Germogli di un futuro nonviolento

sabato 18 ottobre 2014
sala Gabriella Poli – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi 13 – Torino 

Attualità gandhiane e tradizione artistica: sinergie tra India e Italia. A Torino operano da molti anni associazioni, gruppi, artisti che si ispirano alla cultura e alle tradizioni dell’India per farle conoscere al pubblico italiano, sviluppare relazioni di collaborazione, contribuire alla formazione di reti in grado di contribuire a una trasformazione globale nonviolenta delle nostre società.

POMERIGGIO 15,00 – 18,45 – riflessioni e testimonianze di realtà gandhiane in azione
L’urgenza della nonviolenza: indizi dall’India di oggi

15,00 Accoglienza e presentazione Elsa Bianco, psicoanalista junghiana, già presidente di ASSEFA Italia. Membro di IRIS (Centro di Ricerche Interdisciplinari sulla Sostenibilità)

15,15 L’urgenza della nonviolenza nel caos mondiale Nanni Salio, Presidente del Centro Studi Sereno Regis, un Centro di ricerca, formazione ed educazione sui temi della nonviolenza e della pace.

16,00 Forme di nonviolenza in India, dalle manifestazioni di protesta ai progetti costruttivi Elena Camino, Presidente del Gruppo ASSEFA Torino, membro di IRIS (Centro di Ricerche Interdisciplinari sulla Sostenibilità)

16,45 Pausa

17,00 Un esperimento di ispirazione gandhiana nell’India del Sud: desi, charaka e vanastree Tiziana Ripepi Ricercatrice di cultura Indiana, da molti anni vive tra Italia e India (in particolare il Karnataka). E’ impegnata anche nella creazione di reti di collaborazione tra associazioni, anche per il tramite del turismo sostenibile.

17,45 L’ASSEFA India nel turbine del cambiamento Franco Lovisolo, da molti anni responsabile delle relazioni tra ASSEFA Italia e ASSEFA India.

18,15 dibattito

SERA 20,30 – 22,30
Spettacolo di danza e musica classica indiana con Antonella Usai, Riccardo Di Gianni e Kamod Raj Palampuri

Il programma

Riccardo Di Gianni e Kamod Raj Palampuri propongono l’esecuzione delle raffinate e antiche forme musicali dell’India del nord chiamate Raga. I Raga sono paragonati ai colori dell’anima. Si tratta di una combinazione di note e modulazioni legati a particolari emozioni e stati d’animo. I Raga accompagnano sia il musicista che l’ascoltatore in una ricerca interiore. Le melodie sono accompagnate dai Taal, complesse strutture ritmiche su cui i musicisti improvvisano.

La danza Bharatanatyam, fra le più antiche ed elaborate al mondo, affonda le sue radici nelle cerimonie sacre eseguite nei templi del sud dell’India dalle devadasi, letteralmente “ancelle del dio”, dedite al culto della divinità attraverso la musica, il canto e la danza. Si compone di un aspetto tecnico di cosiddetta danza “astratta” e di un aspetto espressivo-narrativo in cui, attraverso la combinazione di movimenti del corpo ed espressioni codificate del viso, vengono trasmesse particolari emozioni e narrate vere e proprie storie. Il repertorio tradizionale è ricchissimo e si articola in una serie di danze dal profondo valore simbolico ed espressivo. Da ogni aspetto di questa danza traspare un contesto culturale affascinante e denso di significato.

Gli artisti

Antonella Usai – danza bharatanatyam
Inizia lo studio della danza a otto anni presso la scuola Farco?Morra di Torino. Vincitrice di numerosi concorsi fra cui Vignale danza e Castiglioncello‚ intraprende la carriera di danzatrice professionista con alcune compagnie europee tra cui: il Zet Tanztheater di Zurigo‚ il Rigolo Tanzendes Theater di Wattwil‚ la Cie Pierre Droulers di Bruxelles…
Vincitrice di una borsa di studio governativa che le permette di soggiornare in India continuativamente per sei anni, si diploma a pieni voti in Bharatanatyam presso la prestigiosa Darpana Academy of Performing arts di Ahmedabad, perfezionandosi in seguito sotto la guida di alcuni tra i più rinomati docenti indiani.
E’ l’unica danzatrice non indiana scritturata dal Darpana Performing Group, e compie con questo gruppo una tournée in tutta l’India e a Singapore. E’ laureata in Storia del Teatro e fondatrice dell’associazione e omonima Compagnia di danza NAD.

Riccardo Di Gianni – sitar
Diplomato nel 2005 in chitarra, teoria e armonia jazz a Torino, lavora in teatro come musicista, compositore e sound designer. Dal 2006 studia il sitar e la musica Hindustani (musica classica del Nord India). Nel 2009 si reca a Varanasi (India) per studiare con Shivnat Mishra. Attualmente è allievo di Pandit Amarnath Mishra e del maestro Gianni Ricchizzi. Oltre a concerti di musica classica indiana organizza incontri di meditazione guidati dal suono del sitar e basati sulle antiche forme musicali indiane, i Raga.

Kamod Raj Palampuri – voce, tabla, harmonium
Nato a Manali (India) in una famiglia di musicisti, si diploma nel 2003 in tabla e canto classico presso il Conservatorio Pracheen Kala Kendra di Chandigarh. Studia con i Guru Ayub Khan (Punjab Gharana) e Allhaiya Baksh (Benares Gharana). Nel 2004 fonda con il fratello Yaman Raj lo Sharda Music Institute, per l’insegnamento della musica classica a Manali. Giunto in Italia nel 2008, partecipa da allora ad importanti manifestazioni tra cui Torino Spiritualità, Torino Jazz Festival, Salone Internazionale del Libro di Torino.

Per assistere allo spettacolo è richiesta una donazione minima a persona di 10 euro. Il contributo (al di là dei rimborsi spese) sarà devoluto a un Progetto dell’ASSEFA India rivolto a donne e bambini nella zona di Tandikudi (Tamilnadu):

  • Organizzazione di unità sanitarie mobili
  • Produzione di materiale educativo sulla nonviolenza per le scuole dei villaggi ASSEFA

Una iniziativa organizzata da ASSEFA Italia onlus e Gruppo ASSEFA Torino.

Il Gruppo ASSEFA Torino – attivo dal 1969 – è impegnato nella collaborazione con l’ASSEFA India, movimento di ispirazione gandhiana che opera nelle campagne dell’India  sostenendo piccole comunità rurali emarginate ad avviare percorsi di autosviluppo sociale, economico e culturale  secondo il principio del Sarvodaya. Con questo termine Gandhi intendeva una condizione di benessere materiale e spirituale per tutti (www.assefatorino.org).
Il Gruppo aderisce a livello nazionale all’ ASSEFA Italia, che coordina la rete dei gruppi locali e tiene i contatti con l’ASSEFA India, il partner con cui organizziamo le nostre attività.
ASSEFA Italia ONG è dal 2010 socio dell’Istituto Italiano della Donazione, che ne verifica la trasparenza a tutela del donatore e ne riconosce, attraverso il marchio “Donare con fiducia”, correttezza gestionale, qualità e affidabilità (www.assefaitalia.org)
Il Gruppo ASSEFA Torino è ospitato presso la sede del Centro Studi Sereno Regis, impegnato nello studio, nella ricerca e nella realizzazione di iniziative volte a coniugare ecologia ed equità, e ad affrontare i conflitti con un approccio creativo e nonviolento (http://serenoregis.org/).

Scarica il Volantino incontro ASSEFA 18 ott2014

Scarica il Pieghevole incontro ASSEFA 18 ott 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *