo parlato dei moltissimi modi in cui un oggetto può essere riutilizzato.

Poi, ci è stato proposto di iniziare creando un catellone su come pensavamo fosse la vita di un oggetto e successivamente abbiamo visto un video chiamato “la storia delle cose”, nel quale si parlava nello specifico  dei 5 passaggi dell’economia dei materiali che sono: 1. l’estrazione; 2. la trasformazone; 3. la vendita; 4. l’utilizzo; 5. lo smaltimento. Questo video è servito a mostrarci realmente i gravi danni che ogni giorno facciamo alla terra, come lo sfruttamento di zone piu povere o le grandi emissioni di inquinamento. Collegandoci proprio a qusto viedo dopo abbiamo affrontato nel dettaglio tutti i vari aspetti, partendo da quella che viene definita schiavitù moderna che viene causa  dall’eccessivo consumo.

Subito dopo abbiamo fatto un gioco per capire al meglio in che modo le materie prime anche se in prodotti diversi di trovano quasi in ogni oggetto.

Dopo abbaimo parlato di Kumarappa, un discepolo di Gandi che scrisse un testo in cui parla del modo in cui bisogna scegliere un prodotto cioè predileggendo i prodotti locali e dicendo che prima di comprare un prodotto bisogna conoscerlo.

Abbiamo poi parlato dell’obsolescenza, cioèè quando un prodotto funziona bene ma è tecnologicamente vecchio.

Poi abbiamo fatto un gioco per capire quanto conoscevamo realmente lo smaltimento di rifiuti dovendo creare una scala temporale con il vetro, la plastica, l’alluminio, la carta, il legno e le sigarette. Dopo che abbiamo posizionato i vari rifiuti secondo il nostro ordine ci  hanno detto quanto realmente quell’oggetto ci impiega.  Abbiamo quindi scoperto che il vetro e la plastica impiegano circa 100/1000 anni prima di smaltirsi, la carta dalle 4 settimane ai 6  mesi e il legno circa 6 mesi.

Alla fine come avevamo fatto all’inizio abbiamo ripensato ad alcuni  nuovi utilizzi per gli oggetti che riteniamo arrivati alla fine della loro vita.

Sofia Valabrega ed Elisa Laurano


Mercoledì 6 dicembre 2017 – Durante l’attività di alternanza scuola-lavoro abbiamo affrontato delle tematiche riguardanti:

Acquisti sostenibili (compra leggero, consuma/compra, compra durevole, compra semplice, compra vicino, compra sano, compra più giusto, compra prudente, compra sincero, investì in giustizia).

In seguito abbiamo esaminato tre zaini, cercando di individuare quello che più rispetta i criteri degli acquisti sostenibili e quello che li rispetta meno e la signora Cinzia ci ha elencato alcune alternative agli oggetti che utilizziamo quotidianamente, come per esempio le matite e gli evidenziatori, che sono nocivi per la pelle.

Dopo di ciò la signora Cinzia ci ha mostrato la sua borsa e il suo contenuto, piena di oggetti che rispecchiano i criteri degli acquisti sostenibili.

Infine siamo stati divisi in gruppi da due o tre persone, ai quali è stato dato un argomento su cui creare un dibattito.

Con questa attività abbiamo assunto ruoli e mentalità differenti da quelle di tutti i giorni.

 Erika Gabriele e Giorgia Zuccalá

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *