Novità libri – S. Montanari, Rifiuto riduco e riciclo per vivere meglio

S. Montanari (a cura di), Rifiuto: riduco e riciclo per vivere meglio. Guida alle buone pratiche, Arianna Editrice, Bologna 2009, pp.  160, € 12,00. Disponibile presso la Biblioteca del Centro Studi Sereno Regis, Torino.

Il volume fa parte del progetto di informazione e sensibilizzazione su tematiche come ambiente, salute ed energia che il Gruppo Editoriale Macro persegue tramite iniziative – oltre alla pubblicazione di testi relativi agli argomenti citati – si configurano momenti di incontro e confronto tra esperti, amministrazioni e cittadini. Alcuni tra gli autori di questo libro sono stati presenti come relatori al primo di questi incontri, tenutosi il 25 e 26 ottobre 2008 a Gambettola.

Il progetto editoriale ha l’intento di fornire stimoli e informazioni in merito a progetti concretamente realizzabili e di dare sazio alle migliori esperienze già realizzate, con la convinzione che – tramite una presa di coscienza collettiva e una maggiore responsabilizzazione personale – sia possibile attivare pratiche virtuose che forniscano un ulteriore stimolo per la formazione di una coscienza ecologica profonda e condivisa.

Riporto dall’Introduzione (pp. 8-9)
Come ebbe a dire Giorgio Bocca, nell’autunno del 2008 […] l’ottanta per cento delle notizie diffuse in Italia è falso.[…] «Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità» diceva Joseph Goebbels, il ministro della propaganda della Germania nazista. Ed è questo che si fa ogni giorno. Lo si è fatto in un recene passato con l’amianto, con il tabacco, con il piombo tetraetile, con la diossina, con i clorofluorocarboni. Lo si fa oggi con gli inceneritori […] Si noleggia qualche “scienziato” disponibile a distorcere la scienza, lo si fa parlare e scrivere secondo il copione desiderato e si acquisisce la credibilità che viene spacciata a ogni livello. Si mettono a libro paga non solo giornalisti, ma addirittura testate intere […] e si fa scrivere sotto dettatura.
Ho trovato molto interessante il richiamo alla «quarta R»: tutti conoscono le tre R (Riduzione, Riuso e Riciclo) ma la quarta R – quella della Responsabilità – è la chiave della sostenibilità. Il libro ci fa riflettere sul fatto che la responsabilità è ciò di cui abbiamo bisogno: responsabilità industriale, comunitaria, politica, professionale.
C’è poi un interessante elenco di Iniziative Rifiuti Zero nel mondo, dove scopriamo che fu la capitale australiana – nel 1996 – a varare una legge «rifiuti zero», impegnandosi a non avere rifiuti entro il 2010. E poi ci sono altri dati anche per quanto riguarda l’Italia (pp. 79 e ss.) e in particolare Ponte nelle Alpi (p. 137), con un’esauriente intervista al consigliere Ezio Orzes, socio fondatore del «Movimento per la decrescita felice».
Poi c’è il capitolo delle proposte, con quattro strategie innovative: bere l’acqua del rubinetto; spillaggio di liquidi e borse riusabili; introduzione massiccia del vuoto a rendere (var); tutti gli imballaggi in biomassa.
Si può discutere sulle proposte. Ma certo il libro – stampato su carta riciclata – può essere un utile strumento per chi va a parlare del tema «rifiuti» nelle scuole, nelle amministrazioni, nei Comuni dove, più che le parole, servono le buone pratiche. Buona la sitografia e non perdetevi l’Appendice, quanto mai illuminante: Lo sciacquone: una contravvenzione alle leggi cosmiche.

CiInzia picchioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *